Magazine Cinema

A time for dancing recensione

Creato il 23 giugno 2010 da Sky9085

A time for dancing recensioneCosa fareste se un giorno qualcuno vi dicesse che state per morire? Su tale interrogativo si costruisce la trama di “a time for dancing”.

Una ragazza, ossessionata dalla danza, sta per coronare il sogno della propria vita, tentare l’ammissione alla Julliard. Per poter sostenere gli esami di ammissione deve però superare delle visite mediche, durante le quali scopre di avere un cancro allo stadio avanzato. La sua vita è totalmente sconvolta e la ragazza dovrà rivalutare le proprie priorità nella vita. <!-- google_ad_client = "pub-1400981854206536"; /* 336x280, creato 22/06/10 */ google_ad_slot = "1492473189"; google_ad_width = 336; google_ad_height = 280; //--> google_protectAndRun("ads_core.google_render_ad", google_handleError, google_render_ad)

Il film è molto ben strutturato e riesce a commuovere, senza mai eccedere. Le musiche che accompagnano quasi ogni scena del film riescono a dare un’impronta più sofferente al film ed anticipano gli stati d’animo dei protagonisti. È un film che riesce a far vedere il mondo dalla prospettiva della protagonista, a farci entrare nei suoi panni e a farci condividere le sue scelte. La trama è molto spessa, mai banale e in nessun punto scontata. Il livello più alto del film si raggiunge nel momento in cui è l’amica a dover rispondere all’agognata lettera della Julliard, arrivata quando ormai…

Un film da non perdere perché saprà darvi una nuova visione del mondo e magari insegnarvi a vivere giorno per giorno.


Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • Recensione notte folle a manhattan

    Recensione notte folle manhattan

    Locandina 'Notte folle a Manhattan' VOTO: 6.8 - Mi aspettavo un qualcosa di più divertente dal nuovo film di Steve Carrell, tuttavia non posso dire che ‘Notte... Leggere il seguito

    Da  Jeffsoftly
    CINEMA, CULTURA
  • A quanto pare, tutti vanno a letto con tutti

    quanto pare, tutti vanno letto

    Diciamolo, i Coen hanno fatto film migliori. Detto questo, Burn after reading è tutt’altro che brutto: l’idea non è male, l’intreccio, nonostante una partenza... Leggere il seguito

    Da  Greylines
    CINEMA, CULTURA
  • Tre domande a... Flavio Aquilone

    domande a... Flavio Aquilone

    In occasione dell'uscita italiana del film live-action targato Disney "L'apprendista stregone" (The Sorcerer's Apprentice), da oggi nelle sale, ho il piacere... Leggere il seguito

    Da  Dubbing Questions
    CINEMA, CULTURA
  • Review - (Benvenuti a) Zombieland

    Review (Benvenuti Zombieland

    "Zombieland" in Italia è uscito un mese fa solo in versione homevideo. Ed è un peccato. Perchè è un vero fenomeno irriverente e ben costruito, che strappa... Leggere il seguito

    Da  Ludacri87
    CINEMA, CULTURA
  • ballad for a drowning man

    Lumière, 21.9, Vivere! (Giappone 1952) di Akira Kurosawa (peccato che sia stata proiettata la versione in dvd più breve di 30'... Leggere il seguito

    Da  Eratostene
    CINEMA, CULTURA
  • Life's a bitch

    Life's bitch

    Visto che a sorpresa è uscito lo scorso weekend nel Bel Paese, vi ripropongo la mia recensione di uno dei film migliori dell’annata, vincitore di un sacco di... Leggere il seguito

    Da  Cannibal Kid
    CINEMA, CULTURA
  • A Snake of June

    Snake June

    Piove sul Giappone.Una volta per Tsukamoto erano scintille che stridevano su armature metalliche, poi pugni di una forza inaudita nella Tokyo più feroce, infine... Leggere il seguito

    Da  Eraserhead
    CINEMA, CULTURA

Magazines