Magazine Bambini

Accessori per la recita? No panic!

Da Kevitafarelamamma @KVFarelamamma
Accessori per la recita? No panic!Per la recita di fine anno, ispirata al racconto di Nicoletta Costa "L'albero vanitoso", Miss Energy è stata chiamata ad interpretare la “bimba primavera”. Parte già imparata a memoria, vestito messo a disposizione della scuola. Sembrava tutto pronto e invece, pochi giorni prima della recita, le maestre di Miss Energy mi hanno chiesto di procurare per la piccolina un cerchietto per capelli adatto al personaggio.

Com'è ovvio, la richiesta è stata fatta in una settimana da urlo per impegni di lavoro e domestici in cui non potevo incastrare il tempo per andare a cercare accessori per negoziNo panic! Io e Miss Energy abbiamo improvvisato con del materiale che avevamo in casa, trascorrendo insieme qualche ora di creativitàEcco come abbiamo fatto il "cerchietto primavera"

Accessori per la recita? No panic!Materiale occorrenteun tappetino antiscivolo di gomma da lavellouna spugnetta giallatessuto o carta verde (un po’ rigida)nastrinocolla a caldoun vecchio cerchietto dello spessore di 2,5 cm;altri elementi decorativi

Passaggi di esecuzione

Accessori per la recita? No panic!

Tagliare una striscia di tappetino di circa 50 cm e piegarla a fisarmonica; ritagliare la parte superiore con forma tondeggiante, ricavando la forma di un petalo; srotolare la fisarmonica e unire tutti i petali, come nella foto, legandoli nella parte inferiore con un nastrino. Tagliare un cerchietto di spugna gialla e applicarla come stame del fiore.
Abbiamo incollato la margherita con la colla a caldo al cerchietto rivestito di nastrino verde e ci abbiamo aggiunto delle farfalle ed un fiorellino rosa che avevo in casa (provenienti da confezioni di bomboniere).

Vi piace?A questo punto siete curiosi di sapere com'è andata la recitaHo fatto tanti complimenti a Miss Energy che, alla sua prima esibizione in pubblico, si è appena intimidita alla battuta iniziale dinanzi al microfono ma poi ha pronunciato bene le altre frasi.Lei, invece, con piglio esigente, mi ha rinfacciato di non essermi seduta proprio di fronte a lei ad ammirarla. Un giorno le rivelerò che, per guadagnare una seconda fila laterale fra il pubblico, ho dovuto fare a gara con gli altri genitori, nonni, vicini di casa e trisavoli agguerriti, immobili nelle loro postazioni come mummie egiziane e pronti a lanciare sguardi laser verso chi avesse provato a sottrarre loro un centimetro quadrato di spazio.  La recita è stata un gran successoanche perché si è svolta all'aperto in un pomeriggio di primavera che ci ha permesso di concludere la serata con picnic e socialità nell'immenso giardino dell'asilo.

P.S. Che fine ha fatto il cerchietto dopo la recita? Io adoro i fiori e le farfalle e con la scusa che mi dispiaceva buttarlo via, adesso uso io il cerchietto per tenere fermi i capelli quando faccio le pulizie. L'intento: se la mamma è buffa, il figlio meno sbuffa. ;-)Ketty

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog