Magazine Cinema

Addio a Fringe, molto più che sci-fi

Creato il 27 gennaio 2013 da Valentinaariete @valentinaariete
Con un doppio episodio speciale di quasi due ore, “Fringe” saluta - negli Usa - i suoi fan con un finale adrenalinico, pieno di combattimenti, salti dimensionali, citazioni che celebrano il passato della serie, grandi sentimenti e un addio difficile 
Addio a Fringe, molto più che sci-fi
Gli addii sono sempre difficili.  Nella vita reale come nella finzione, concludere una storia è un momento molto delicato: per questo prima di compiere l’operazione “Addio a Fringe” torniamo indietro di qualche anno.  Nel 2004 J.J. Abrams e soci hanno impresso una svolta al mondo della televisione grazie a “Lost”: la scrittura complessa dalle ambizioni altissime, lo stile cinematografico e la capacità di creare personaggi forti e ben caratterizzati, capaci di far appassionare milioni di fan, fecero di quella serie un esempio. In molti hanno provato imitarla: “Flashforward”, “The Event”, “Terra Nova”, hanno provato ad emulare “Lost” prendendo come spunto principale il filone fantascientifico, ma si sono rivelate dei fallimenti. Nel 2008, quasi in sordina, Abrams diede il via a “Fringe”, serie di fantascienza impostata inizialmente come “X-files”, con dei casi al limite del paranormale da risolvere ad ogni puntata, che prendeva da “Lost” alcune caratteristiche distintive come la narrazione su più piani temporali, i colpi di scena continui e la grande cura nel delineare i protagonisti. Non è un caso infatti che l’episodio pilota di “Fringe” si apra con un incidente aereo, proprio come quello di “Lost”. Fin da subito “Fringe” si è quindi rivelata come la vera erede dell’isola, pur distaccandosene per il punto di vista: se in “Lost” ha grandissima importanza il rapporto tra scienza e fede, in “Fringe” è la scienza la vera protagonista e le responsabilità che il progresso tecnologico comporta. In “Fringe” ogni decisione porta ad una precisa conseguenza e le scelte personali influenzano il corso degli eventi. Con il suo amore per la tecnologia, le citazioni di capolavori della fantascienza come “Ritorno al futuro”, “Star Trek” (simboleggiate dalla partecipazione straordinaria degli attori Christopher Lloyd, alias doc. Emmett Brown, e Leonard Nimoy, ovvero Spock) e “1984”, “Fringe” si è affermata poi come l’unica vera serie di fantascienza della televisione anni 2000.  La fantascienza però, soprattutto negli ultimi anni, non paga più come un tempo e “Fringe” è stata in bilico ad ogni stagione a causa degli ascolti non altissimi rispetto ai grandi costi di produzione. Cosa le ha permesso di sopravvivere fino ad una quinta stagione? Cosa le ha impedito di finire nel baratro come è successo ad altre serie fantascientifiche di culto come “Firefly” e “Terminator: The Sarah Connor Chronicles”? I suoi protagonisti.  Abrams e soci hanno creato dei personaggi che hanno suscitato nel pubblico un amore incondizionato: l’agente Olivia Dunham, interpretata da una bravissima Anna Torv, resa nota al grande pubblico proprio grazie a “Fringe”, l’ingegnere Peter Bishop (Joshua Jackson), e soprattutto l’incredibile personaggio di Walter Bishop, scienziato al limite tra genio e follia, in grado di creare nuovi mondi e di attraversarli e che poi impazzisce per un buon disco e un frullato alla fragola, interpretato in maniera magistrale da un John Noble che meritava di essere premiato per questo ruolo.  La tormentata storia d’amore tra Peter e Olivia, il rapporto tra Peter e Walter, l’importanza dei legami umani, la riflessione sul libero arbitrio e su quanto sia centrale e fondamentale il rapporto genitori-figli, hanno reso “Fringe” molto più di una serie sci-fi: l’hanno resa un meccanismo con una scintilla di vita.  Arrivata al suo ultimo episodio, il centesimo, la serie ha seguito fino in fondo la sua natura: nonostante alcuni incidenti di percorso, come trame abbandonate troppo presto e qualche buco narrativo, causato soprattutto dallo spettro della cancellazione imminente, “Fringe” ha risolto quasi tutti i suoi enigmi, ha dato una conclusione degna ai percorsi dei suoi protagonisti e, soprattutto, ha fatto emozionare i fan.  