Magazine Cultura

A proposito di avanguardie

Creato il 19 marzo 2010 da Ivan
"Ora, credo che se non prestiamo attenzione a formulare in modo accurato ed articolato queste domande, rischiamo di produrre un discorso di nicchia dal punto di vista politico, oppure corporativo, da "addetti ai lavori artistici", dal punto di vista disciplinare. Se considerate questi due pericoli, se li intersecate, al punto di giuntura tra nicchia politica e corporativismo artistico ed estetico, troverete esattamente quello che storicamente si è chiamato un'avanguardia. ...... Mi ha colpito profondamente la domanda: "cosa dice l'arte o cosa dicono gli artisti dei movimenti". Se si sostituisce alla parola artisti quella, più datata, di intellettuali, ci si drizzerebbero i capelli in testa. Fa spavento. Vi immaginate un convegno nel quale si chieda all'arte e agli artisti di essere una sorta di coscienza lungimirante, gentilmente pregata di illuminare la mente nebbiosa dell'uomo qualunque e nella fattispecie, anche quella dei movimenti politici? Vi immaginate la riflessione politica ristretta ad una prospettiva in cui solo alcuni (per genio, specificità, dati anagrafici, ragione sociale, prezzo di mercato, o gloria artistica personale) abbiano diritto ad intervenire e siano riconosciuti come detentori di verità, mentre la stragrande maggioranza della "gente comune" si affida alla loro vista straordinaria, alle loro percezioni fuori dal comune? Vi immaginate un'Italia berlusconiana affidata a tanti nuovi piccoli D'Annunzio, magari anche (o soprattutto) di sinistra?..... Alle nicchie e gli specialismi si devono opporre l'intreccio, l'attraversamento, la contaminazione, la condivisione, la comunanza..... Qual è l'intreccio tra militanza politica e arte? Qual è, nonostante la loro diversità, il loro comune?...
La sperimentazione"
( Judith Revel al seminario Multiversity, all'interno di "L'arte della sovversione", a cura di Marco Baravalle, Manifestolibri,2009)
Cosa dire, il passaggio sull'Italia berlusconiana mi sembra triste. Credo che gli echi Chomskyiani siano evidenti in questo estratto; come sono evidenti in un film a me caro, Brian di Nazareth (forse questi echi esistono solo nella mia testa, ma non importa, è la stessa cosa). Da Musil (non che prima non ci fosse, solo che dopo è stata configurata in maniera diversa secondo me) in poi c'è questa idea che l'uomo non sia in grado di decidere del proprio essere e che debba affidarsi a singoli dotati di particolare qualità (genio, ragione sociale ecc....). A mio avviso questa visione individualistica è stata ribadita negli anni non solo in letteratura, ma anche in campi quali l'economia (da Walras in poi) ed il cinema (vorrei precisare che non bisogna fare confusione tra narrazione attraverso una prospettiva individuale ed esaltazione del singolo, certo le cose non sono indipendenti, ma non sono nemmeno la stessa cosa). Idea fortemente criticata da Chomsky che individuava in questo fenomeno una delle cause (alla radice forse) di indebolimento dei vari movimenti ed attivismi. Per concludere, in onore alla sperimentazione sopracitata un estratto del film suddetto. Ora la narrazione non è certo effettuata tramite prospettiva multipla, ma non credo ci sia esaltazione individualista, semmai tristezza per l'incapacità di rispondere alla responsabilità dell'agire comune.
http://www.youtube.com/watch?v=9lIK25YryWw&feature=related
Buona visione

Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • Trasferta a Wiesbaden

    In occasione della prossima trasferta  a Wiesbaden col Teatro Lirico di Cagliari, sono ansiosa di avere notizie che riguardano questa città tedesca. Leggere il seguito

    Da  Musicamore
    CULTURA, MUSICA
  • Il lirico a Wiesbaden

    lirico Wiesbaden

    In questo momento di grave crisi culturale nel mondo dello spettacolo a causa del decreto Bondi con i suoi tagli finanziari, la lirica italiana, il nostro... Leggere il seguito

    Da  Musicamore
    CULTURA, MUSICA, PALCOSCENICO, TEATRO ED OPERA
  • Compleanno a 39

    Compleanno

    Oggi è il mio compleanno. Ma non  ho compiuto 39 anni. Purtroppo 39 sono  i gradi della temperatura che ho rilevato stamane alle 6 e mezzo. Ho fatto colazione,... Leggere il seguito

    Da  Albix
    CULTURA, PALCOSCENICO
  • Gianni Rodari a Varese

    Gianni Rodari Varese

    Gianni Rodari e la signorina Bibiana: i racconti e gli scritti giovanili Presentazione del volume Venerdì 14 maggio 2010 Ore 18. Leggere il seguito

    Da  Paolo Franchini
    CULTURA, LIBRI
  • Intervista a inBLU Radio

    Leggere il seguito

    Da  Maurizio Lorenzi
    CULTURA
  • Lista Nozze a Cannes

    Lista Nozze Cannes

    Non guardate la vicenda con gli occhi di oggi, se non volete indignarvi, ma se volete capire pensate al 1971, se il privilegio dell’età ve lo consente. E se... Leggere il seguito

    Da  Albix
    CULTURA, LIBRI, MUSICA, POP / ROCK
  • Simple Minds live a Torino a Luglio

    Simple Minds live Torino Luglio

    Notizia flash sui Simple Minds.Il 28 luglio alla Reggia Di Venaria(Torino) ci sarà l'unica data italiana del 2010 per la band di Jim Kerr. Leggere il seguito

    Da  Lesto82
    CULTURA, MUSICA

Magazine