Magazine Viaggi

21 giorni in Asia: itinerario e informazioni

Creato il 18 gennaio 2016 da Marika L

Dopo aver parlato dei miei 21 giorni in Asia nell' ultimo post, mi sembra doveroso fornire qualche informazione per aiutare chi ha intenzione di organizzare un viaggio simile.
E' stata un'avventura straordinaria, un susseguirsi di situazioni e sorprese e imprevisti che capovolgevano continuamente il quadro che stavo vivendo, in un arcobaleno di stati d'animo che più di una volta mi hanno costretta a fermarmi per tenere a bada i picchi emotivi.

E' stata una parentesi di vita che porterò sempre dentro di me e anche se alcune cose non si riescono a raccontare, ogni viaggiatore si conosce e soprattutto conosce se stesso nei panni di persona pronta a mettersi alla prova, per sperimentare l'ignoto con tutti i sensi.
Questa è stata la mia Asia, dal primo all'ultimo giorno.

I più emozionanti, di giorni, sono stati senza dubbio quelli trascorsi in Myanmar, dove sono approdata per due ragioni: da un lato c'era il mio papà che da anni ormai mi spronava a visitare questo Paese del quale non conoscevo assolutamente nulla e dall'altro c'era Golden Land Travel, un'agenzia con la quale ho avuto la possibilità di collaborare e che mi sento sinceramente di consigliare a chiunque si appresti a fare un viaggio in Birmania. Golden Land Travel attua un Turismo Responsabile volto alla promozione del riciclaggio dei rifiuti, alla raccolta di fondi da destinare a organizzazioni di beneficenza, al riguardo per il patrimonio culturale e naturale e soprattutto al contatto diretto con la popolazione locale.
Confesso: ho mostrato qualche perplessità quando mi è stato proposto di essere accompagnata da una guida per tutta la durata del viaggio, ma con il senno di poi penso che mai consiglio fu più azzeccato.
Senza Min Min Kyaw non avremmo mai potuto conoscere dettagli non presenti sulle guide cartacee e neanche godere di una vicinanza così estrema con il popolo birmano. Quando dico che ho mangiato dal loro stesso piatto, intendo proprio che ho mangiato dal loro stesso, identico piatto.

21 giorni in Asia: che itinerario abbiamo seguito?

Mi sarebbe piaciuto trascorrere più tempo in Myanmar, ma l'assaggio che ne ho avuto mi è bastato per sentirne già la mancanza e non vedere l'ora di tornare al più presto.

24 dicembre: Volo Roma - Singapore con scalo a Dubai di circa un paio d'ore.
25 dicembre: arrivo in mattinata a Singapore
26 dicembre: Singapore
27 dicembre: Volo JetStar Singapore - Yangon (3 ore). Incontro con Min Min in aeroporto e visita di Yangon
28 dicembre: Volo Air Kanbawza Yangon - Heho (1 ora). Visita Lago Inle
29 dicembre: Lago Inle
30 dicembre: Volo Air Kanbawza Heho - Bagan (40 minuti). Visita di Bagan
31 dicembre: Bagan
1 gennaio: Bagan - Mandalay in auto (circa 4 ore)
2 gennaio: Mandalay e dintorni
Volo AirAsia Yangon - Phuket via Bangkok
4 gennaio: Phuket
5 gennaio: Phuket
6 gennaio: Traghetto Phuket Town - Krabi ( 2 ore circa)
7 gennaio: Krabi
8 gennaio: Krabi
9 gennaio: Volo AirAsia Krabi - Bangkok (1 ora)
10 gennaio: Bangkok - Ayutthaya - Bangkok
11 gennaio: Volo Emirates Bangkok - Dubai (6 ore e 40 minuti)
12 gennaio: Dubai
13 gennaio: Volo Emirates Dubai - Roma (6 ore e 10 minuti)

Abbiamo dedicato poco tempo alla visita di Bangkok semplicemente perchè ci eravamo già stati pochi anni fa, ma se vi trovate in città per la prima volta vi consiglio di aggiungere almeno due giorni.

Dove abbiamo alloggiato?

  • Bangkok: siamo tornati al Lebua, un hotel che abbiamo amato tre anni fa e che ancora una volta si è dimostrato un ottimo hotel.
    Per ulteriori informazioni: Lebua at State Tower: quando i sogni incontrano il cielo
  • Singapore: abbiamo scelto di dormire al Marina Bay Sands, casa della famosa infinity pool. L'hotel è meraviglioso e la piscina effettivamente bellissima, ma secondo noi non vale tutti quei soldi se come noi pensate di trascorrervi poco tempo. E' anche vero che se non si è ospiti dell'hotel non si può usufruire della piscina, quindi a voi la scelta.
  • Phuket/Patong: siamo scappati a gambe levate da Artha Guesthouse, che aveva un punteggio massimo su tripadvisor ma che in realtà si è rivelata una sistemazione totalmente diversa da come appariva in foto. Dovevamo trascorrervi tre notti ma dopo la prima siamo scappati e ci siamo spostati presso Amici Miei, una guesthouse gestita da italiani con camere molto carine. Tuttavia, se preferite un'atmosfera più rilassata (ma distante da Patong dieci minuti di scooter) vi consiglio di concentrarvi sulla zona di Kata o Karon.
    Per ulteriori informazioni: Qual è la zona di Phuket migliore?
  • Krabi/Ao Nang: abbiamo prenotato all'ultimo minuto l' Ao Nang Cliff Beach, un hotel bellissimo situato nella zona centrale e a cinque minuti a piedi dal punto da cui partono le long tail boat per le escursioni.

Gli alloggi in Myanmar sono stati prenotati direttamente da Golden Land Travel e ci siamo trovati molto bene con:

E il visto per il Myanmar?

Per entrare in Myanmar avrete bisogno del visto turistico, che si può richiedere online o tramite l'Ambasciata di Myanmar di Roma.
Io ho optato per la seconda opzione ed ho inviato tutto il materiale tramite corriere a questo indirizzo (Grazie per l'aiuto Monica!) :
Ambasciata di Myanmar
Viale Cortina D'Ampezzo No. 50, 00135, Rome, Italy

Trovate i moduli e indicazioni su cosa spedire a questo link.
Se cercate informazioni sulla richiesta online del Visto, vi consiglio di dare uno sguardo al post della mia amica Claudia, nel quale spiega quale procedura seguire.

Cosa mettere nello zaino?

Questo è stato il mio primo viaggio in Asia zaino in spalla e se penso a quante volte ho maledetto i valigioni pesanti mi chiedo come abbia fatto a non decidermi prima.
Il clima è stato buono ovunque: caldissimo a Singapore e in Thailandia, caldo ma a volte freschetto di sera in Myanmar. Vi consiglio di portare qualche pashmina e pantaloni lunghi leggeri, perchè vi capiterà spesso di visitare templi e pagode, nei quali sarebbe buona educazione coprire le spalle e le gambe. In Myanmar per entrare nei luoghi sacri dovrete togliere scarpe e calzini, quindi un paio di sandali potrebbe risultare comodo.

Se avete bisogno di un aiuto per organizzare un viaggio in Thailandia vi rimando a questo post.
Se invece avete bisogno di qualsiasi altra informazione, vi invito a contattarmi tramite email ([email protected]), la pagina Facebook del blog o semplicemente lasciando un commento qui sotto. Sarò felice di aiutarvi!


Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :