Magazine Società

330 – e tu, che barbone saresti?

Creato il 13 ottobre 2011 da Giustina
330 – E TU, CHE BARBONE SARESTI?È un momentaccio per l’Italia.   Non so voi ma, in fondo al tunnel, io intravedo un crepaccio. L’ottimismo batte la fiacca e continua a grattugiare panico sul futuro che ci aspetta: ti sei mai chiesto che tipo di barbone saresti?
Io, per esempio. Sono freddolosa: non riuscirei a superare un solo inverno all’addiaccio. Sono minuta: dubito che saprei difendermi dai barboni abbrutiti dalla cattività o dalle bande di naziskin. E poi sono fissata con l’ordine e con le regole: probabilmente finirei per catalogare e ammaestrare i miei pidocchi.

Se diventassi una barbona, vorrei incontrare una come Stephanie Forrester sul mio cammino: un donnone ricco e socialmente iperattivo che mi salvi dalla fine. Qualche tempo fa, quando aveva scoperto di avere un tumore in fase terminale, invece di curarsi per rallentare il decorso della malattia, Stephanie s’era data alle montagne russe, agli scivoli gonfiabili e ai Mimosa. Poi, però, s’era imbattuta in Daisy: una barbona coi dreadlock perfetti, il sorriso Durbans e un cuore nobile e sincero. L’incontro aveva risvegliato la voglia di vivere di Stephanie che si era resa conto di avere ancora una “missione” da portare a termine: aiutare gli homeless di Skid Row. “Se non puoi salvare mille vite, salvane una” cita la barbona parafrasando niente meno che Madre Teresa di Calcutta. Stephanie non è più il diavolo che era (e che ci piaceva tanto): dimenticatevi le risse. Scordatevi i piani machiavellici e le vendette sanguinarie. Ora Stephanie vuole solo sdebitarsi con Daisy! Non contenta di averle dato un impiego alla Forrester, oggi le ha fatto un regalino.

Un braccialetto?
Un libro? 
Una giacca? 
Provinciali.
Le ha comprato un bar. L’ex Insomnia di CJ Garrison è diventato dunque il Daisy’s – un punto di ritrovo per disadattati, indigenti e sfollati – e ha inaugurato con una festa natalizia che dura da tre puntate: un'agonia di bontà e lucine. Stephanie: Save the cheerleader, save the world!

Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • 4 Giugno … CICLOREFERENDIAMO ! E tu?

    Giugno CICLOREFERENDIAMO

    Ha vinto la democrazia, ha vinto la Costituzione. La Cassazione ha bocciato il tentativo del Governo di bloccare il quesito sull’energia nucleare SABATO 4 GIUGN... Leggere il seguito

    Da  Firenze5stelle
    POLITICA, POLITICA INTERNAZIONALE, SOCIETÀ
  • Tu

    che vai da Sibelius all' hard-rockda Orson Welles a PozzettoTUche vai dal cristianesimo al satanismodalla psicologia all'esoterismoTUche vai dalla donna di... Leggere il seguito

    Da  Carlo_lock
    CULTURA, SOCIETÀ
  • E tu, Nichi, quando ti spari?

    “Il progetto di un grande ospedale pubblico-privato ha preso avvio circa un anno fa quando don Luigi Verzé, presidente del San Raffaele ha avanzato la proposta... Leggere il seguito

    Da  Malvino
    SOCIETÀ
  • Che ne sai di innovazione didattica, tu che ne sai?

    innovazione didattica, sai?

    Non mi scandalizza che si continui a parlare di libri digitali e di strumenti per leggerli: le strutture organizzative della scuola cadono a pezzi e... Leggere il seguito

    Da  Maestrarosalba
    CULTURA, FAMIGLIA, SOCIETÀ
  • Siamo 7 miliardi, tu che numero sei?

    Siamo miliardi, numero sei?

    I demografi prevedono che raggiungeremo la cifra storica di 7 miliardi tondi tondi entro la fine del mese di ottobre.L'annuncio ufficiale arriverà dal rapporto... Leggere il seguito

    Da  Gps
    SOCIETÀ
  • Dimettiti tu, che a me vien da ridere

    "Il problema è che qualcuno possa pensare di comportarsi contro gli interessi del proprio Paese, in questo modo causando uno spiacevole incidente con un paese... Leggere il seguito

    Da  Serenzia
    ATTUALITÀ, POLITICA, SATIRA, SOCIETÀ
  • Io la vorrei così e tu?

    vorrei così

    APERTA Vigonza non deve essere isolata. Perché aria e acqua non si fermano ai confini amministrativi. Perché il traffico ha ragioni che vanno oltre le... Leggere il seguito

    Da  Renatocappon
    OPINIONI, SOCIETÀ

Magazine