ATTENZIONE SPOILER!  Nel finale di quasi due ore, Olivia e soci riescono a salvare l’umanità impedendo che gli Osservatori invadano la Terra del 2015: nel farlo, September (Michael Cerveris) sacrifica la sua vita e Broyles (Lance Reddick) mette a rischio la sua, così come Peter e Olivia.  Il contributo decisivo viene però da Walter: lo scienziato decide di andare nel futuro con Michael (Rowan Longworth), il bambino osservatore, così da impedire che gli Osservatori invadano il suo presente; nel farlo però, Walter diventa un paradosso spazio-temporale e quindi la sua esistenza nel passato viene cancellata. In una scena che è il culmine dell’episodio, Walter rivela questa informazione a Peter e gli dice che sacrificare la sua vita per ridare al figlio la sua è un prezzo che è disposto a pagare. Negli ultimi minuti della serie, in un finale in stile “Inception”, Peter riceve per posta una lettera da Walter: contiene il disegno del tulipano bianco, visto già nella seconda stagione, simbolo della volontà di cambiare il destino e di essere perdonati per i propri errori. Lo sguardo di Peter è ambiguo: si ricorda o no del padre?  Chi ha amato “Fringe” sicuramente non potrà dimenticarlo.  Ciao Walter: “See you on the other side”. FRINGE: IL FINALE MICHAEL PRIGIONIERO DEGLI OSSERVATORI  Michael (Rowan Longworth) è stato catturato dagli uomini di Windmark (Michael Kopsa).  Addio a Fringe, molto più che sci-fi WINDMARK SI CONFRONTA CON MICHAEL  Windmark (Michael Kopsa) prova a leggere la mente di Michael (Rowan Longworth), ma il bambino ha una forza mentale molto più potente della sua.  Addio a Fringe, molto più che sci-fi OLIVIA E GLI ALTRI STUDIANO UN PIANO PER LIBERARE MICHAEL  Michael (Rowan Longworth) è tenuto prigioniero in un carcere di massima sicurezza costruito dove una volta c'era Liberty Island.  Addio a Fringe, molto più che sci-fi BROYLES AIUTA OLIVIA A SCOPRIRE DOVE SI TROVA MICHAEL  Broyles (Lance Reddick) aiuta Olivia (Anna Torv) e gli altri a scoprire dove si trova Michael, mettendo a repentaglio la sua copertura.  Addio a Fringe, molto più che sci-fi SEPTEMBER COSTRUISCE LA MACCHINA DEL TEMPO  September (Michael Cerveris) assembla la macchina che servirà a portare Michael (Rowan Longworth) nel futuro per impedire che gli Osservatori invadano la Terra del passato.  Addio a Fringe, molto più che sci-fi OLIVIA SI FA INIETTARE IL CORTEXIPHAN  Per liberare Michael (Rowan Longworth), Olivia (Anna Torv) deve andare nell'universo parallelo: per riuscirci si fa iniettare ancora una volta il Cortexiphan da Walter (John Noble).  Addio a Fringe, molto più che sci-fi PETER E OLIVIA SI AMANO ANCORA  Peter (Joshua Jackson) preoccupato per Olivia (Anna Torv) le dichiara il suo amore.  Addio a Fringe, molto più che sci-fi OLIVIA SI TELETRASPORTA NELL'ALTRA DIMENSIONE  Olivia (Anna Torv) riesce a recuperare le sue capacità sopite di teletrasporto e arriva nell'altra dimensione.  Addio a Fringe, molto più che sci-fi FAUXOLIVIA E LINCOLN AIUTANO OLIVIA  Nell'altra dimensione Olivia (Anna Torv) ritrova la sé stessa alternativa e Lincoln e chiede loro aiuto.  Addio a Fringe, molto più che sci-fi WINDMARK E IL CAPO DEGLI OSSERVATORI DECIDONO IL DESTINO DI MICHAEL Windmark (Michael Kopsa) decide insieme al capo degli Osservatori del 2609 di eliminare Michael (Rowan Longworth): il bambino è una minaccia per la loro razza.  Addio a Fringe, molto più che sci-fi MICHAEL STA PER ESSERE VIVISEZIONATO  Gli Osservatori decidono di vivisezionare Michael (Rowan Longworth) per eliminarlo e scoprire cosa lo rende così potente.  Addio a Fringe, molto più che sci-fi OLIVIA RIESCE A SALVARE MICHAEL  Olivia (Anna Torv) trova Michael (Rowan Longworth), lo salva e lo riporta nella sua dimensione.  Addio a Fringe, molto più che sci-fi WALTER RIVELA A PETER CHE HA INTENZIONE DI SACRIFICARSI  Grazie ad un messaggio lasciato da Walter (John Noble) su una cassetta, Peter (Joshua Jackson) scopre che il padre ha intenzione di sacrificarsi per poter assicurare un futuro a lui e a Olivia (Anna Torv).  