Magazine Cultura

2666 di Roberto Bolaño. 5. La parte di Arcimboldi

Creato il 21 dicembre 2012 da Spaceoddity
2666 di Roberto Bolaño. 5. La parte di ArcimboldiCome figlio di padre zoppo e di madre guercia, Benno von Arcimboldi (Hans Reiter all'anagrafe) è l'esito di un'accanita asimmetria. Non ama né il cielo, né il mare, né la terra, i regni che i figli di Cronos si spartirono all'inizio dei tempi mitici. Ama le valli in fondo alle distese acquose, quelle distesa di terra e di roccia da vedere in apnea, quando in un'immersione ardita sparisce dalla vista di tutti gli uomini. Esule da ogni convenzione, è uno dei personaggi più schivi, per certi aspetti direi anche refrattari all'empatia che io ricordi di aver incontrato. Il protagonista di La parte di Arcimboldi e, a posteriori, direi dell'intero 2666, romanzo monstrum ed enciclopedico di Roberto Bolaño, è uno dei personaggi più schivi e refrattari all'empatia che abbia mai incontrato.
Alto, altissimo, anzi normale, Hans Reiter è il mito della sorella Lotte, di dieci anni minore, cammina con passi da gigante nella sua copiosissima attività onirica e in una narrazione che sembra ambientarsi in un mondo deserto e scarnificato su cui un giocatore ossessivo-compulsivo abbia tracciato i confini degli stati reali. La storia, così come la studiamo a scuola, è poco più di una partita a Risiko tra culture diverse, un gioco di società dove prevale la più disperata solitudine. La cultura di Roberto Bolaño, la sua conoscenza esatta di cose e luoghi, la sua dimestichezza con scenari diversi, tutto è sorprendente in 2666.  L'autore ha la spregiudicatezza sbalorditiva dell'autodidatta, la precisione del filologo, la mondanità del cronista più smaliziato e pragmatico. Ovunque mi porti (tra la Germania e l'importantissimo Messico), Bolaño non cessa di spiazzarmi: è una guida insieme misteriosa e scatenata, ignara di ogni percorso turistico nella vita di luoghi e persone.
Come le precedenti, e forse ancor più, anche La parte di Arcimboldi è fatta di cortocircuiti e di fughe, talune anche nevrotiche, di improvvise narrazioni periferiche che gorgogliano per pagine e pagine, facendo perdere al lettore il punto di vista unitario e spingendolo a cercare l'energia che convoglia tutta questa urgenza verbale. Lunghi elenchi, anafore e lancinanti (quanto inattesi) bagliori lirici - in uno stile che non annoia mai e si impara presto a riconoscere - avvolgono chi incontri 2666 in un'aura di magia e di torpore elettrico. Il linguaggio è sapido, molto icastico; misurato, ma sprezzante di ogni classicismo di maniera, ricco senza ammiccare mai al lettore e senza, tanto meno, tentare di coinvolgerlo in una qualche forma forzata comunicazione. La lucidità che trasuda dalle pagine di questo romanzo è spietata, non consente abbandono, requie, anche se non diventa azione. Si può indagare a lungo sulla storia che racconta, eppure si rimane con un nulla di fatto, con una figura che compare, poco alla volta, dall'aggiunta di piccoli dettagli: come un puzzle o, appunto, un quadro del pittore milanese Arcimboldi, al quale Hans Reiter si ispira, su vie traverse e molto letterarie, per costruire la sua nuova identità.
2666 di Roberto Bolaño. 5. La parte di Arcimboldi
2666 è un romanzo obliquo, che procede per tronconi e ricrea, sia pure a partire da scorci, un paesaggio inconfondibile, difficile da dimenticare. Sarebbe ingeneroso e banale attribuire tutto ciò al lungo tempo passato insieme a Bolaño, da La parte dei critici in poi: la verità è che la sua scrittura ha carattere e stile. La penna è cruda, l'occhio vigile, il passo fermo, il cervello e il cuore rapaci nei confronti della vita e del mondo. La parte di Arcimboldi ha senz'altro il merito di sintetizzare tutto il progetto di 2666 in una storia che le contenga tutte, nella consueta fisarmonica di filtri e piani narrativi, che allontanano dal qui e dall'ora del racconto. La parte di Fate e La parte dei delitti vengono recuperati in una storia che sembrava aliena da contatti con le vicende  del deserto del Sonora; perfino l'intermezzo lirico-drammatico de La parte di Amalfitano sembra rientrare nella vicenda di Arcimboldi, sia pure con i tratti di pennellate di dettagli ai margini (quelle che spesso consentono agli specialisti di individuare con certezza un pittore). Semmai, se un limite a questo cappello conclusivo si vuole trovare, direi che la fine ha un sapore affrettato, come di chi abbia premura di comporre un'immagine che altrimenti si teme di perdere: Roberto Bolaño, insomma, giunto a questo punto, sembra dire e non raccontare quella che è la trama nascosta dell'opera, il suo significato, suggerisce (senza lasciarlo) un retrogusto. D'altra parte, 2666 non è, neanche nelle ultime pagine, un romanzo didascalico, poiché autore e personaggio si garantiscono un distacco sovrano da ogni impropria semplificazione e, con ciò, un fascino algido e magnetico.

Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

Dossier Paperblog

Magazines