Magazine Media e Comunicazione

Accordo Google-editori: un pericolo per la concorrenza

Creato il 02 febbraio 2013 da Ilbocconianoliberale @ilbocclib

Cito: “dopo tre mesi di negoziati la Francia e Google hanno concluso un accordo che riconosce agli editori della stampa francese il diritto di essere pagati per i contenuti indicizzati dal motore di ricerca. il colosso di Mountain View si impegna a versare 60 milioni a un fondo che finanzierà progetti in grado di aiutare la transizione della stampa verso il digitale; seconda e non meno importante parte dell’accordo, Google diventa il partner privilegiato degli editori tradizionali per il loro passaggio all’online, fornendo «strumenti tecnici, ingegneri e competenza» soprattutto nel campo della raccolta pubblicitaria.” (Corriere della Sera, 2 Febbraio 2013)

Hollande, grande sponsor dell’accordo, sostiene che si tratta di un evento “di portata mondiale”. Non ha torto, ma cio’ e’ tutto meno che una buona notizia.

Finora, Google ha ottenuto ricavi indicizzando contenuti prodotti da altri, il che e’ assolutamente normale per un motore di ricerca, che non ha motivo di produrne di propri. La base dell’accordo, oggi, e’ che Google debba remunerare i grandi giornali per i contenuti che vengono indicizzati. Primo indizio: i grandi giornali. Quindi non tutti i produttori di contenuti, ma solo quelli grandi e connessi con la politica. Se possibile, questo e’ un primo elemento che piace poco.

C’e’ un elemento ancora piu’ grave, pero’. La logica colbertiana-corporativista di Hollande e’ incapace di cogliere gli effetti dinamici di una configurazione come quella che ha incoraggiato. Oggi, dicono i sostenitori dell’accordo, Mountain View spende 60 milioni di euro a fronte di un fatturato di 50 miliardi: briciole. E’ vero, ma e’ vero perche’ oggi Google e’ sostanzialmente un gigantesco monopolista. Un piccolo obolo, oggi, e’ un prezzo che l’azienda e’ disposta a pagare – temo – in ogni Paese che lo richieda.

Ma c’e’ un ma. Finora, il monopolio di Google ha retto in assenza di barriere anti-concorrenziali di tipo legislativo. Si e’ aggiudicato il mercato sbaragliando gli altri concorrenti, e ci vorra’ un enorme sforzo per contenderglielo. Questo, finche’ si rimane all’interno di una logica di pura concorrenza, e’ il giusto e normale esito di una lotta PER il mercato NEL mercato. L’accordo col governo francese, invece, rischia di imporre ad ogni motore di ricerca il pagamento di questo tipo di balzelli. Che per Google sono un’inezia, un costo operativo trascurabile. Ma e’ un costo che, anche qualora diventasse significativo per Google, sicuramente sarebbe un ostacolo insormontabile per qualunque entrante nel mercato.

E’ una legge eterna del crony capitalism: si fanno leggi che di fatto rinforzano il monopolio, creando extra-profitti che la politica redistribuisce ai gruppi d’interesse a lei piu’ vicini – in questo caso, la stampa cartacea, notoriamente piu’ sensibile alle urgenze del potere politico. Il tutto in un clima di plauso generale, veicolato dalla stessa stampa beneficiaria dell’accordo, perche’ la politica “si dimostra sensibile alle esigenze del mondo della cultura e dell’informazione di qualita’”.

Desolante.

Image

 

Luca Mazzone


Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • Editoria online, il caso Class Editori

    Prev1 of 1Next C’è in Italia, e non nei soliti Stati Uniti, una casa editrice per nulla preoccupata di Internet o della crisi dell’editoria: Class Editori. Leggere il seguito

    Da  Redazione Firstmaster Magazine
    LAVORO, MEDIA E COMUNICAZIONE
  • Editori sul web

    Editori

    Questo post inizia con un grazie, anzi tre. Grazie ad Alessio Neri e Giusi Carai, perché li seguo con affetto da molto tempo nei loro progetti - Editoria... Leggere il seguito

    Da  Martatraverso
    EDITORIA E STAMPA, MEDIA E COMUNICAZIONE
  • Editori (a pagamento) e diritto d’autore

    Editori pagamento) diritto d’autore

    ’ È necessario sottolineare che il contratto di edizione, nella sua tipicità, si caratterizza in particolare per il tipo di prestazione che ne costituisce... Leggere il seguito

    Da  Cataruz
    EDITORIA E STAMPA, MEDIA E COMUNICAZIONE
  • Google Nose

    Google Nose

    Il primo d'aprile sentivo al telegiornale di quanti pesci d'aprile (molto simpatici tra l'altro!) siano stati fatti via web quest'anno, persino da parte di... Leggere il seguito

    Da  Lauramint
    INTERNET, MEDIA E COMUNICAZIONE
  • WhatsApp: “Nessun accordo con Google”

    A tutte le considerazioni che si possono fare in merito al legittimo interesse di business che motiverebbe Google a sborsare un miliardo di dollari per... Leggere il seguito

    Da  Db
    MEDIA E COMUNICAZIONE, TECNOLOGIA
  • Google Now nell’homepage di Google?

    Google nell’homepage Google?

    Da qualche ora si fanno insistenti i rumors che vedono come prossimo restyling dell’homepage di Google l’implementazione di Google Now, l’app predittiva... Leggere il seguito

    Da  Paolo Dolci
    MEDIA E COMUNICAZIONE, TECNOLOGIA
  • Google Babble

    Google Babble

    Come ogni anno la conferenza di Google I/O, dedicata agli sviluppatori, si avvicina e con ciò aumentano le indiscrezioni riguardanti le funzionalità, i servizi ... Leggere il seguito

    Da  Paolo Dolci
    MEDIA E COMUNICAZIONE, TECNOLOGIA