Magazine Cinema

66mo Festival di Cannes, oggi il via

Creato il 15 maggio 2013 da Af68 @AntonioFalcone1

tgtDel 66mo Festival di Cannes, che prende il via oggi, mercoledì 15 maggio, ne ho già scritto nel corso dei giorni, man mano che venivano diffusi i vari comunicati stampa, per cui in questo articolo ho riassunto le notizie fondamentali, con qualche aggiornamento, nell’intenzione di condividere una sorta di promemoria con i lettori e quanti saranno sulla Croisette grazie alla forza del’immaginazione, offrendomi al riguardo gradita compagnia, seguendo l’evento su web, giornali e televisione, sino a domenica 26, quando sapremo a chi sarà assegnata la Palma d’Oro da parte della Giuria presieduta da Steven Spielberg e composta dalle attrici Nicole Kidman e Vidya Balan, dai registi Ang Lee, Naomi Kawase, Cristian Mungiu, Lynne Ramsay, ed infine dagli attori Daniel Auteuil e Christoph Waltz.

fsdtgf
Madrina della kermesse l’attrice francese Audrey Tautou, l’apertura sarà affidata ad uno dei titoli più attesi della stagione, The Great Gatsby (uscito lo scorso 10 maggio in America, nelle nostre sale da domani) per la regia di Baz Luhrmann e con Leonardo DiCaprio protagonista, che sarà proiettato in 3D, mentre la pellicola di chiusura, Zulu, porta la firma di Jérôme Salle.
Tra i titoli in concorso risaltano Only God Forgives, di Nicolas Winding Refn, con Ryan Gosling; La venere in pelliccia, diretto da Roman Polanski; Wara No Tate/Shield Of Straw, per la regia di Takashi Miike; Behind The Candelabra, di Steven Soderbergh; Inside Llewyn Davis, dei fratelli Coen, Un chateau en Italie, terza prova come regista di Valeria Bruni-Tedeschi.
A rappresentare i nostri colori La grande bellezza di Paolo Sorrentino, interpretato da Toni Servillo, mentre Miele, opera prima di Valeria Golino, già in sala, parteciperà nella sezione Un Certain Regard (The Bling Ring, di Sofia Coppola, il film d’apertura); all’interno della Seimane de la Critique, aperta da Suzanne di Kaitel Katell Quillévéré, fra i titoli in programma vi è anche Salvo, film d’esordio dei due registi siciliani Fabio Grassadonia e Antonio Piazza.

erter
Ospite d’onore sarà l’attrice Kim Novak, in occasione della proiezione, all’interno di Cannes Classics, della versione restaurata del film La donna che visse due volte (Vertigo, Alfred Hitchcock, ’58, tratto dal romanzo D’entre les morts, ’54, autori Thomas Narcejac e Pierre Boileau), che la vide protagonista insieme a James Stewart.
Prenderà inoltre parte alla cerimonia di chiusura della kermesse francese.
Tra i titoli presenti nella suddetta sezione in evidenza film come Cleopatra (’63, Joseph L. Mankiewicz), il delizioso musical Les parapluies de Cherbourg (‘64, Jacques Demy, Palma d’oro a Cannes nel ’64, con Catherine Deneuve e Nino Castelnuovo), La grande abbuffata (’73, Marco Ferreri) o Lucky Luciano (’73, Francesco Rosi) e Il deserto dei tartari (’76, Valerio Zurlini), senza dimenticare la riconversione in 3D de L’ ultimo imperatore, di Bernardo Bertolucci, ’87, della quale molti, scrivente compreso, si stanno chiedendo l’utilità, anche sotto l’aspetto della fruizione essenzialmente spettacolare.

fwerftr
Interessante, infine, l’omaggio -retrospettiva a Jerry Lewis, molto amato in Francia, lo è stato in particolare dai registi della Nouvelle Vague, con la proiezione di Max Rose, diretto da Daniel Noah, che vede l’attore protagonista, e de L’idolo delle donne (The Ladies Man, ‘61), sua seconda prova registica. La locandina ufficiale del Festival, che vedete nella foto in alto a sinistra, è opera dell’agenzia Bronx di Parigi, che ha rimasterizzato il celebre scatto del bacio tra Paul Newman e Joanne Woodward, durante le riprese del film Il mio amore con Samantha (A New Kind of Love, 1963) per la regia di Melville Shavelson.


Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog