Magazine Arte

A Milano, AAF (Affordable Art Fair) 3-6 Febbraio

Creato il 15 gennaio 2011 da Roberto Milani

Al via l'edizione milanese di AAF (Affordable Art Fair). All'estero, questa iniziativa ha riscosso un successo veramente notevole. Un nuovo modo di avvicinare il pubblico, in particolare quello giovane, al mondo dell'arte.Spero veramente che Milano e i milanesi, ma gli italiani in genere, siano pronti a sostenere questo evento.A Milano, AAF (Affordable Art Fair) 3-6 FebbraioThe Affordable Art Fair MilanoSuperstudio Più, via Tortona, 3-6 Febbraio 2011

La principale fiera internazionale per l'arte contemporanea al di sotto dei €5.000.
The Affordable Art Fair arriva a Milano, presso Superstudio Più in Zona Tortona.
Porterà più di 60 gallerie dall'Italia e dall'estero, a Superstudio Più - una  sede per eventi ben conosciuta a Milano.
La fiera si rivolge sia a visitatori che non hanno mai comprato arte prima, sia ad amanti ed esperti d'arte che cercano nuove gallerie o nuovi e giovani artisti.  
AAF è un evento giovane, dinamico e accessibile che abbassa le barriere all'acquisto di arte originale, ed è un luogo rilassato e divertente che la gente può  visitare senza pressioni e ammirare una grande varietà di pitture, sculture, fotografie e stampe, di artisti viventi, con prezzi obbligatoriamente esposti che vanno dai 100 ai 5.000 euro.
AAF è la più famosa e vincente fiera d'arte del suo genere. Con 10 anni di esperienza, Affordable Art Fair organizza ogni anno fiere di successo a Londra, Bristol, New York, Parigi, Amsterdam, Bruxelles, Sydney, Melbourne, e presto a Singapore. Per avere un'idea di cosa sia Affordable Art Fair, visitate i siti delle altre sedi.
Alla prima edizione di AAF Milano sono attesi più di 9.000 visitatori (ad es. Amsterdam accolse 9.000 visitatori alla prima edizione, e Bruxelles 10.500). A livello internazionale, fino ad ora 800.000 persone hanno visitato le Affordable Art Fair, acquistando più di 130 milioni di euro d'arte!
http://www.affordableartfair.it/ 

Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

Magazines