Magazine Società

24/2010 – Tutti in Islanda

Creato il 20 giugno 2010 da L'Incertain Regard
24/2010 – Tutti in Islanda
La crisi economica non impedisce all'Ultima Thule di affermarsi come un paese all'avanguardia.
Con 50 voti a favore e zero contro il Parlamento dell'isola artica ha dato il via libera ad una proposta di legge che punta a trasformare l'Islanda nel paradiso della libertà di espressione. Icelandic Modern Media Initiative (IMMI), questo il nome della norma approvata, garantisce infatti le più sofisticate protezioni giuridiche per chi fa il mestiere di informare: dal rafforzamento del segreto professionale dei giornalisti per quanto riguarda le fonti, agli incentivi per gli informatori che vogliano denunciare episodi di corruzione in organizzazioni private e pubbliche, passando per l'immunità per fornitori di connettività Internet in relazione ai dati che scorrono nelle loro reti. Per i reporter, i blogger e gli editori di tutto il globo che vogliono sfuggire a
censure e bavagli di ogni sorta l'approvazione della IMMI è una buona notizia: avranno presto un porto franco dove custodire documenti scottanti che vogliono far conoscere al pubblico, senza rischi di vederli sequestrati e un luogo dove, eventualmente, stabilire la propria residenza per godere di una legislazione più favorevole...

Il voto unanime da parte dei membri dell'Althing è stato riservato anche verso la legge che permette di celebrare matrimoni tra persone dello stesso sesso. L'attitudine islandese è semplicemente pragmatica: in un paese popolato da 320.000 abitanti e governato, unico al mondo, da una premier lesbica, l'omosessualità non è mai stata un problema. L'Islanda diventa l'ottavo paese europeo, dopo Paesi Bassi, Belgio, Spagna, Norvegia, Svezia e Portogallo, ad avere modificato la propria legislazione sul matrimonio per permetterlo anche alle coppie omosessuali.

Vita di redazione

Secondo me la Franca e la Carla sono la stessa persona. No, io le ho viste insieme. Forse sono gemelle e non ce l'hanno mai detto... (si discute animatamente delle sorelle Sozzani, ndr.)


VISIONS DE LA SEMAINE
Sur petit écran

:-)) Carlos di Olivier Assayas
:-)) Breaking Bad (prima stagione)

Terminata la visione della prima stagione di Treme e dell'undicesima di The Ultimate Fighter

L'incertain regard salta un paio di giri e ritorna l'11 luglio col numero 27


Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • Più ordinanze per tutti

    Per la serie le ordinanze sono (quasi) sempre sbagliate, il sindaco di Mantova Nicola Sodano (Pdl) ha prodotto una perla: l’ordinanza contro l’accattonaggio. Leggere il seguito

    Da  Stiven1986
    POLITICA, SOCIETÀ
  • Più vacanza per tutti

    «Ormai anche Bossi non sta più dalla mia parte. Basta, ho una grana al giorno. Sto pensando di prendermi una bella vacanza e di abbandonare tutti. Così voglio... Leggere il seguito

    Da  Paz83
    SOCIETÀ
  • Tolleranza per tutti

    Questo è quanto riportano le cronache: “il mattino di Padova — 23 giugno 2010 pagina 25 sezione: PROVINCIA VIGONZA. La Lega presenta una mozione... Leggere il seguito

    Da  Renatocappon
    SOCIETÀ
  • Islanda vs Italia 1000-0

    Islanda Italia 1000-0

    In Islanda la premier, dichiaratamente omosessuale, sposa la sua compagna; in Italia è ancora fantascienza non soltanto l’ipotesi che il presidente del consigli... Leggere il seguito

    Da  Zagial
    SOCIETÀ
  • Legalizzate le Nozze Gay in Islanda. E l’Italia?

    Legalizzate Nozze Islanda. l’Italia?

    In Islanda vengono legalizzate le nozze gay, e ad innaugurare le danze è niente meno che la premier: Johanna Sigurdardottir. A che punto è l'Italia?Legalizzate... Leggere il seguito

    Da  Ciraolo
    MONDO LGBTQ, SOCIETÀ
  • Tutti al mare...

    Sono una privilegiata.Abito a 10 MINUTI di macchina dal mare. Volendo potrei godermi il fresco dell'acqua a piacimento.Però, e qui scatta l'inghippo, ho un... Leggere il seguito

    Da  Slela
    FAMIGLIA, MATERNITÀ, SOCIETÀ
  • Contro tutti i totalitarismi

    Contro tutti totalitarismi

    Cinque mesi di carcere per aver definito "talebani" gli intellettuali che fomentarono l'odio che portò alle guerre jugoslave degli anni '90: è la sentenza emess... Leggere il seguito

    Da  Pasudest
    SOCIETÀ

Magazine