Magazine Per Lei

A guardia della tua solitudine

Creato il 07 febbraio 2013 da Massimo Silvano Galli @msgdixit

A guardia della tua solitudineNei post precedenti ("il mito dell'indipendenza" e "Il mito della (con)fusione") abbiamo osservato come l'amore, quando si fa con-vivente, cioè tenuto in vita, nutrito, progettato, giorno per giorno, da due persone che decidono consapevolmente di alimentario, questo amore rappresenta, per sua stessa natura, una rinuncia alla totale indipendenza, così come necessità di non precipitare in forme spersonalizzanti di dipendenza, per aprirsi, invece, con la necessaria dose di fatica e di coraggio al gioco dell'interdipendenza.Come bene ci informa Jorge Amado per bocca di una delle sue affascinanti eroine, quella Dona Flor che ebbe contemporaneamente due mariti e tanto imparò sulle cose dell'amore ("Dona Flor e i suoi due mariti"), ognuno è prigioniero della propria individualità e l'idea che si possa essere così contigui all'Altro da potersi fondere totalmente, è una bella metafora con la quale ci trastulliamo, alla quale forse miriamo ma sapendo in cuor nostro, che mai accadrà veramente, anzi che, laddove dovesse accadere, sarebbe un vero disastro, poiché la totale coincidenza con il corpo e l'anima dell'amato non farebbe che riprodurre la nostra immagine in uno specchio incapace di qualsivoglia rifrazione se non, paradossalmente, l'immagine della fine dell'amore.Invece, quando Teodoro, suo secondo marito, dice a Dona Flor: "Noi non ci nasconderemo mai nulla, vero? Noi ci diremo sempre tutto," la saggia Flor gli risponde: "Tutto no, Teodoro, tu non sai quale oscuro pozzo sia il cuore della gente.".Questa posizione, un po' paradossale, che costringe l'amore a farsi continuamente elastico tra la necessità di perdersi nell'Altro (vedi il post: "Perdere se stessi") e la necessità che non accada veramente, è il compito cui ogni giorno siamo chiamati, per difendere e alimentare il nostro amore dal pericolo della crisi.Questo pozzo oscuro che alberga in ognuno di noi, rappresenta, infatti, uno dei tratti caratteristici dell'umano: il nostro essere in perenne balia della consapevolezza di esserci e, al contempo, di non esserci stati e, un giorno, di non esserci più, che si declina in molteplici strategie di evitamento, ma anche coraggiose azioni di confronto e di superamento di questa intrinseca solitudine di cui l'amore bene rappresenta la complessità, comprendendo, più di altre manifestazioni umane: evitamento, confronto e superamento, in una perenne lotta che è tanto più feconda quanto più non ha pace.Viene allora in mente e si comprende la splendida definizione del grande poeta Rainer Maria Rilke quando afferma che amare è "stare a guardia della solitudine altrui", che non significa, appunto, esaurirla, colmarla, riempiendo, con la nostra ingombrante presenza, il vuoto che ci connatura e su cui ognuno di noi è chiamato -invece- attivamente a lavorare (a prescindere da qualsivoglia Altro che gli sta affianco), significa, bensì: nutrirla, aiutare l'altro a com-prenderla (prenderla dentro di sé) e coltivarla (non rifuggirla), permettendole anche di sedarsi, ma senza mai precipitare nel rischio che questa solitudine scompaia.È questa solitudine, infatti, che non solo ci spinge a cercare l'Altro, desiderandolo tanto da voler fonderci con lui nello spirito e nella carne, affinché la solitudine, almeno per un attimo, si attenui e con lei la condanna della nostra mortalità che l'alimenta ma, soprattutto, che ci spinge a cercare noi stessi, ma di questo avremo modo di riflettere nel prossimo post...

Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • A volte

    volte

    A volte la faccia tosta è l’unica cosa che resta. A volte quando nell’intimo ci si rende conto di essere delle brutte persone ed troppo tardi per fare... Leggere il seguito

    Da  Phoebe1976
    PER LEI
  • Fino a che punto?

    Fino punto?

    - Ciao Redaz.- Ciao Rouge, che voce da funerale. Che è successo?La mia amica Rouge ed io non siamo di quelle amiche che si sentono ogni giorno e si raccontano... Leggere il seguito

    Da  Taccodieci
    PER LEI
  • A Massimiliano

    Massimiliano

    Questo post non poteva mancare.Proprio no.A te, a te piccolino che sei arrivato da una mamma e da un papá speciali.Non riesco a ricordare da quanti anni... Leggere il seguito

    Da  Mammamodellobase
    MATERNITÀ, PER LEI
  • In mezzo a tutto

    mezzo tutto

    Faccio fatica a riprendere il filo delle faccende che ho in testa perché, onestamente, sono tante. A lavorare, cioè il lavoro quello "vero", ho un mucchio di... Leggere il seguito

    Da  Contofinoa3
    MATERNITÀ, PER LEI
  • SEPHORA sbarca a Udine!

    SEPHORA sbarca Udine!

    Il 18 ottobre 2012 Sephora inaugurerà il primo beauty store a Udine: un nuovo spazio che porta a quota 114 i negozi Sephora presenti sul territorio italiano. Vi... Leggere il seguito

    Da  Crazy4makeup
    BELLEZZA, PER LEI
  • Togliete l’Attak a Formigoni!

    Togliete l’Attak Formigoni!

    Anche a noi Commari, che solitamente siamo troppo prese da quello che accade nel nostro cortiletto per occuparci di politica, appare evidente che qui in Italia... Leggere il seguito

    Da  Commarebradipina
    PER LEI
  • Intervista a Mo Stracci

    Intervista Stracci

    0 Commenti Elena Terenzi è in arte Mo Stracci, una mamma sempre indaffarata che profuma di lavanda, fragranza che ama come il mare, i sorrisi e la compagnia... Leggere il seguito

    Da  Acomealice
    MATERNITÀ, PER LEI

Dossier Paperblog

Magazine