Addio a Fringe, molto più che sci-fi ASTRID RITROVA GENE INTRAPPOLATA NELL'AMBRA  Astrid (Jasika Nicole) ritrova la mucca Gene intrappolata nell'ambra.  Addio a Fringe, molto più che sci-fi WALTER DICE ADDIO AD ASTRID  Walter (John Noble) dice addio a modo suo ad un'inconsapevole Astrid (Jasika Nicole) e rivela che ha sempre saputo quale fosse il suo nome, anche se la prendeva in giro chiamandola ogni volta in modo diverso.  Addio a Fringe, molto più che sci-fi OLIVIA E PETER SFERRANO UN ATTACCO BIOLOGICO AL QUARTIER GENERALE DEGLI OSSERVATORI  Olivia (Anna Torv) e Peter (Joshua Jackson) sferrano un attacco letale al quartier generale degli Osservatori: disperdono nei condotti di ventilazione alcune tossine letali provenienti dai “casi fringe” più pericolosi che hanno affrontato.  Addio a Fringe, molto più che sci-fi UNA CITAZIONE PER I FAN  L'attacco a base di “casi fringe” è un'occasione per celebrare il passato della serie, con tanto di citazione per i fan: su un muro compare l'impronta insanguinata di una mano con sei dita, lo stesso simbolo comparso per cinque anni nella sigla della serie.  Addio a Fringe, molto più che sci-fi OLIVIA E GLI ALTRI COMBATTONO ALL'ULTIMO SANGUE CON GLI OSSERVATORI Fuori dal quartier generale, Olivia (Anna Torv) e gli altri si lanciano in un combattimento all'ultimo sangue con gli Osservatori per dare il tempo a Walter (John Noble) e September (Michael Cerveris) di attivare la macchina.  Addio a Fringe, molto più che sci-fi SEPTEMBER APRE IL WORMHOLE PER IL FUTURO  Mentre gli altri tengono a bada gli Osservatori, September (Michael Cerveris) e Walter (John Noble) aprono il portale per il futuro.  Addio a Fringe, molto più che sci-fi WINDMARK TENTA DI UCCIDERE OLIVIA  Durante lo scontro, Windmark (Michael Kopsa) tenta di uccidere Olivia (Anna Torv).  Addio a Fringe, molto più che sci-fi OLIVIA UCCIDE WINDMARK  Quando Windmark (Michael Kopsa) sta per darle il colpo di grazia, Olivia (Anna Torv) vede la collana di Etta, sua figlia, uccisa proprio dal capo degli Osservatori. La rabbia di Olivia riattiva i suoi poteri telecinetici e grazie alla sua forza di volontà riesce ad ucciderlo.  Addio a Fringe, molto più che sci-fi SEPTEMBER E' COLPITO DURANTE LO SCONTRO   Proprio mentre sta per attraversare il portale spazio-temporale insieme a Michael (Rowan Longworth), September (Michael Cerveris) viene colpito da un proiettile vagante.  Addio a Fringe, molto più che sci-fi WALTER DECIDE DI ANDARE NEL FUTURO INSIEME A MICHAEL  Per salvare l'umanità e restituire a Peter (Joshua Jackson) la sua famiglia, Walter (John Noble) decide di sacrificarsi: sarà lui a portare Michael (Rowan Longworth) nel futuro così da impedire l'invasione degli Osservatori nel 2015.  Addio a Fringe, molto più che sci-fi PETER DICE ADDIO A WALTER  Peter (Joshua Jackson) dice addio a suo padre: Walter (John Noble) non potrà più tornare e la sua esistenza nel passato sarà cancellata.  Addio a Fringe, molto più che sci-fi WALTER E MICHAEL ATTRAVERSANO IL WORMHOLE  Walter (John Noble) e Michael (Rowan Longworth) spariscono nel portale.  Addio a Fringe, molto più che sci-fi IL SACRIFICIO DI WALTER HA SALVATO IL MONDO  Il sacrificio di Walter (John Noble) ha funzionato: nel 2015 tutto è tornato normale e l'invasione degli Osservatori non è mai avvenuta.  Addio a Fringe, molto più che sci-fi
IL 2015 E' LIBERO DAGLI OSSERVATORI  Peter (Joshua Jackson) e Olivia (Anna Torv) sono sposati e loro figlia Etta è viva.  Addio a Fringe, molto più che sci-fi PETER RICEVE UNA LETTERA DA WALTER  Peter (Joshua Jackson) riceve una lettera da Walter (John Noble) proprio il giorno in cui sarebbe dovuta avvenire l'invasione degli Osservatori.  Addio a Fringe, molto più che sci-fi IL TULIPANO BIANCO  La lettera contiene il disegno del tulipano bianco, visto nella seconda stagione di “Fringe”, simbolo della volontà di cambiare il destino e di essere perdonati per i propri errori.  Addio a Fringe, molto più che sci-fi PETER SI RICORDA DI WALTER?  In un finale in stile “Inception”, il primo piano di Peter (Joshua Jackson) lascia gli spettatori nel dubbio: si ricorda di suo padre? Addio a Fringe, molto più che sci-fi Pubblicato su TvZap.

Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • Addio FIAT

    Addio FIAT

    Vicenda FIAT: se ne parla dettagliatamente in tutti i programmi serali  de La7 a partire dal TG. Siamo a lunedi, il primo giorno di quella che dovrebbe essere l... Leggere il seguito

    Da  Ilsegnocheresta By Loretta Dalola
    MEDIA E COMUNICAZIONE, TELEVISIONE
  • Da Gossip Girl a Fringe cosa bolle nella pentola delle serie televisive

    Gossip Girl Fringe cosa bolle nella pentola delle serie televisive

    Guest stars, nuovi progetti, rivelazioni, remake e grandi autori: le novità della settimana dal mondo delle serie tv Piccola antologia di anticipazioni, notizie... Leggere il seguito

    Da  Valentinaariete
    CINEMA, CULTURA
  • Fringe Stagione 1

    Fringe Stagione

    Produzione: FoxOrigine: USAAnno: 2008Episodi: 20La trama (con parole mie): quando un volo che dalla Germania atterra a Boston portando i passeggeri uccisi ed... Leggere il seguito

    Da  Misterjamesford
    CINEMA, CULTURA
  • Curiosità: I Glifi di Fringe

    Curiosità: Glifi Fringe

    Se guardate Fringe, in lingua originale, vi sarete di sicuro accorti dei famosissimi Glifi.In diversi momenti di ogni singolo episodio, sono stati inseriti dei... Leggere il seguito

    Da  Helldoom
    CINEMA, CULTURA, LIBRI
  • Gli...della Domenica: Fringe

    Gli...della Domenica: Fringe

    Una delle migliori serie tv degli ultimi anni, non penso abbia bisogno di presentazioni. Anche perchè, prossimamente, visto che si è conclusa, ci farò un post.V... Leggere il seguito

    Da  Helldoom
    CINEMA, CULTURA, LIBRI
  • Fringe

    Fringe

    Era il lontano 2008 quando sugli schermi televisivi appariva una delle novità più interessanti dei primi anni 2000. Su un apparentemente tranquillo volo di line... Leggere il seguito

    Da  Taxi Drivers
    CINEMA, CULTURA
  • Fringe – Series Finale: “An Enemy of Fate”

    Fringe Series Finale: Enemy Fate”

    E’ finita. Dopo cinque stagioni vissute tra alti e bassi, è finita una delle serie che all’epoca della prima stagione era riusciata ad entrarmi nel cuore e a... Leggere il seguito

    Da  Shaqino
    CINEMA, CULTURA