Magazine Cultura

A testa alta

Da Renzomazzetti

compagna Maya.

Mia cara compagna, ti scrivo queste parole senza sapere se ti arriveranno mai, quando ti arriveranno e se sarò ancora in vita allorché le leggerai. Durante tutta la mia lotta per l’indipendenza del nostro paese, non ho mai dubitato un istante del trionfo finale della causa sacra a cui i miei compagni ed io abbiamo dedicato tutta la nostra vita. … Non siamo soli. L’Africa, l’Asia e i popoli liberi e liberati di tutti gli angoli del mondo si troveranno sempre a fianco dei milioni di congolesi che non cesseranno la lotta se non il giorno in cui non ci saranno più colonizzatori, né mercenari loro nel nostro paese. Ai miei figli che lascio per non vederli forse mai più voglio si dica che l’avvenire del Congo è bello e che esso attende da loro, come da ogni congolese, l’adempimento del compito sacro della ricostruzione della nostra indipendenza e della nostra sovranità: poiché senza dignità non vi è libertà, senza giustizia non vi è dignità e senza indipendenza non vi sono uomini liberi. Le brutalità, le sevizie, le torture non mi hanno mai indotto a chiedere la grazia, perché preferisco morire a testa alta, con la fede incrollabile e la fiducia profonda nel destino del nostro paese… Non piangermi, compagna mia. Io so che il mio paese, che soffre tanto, saprà difendere la sua indipendenza e la sua libertà. Viva il Congo! Viva l’Africa! -Patrice Lumumba-

 

QUANTO  SEI  BELLA  O  FORESTA

Quanto sei bella o foresta,

creata dal Dio degli dei,

da Muungu con le sue mani.

 

Tu sei per noi una madre

e tu ci dai cibo e riparo,

dai vita, morte e tutto.

 

Quanto sei grande o foresta!

Noi non potremo giungere mai

dove tu hai fine, o foresta.

(canto dei negri congolesi)

 

[ Cerca: GOLDA ]


Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • Aa.vv. - alta pressione (1963)

    Aa.vv. alta pressione (1963)

    Il mondo della musica leggera ha sempre manifestato una speciale sensibilità di fronte ai piccoli o grandi avvenimenti che provocano una trasformazione di... Leggere il seguito

    Da  Memories
    CULTURA
  • A testa in giù

    testa

    Chi si aspettava un libro di filosofia ha capito ancora ben poco del fenomeno “mafia”. Perché poi la mafia, non è un fenomeno. Leggere il seguito

    Da  Jenny76
    CULTURA, SOCIETÀ
  • Recensione di The reader – A voce alta

    Recensione reader voce alta

    Germania del dopoguerra. Dopo essere stato soccorso da una donna sui 35 anni, un liceale intraprende una relazione con lei. Dopo una prima fase in cui il ragazz... Leggere il seguito

    Da  Sky9085
    CINEMA, CULTURA
  • Alta tensione

    Alta tensione

    Il cinema francese o meglio di produzione francese, anche se Besson sembra essere uno che strizza l'occhio con facilità oltreoceano, sa essere truculento al... Leggere il seguito

    Da  Sostiene Pereira...
    CINEMA, CULTURA
  • Erba alta

    Erba alta

    Komako Sakai è nata a Hyogo nel 1966, ha studiato arte a Tokyo, si è occupata di design tessile finalizzato alla realizzazione di kimono, oggi illustra libri pe... Leggere il seguito

    Da  Zazienews
    CULTURA, LETTERATURA PER RAGAZZI, LIBRI
  • In Tv - "The Reader - A voce alta"

    "The Reader voce alta"

    Su RAI3 alle 21,05 "The Reader" di Stephen Daldry è un melò intenso e ispirato che pecca in un gusto marcato alla provocazione fine a sè stessa,... Leggere il seguito

    Da  Ludacri87
    CINEMA, CULTURA
  • Alta fedeltà

    Alta fedeltà

    Titolo: Alta Fedeltà Titolo originale: High Fidelity Autore: Nick Hornby Anno: 1995 Il libro… Copertina edizione inglese Dopo About a Boy – Un ragazzo torno ... Leggere il seguito

    Da  Charliecitrine
    CINEMA, CULTURA, LIBRI

Magazines