Magazine Rugby

Ai Mondiali del 2015...

Creato il 05 agosto 2011 da Rightrugby
Ai Mondiali del 2015...Che uno avrebbe anche tutto il diritto di ribattere immediatamente: "Scusa un attimo, ma non sono nemmeno cominciati quelli del 2011...". Esatto, ma non è una questione di calendario, ma di restrizioni. Quelle che la Rugby Football Union, la federazione inglese alle prese con beghe interne, ha deciso di porre per la selezione delle prossime nazionali che verranno dopo la Rugby World Cup 2011. L'idea è di rendere ufficialmente convocabili solo i giocatori che prestano servizio in Inghilterra. E nel 2015 la Web Ellis Cup sarà posta in palio in terra albionica. Quindi, per fare un esempio pratico, Jonny Wilkinson domani potrebbe essere alla sua ultima apparizione a Twickenham contro il Galles, dal momento che ha firmato il prolungamento di contratto con il Tolone, in Francia.
L'apertura ha fatto i conti con il passato, ma deve soprattutto farli con il futuro: non ha intenzione di tornare su suoi passi, di navigare la Manica al contrario e ha fatto sapere che lui sarà a disposizione della nazionale finché qualcuno non chiuderà la porta
Teoricamente, ordunque, non ci sarà nemmeno James Haskell nel futuro prossimo inglese. La terza linea dopo il Mondiale trascorrerà un anno in Giappone, decisione annunciata da tempo. Quando tornerà nel continente, non ha escluso che potrebbe optare per altre leghe che non siano esclusivamente la Premier, anche se al rientro sarà uno dei London Wasps. Per alcuni, il rischio che esca dal giro dell'Inghilterra non dipende solo dalle norme, quanto da tutto il resto nel caso specifico. Austin Healey, che i reporter sportivi dovrebbero ringraziare per le pepate dichiarazioni che ama rilasciare, a luglio ha definito se non stupida, certo idiota la scelta giapponese di Haskell.
"Un anno via e puoi essere ben presto dimenticato", ha raccontato. "Sacrificare l'opportunità di giocare per l'Inghilterra dopo il Six Nations che ha disputato, dove ha giocato davvero bene, penso che sia molto naive". 
Tornando a bomba, c'è poi la lunga storia dei club inglesi che non riescono più a vincere l'Heineken Cup. La federazione non ha molta intenzione di cedere alle pressioni dei top team che chiedono periodicamente un innalzamento dei salary cap per competere con le rivali transalpine. Tanto vale puntare sull'autarchia, facendo presenti ai big player che se vogliono cambiare aria, mettano in conto di scordarsi la maglietta della nazionale. 

Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

Magazines