Magazine Cinema

14° cinemambiente a torino. le monde...nous appartient.

Creato il 07 giugno 2011 da Nuamood

Si è conclusa il 5 giugno a Torino la 14a edizione di CinemAmbiente, il festival che dal 1998 presenta i migliori film internazionali a tema ambientale.

  Fondato e diretto da Gaetano Capizzi, dal 2006 CinemAmbiente è organizzato dal Museo nazionale del Cinema – Fondazione Maria Adriana Prolo ed è membro fondatore dell’Environmental Film Festival, un’associazione che riunisce i più importanti festival cinematografici internazionali a tematica ambientale attraverso il Green Film Network.  

CinemAmbiente è anche il primo festival ad emissione zero: tutte le emissioni di CO2 prodotte durante il festival sono compensate, i prodotti sono realizzati con materiali riciclati e certificati Ecolabel ed FSC.

 

Il 5 giugno, in cui si colloca l’ultima giornata del festival, è anche la Giornata Mondiale dell’Ambiente. L’attività di CinemAmbiente non è circoscritta ai giorni del festival, ma si sviluppa durante tutto l’arco dell’anno a favore del cinema e della cultura ambientale.

Il 2011 è dedicato al tema delle foreste, nell’ambito del quale è stata presentata l’anteprima italiana di Of Forests and Men di Yann Arthus-Bertrand, narrato da Paola Maugeri che era presente al festival anche come membro della giuria.   La competition di CinemAmbiente è suddivisa in tre sezioni: documentari internazionali, documentari italiani, cortometraggi internazionali. Fuori concorso altre tre categorie: Panorama (sezione internazionale che presenta film, cortometraggi di animazione e documentari dai linguaggi innovativi con focus su temi ambientali specifici), Eventi Speciali, Ecokids (progetto rivolto a studenti realizzato con il sostegno del Ministero dell’Ambiente).  

All’interno della sezione “Eventi Speciali” è stato presentato in anteprima [email protected], il primo progetto di eco-film creato con i contributi video realizzati dagli stessi cittadini sulla situazione ambientale italiana.

Il premio per il miglior documentario internazionale è andato a There once was an Island, della regista Briar March. Il film affronta una tematica ambientale, spesso oggetto di discussioni solo teoriche, come quella del cambiamento climatico che provoca l’innalzamento degli oceani. I protagonisti, gli abitanti di Tankuu, un piccolo atollo della Polinesia, sono soli di fronte all’impatto della cruda realtà ambientale che li colpisce. La coralità polifonica delle loro emozioni mette in luce la fragilità degli uomini di fronte alla potenza della natura, rendendoci partecipi di una tragedia che diviene problematica sociale. La giuria ha asserito che “guardando questo film sentiamo la necessità di riconsiderare il nostro rapporto con la natura, abbandonando l’idea di essere padroni di una terra che non appartiene solo agli uomini”.   Nella categoria “Documentari Italiani” ha vinto invece il film Loro della Munnizza, dei registi Marco Battaglia, Gianluca Donati, Laura Schimmenti, Andrea Zulini. Il film, ambientato a Palermo, narra la storia di una cooperativa che raduna 85 cenciaioli, veri e propri esperti nel recupero dei materiali riciclabili dalla spazzatura. “Per la capacità di raccontare l’umanità e la dignità dei “cenciaioli” di Palermo. Una storia fuori dall’ordinario in cui i registi riescono a mantenere il giusto equilibrio tra poetica e struttura narrativa” è la critica della giuria che li ha premiati.  

Nella sezione “Cortometraggi Internazionali” si è aggiudicato il premio della giuria il corto del regista francese Yann Sinic: Un Monde pour soi. A partire dal racconto L’Uomo che piantava gli alberi di Jean Giono, Yann realizza un saggio sull’impatto dello sviluppo dell’insediamento urbano nelle zone di campagna sul paesaggio, ma anche sulla biodiversità e sull’ambiente. “Il film affronta un tema di grande attualità, cioè l’urbanizzazione delle aree rurali in relazione al limite delle risorse naturali, con una profondità di sguardo che coglie la miseria della standardizzazione rispetto al valore del bene comune, della comunità”, ha affermato la giuria. 

CinemAmbiente è un festival che si pone tra l’arte e la realtà, che ci invita a riflettere e ad informarci per iniziare ad agire. Il mondo ci appartiene, ma può anche facilmente sfuggirci. Cominciamo col rispettarlo. Green Think!

14° CINEMAMBIENTE A TORINO. LE MONDE...NOUS APPARTIENT.
 

14° CINEMAMBIENTE A TORINO. LE MONDE...NOUS APPARTIENT.


Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :