Magazine Hobby

18 giugno: Tuca Tuca Raffa

Da Ginny @ginnyna

Ha fatto la storia della tv italiana. Non ci sono dubbi in merito.
È stata predecessora di Maria De Filippi.
Ha fatto scalpore il suo ombelico sfoggiato in diretta nazionale.
Il suo caschetto d’oro è il più imitato dalle donne italiane, anche perché lei è stata l’incontrastata “PIU’ AMATA DAGLI ITALIANI”.
Le sue canzoncine, Tuca Tuca, Ma che musica maestro, Tanti Auguri, A far l’amore comincia tu, sono sempre sottofondo musicale di festini divertentissimi.
È l’icona gay per eccellenza.

È tutte queste cose, è vero, ma io posso semplicemente cominciare a contare le rughe che si formano agli angoli degli occhi, se penso alla parodia di  Gianfranco D’Angelo a Drive In. Lui/lei con il tormentone su Sergio Japino e le sue risate esageratissime, con tanto di casquè di caschetto platino.  Quella per me è Raffaella. E so di farle un torto dicendo questo, messe a confronto vince sempre la parodia di Gianfranco!

18 giugno: Tuca Tuca Raffa

Non so, mai seguita una sua diretta, ma devo dire che appena appariva in schermo, la mia attenzione era focalizzata su di lei, e le sue gaffes eccelse, soprattutto in quei melò  Carramba che Sorpresa

La reputo una donna di grande intelligenza, assolutamente, una donna che ha fatto gavetta, che ha studiato e che ha meritato tutto quello che le è stato concesso.

Soprattutto andrebbe evidenziato che alla sua età sfoggia ancora un corpo da urlo, merito sicuramente di una vita dedita alla disciplina. Non sono una sua “piccola fan” ma sicuramente le riconosco il pregio di essere stata una gran signora dei salotti della tv italiana.

RAFFAELLA PELLONI IN ARTE CARRA’, NASCE A BOLOGNA IL 18 GIUGNO 1943 SOTTO IL SEGNO DEI GEMELLI


Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

Magazines