Magazine Cultura

Alberto Antonio Dandolo

Creato il 21 agosto 2014 da Alejo90
Strade di casa (2009)
The Cuban Wives (2012) - 2,5/5
Aeterna (2012) episodio Benedictus
Dandolo è un documentarista italiano, laureatosi in cinema all'università Roma Tre.
-The Cuban Wives
Italia 2012 - documentario - 55min.
Il documentario espone un problema giudiziario poco conosciuto in Europa, motivo di attrito tra Cuba e Stati Uniti: nel 1998 cinque agenti segreti cubani operanti a Miami sotto falsa identità col compito di infiltrarsi in organizzazioni paramilitari anti-cubane, furono arrestati con vari capi di imputazione di matrice cospiratoria, e condannati a pene che oscillano tra i 77 anni di detenzione e l'ergastolo. Una commissione delle Nazioni Unite ha dichiarato che i cinque hanno subito un processo iniquo. Il regista ha intervistato i famigliari di alcuni di essi, in particolare due mogli che non hanno mai ottenuto il visto da parte degli USA per poter andare a trovare i propri cari reclusi.
Il documentarista Alberto Antonio Dandolo realizza un film antropocentrico nella migliore tradizione Herzog-iana. Lasciando parlare i protagonisti senza usare un commento proprio, la tesi del film è chiara: i 5 sono stati condannati ingiustamente. La pellicola vuole illustrare il problema agli spettatori ed invogliarli a prendere posizione in merito: tramite il sito Internet del film è infatti possibile firmare una petizione da inviare al presidente Obama ed intraprendere altre attività di supporto alla causa delle mogli cubane. Il regista filma i famigliari dei carcerati nelle loro abitazioni, li ritrae impegnati nelle faccende casalinghe e quotidiane, si concede qualche panoramica de L'Avana, si sofferma su dettagli umani  (mani, volti) e sul contesto urbano in situazioni diurne e notturne; il risultato è di far sembrare Cuba un'isola idilliaca, una sorta di paradiso perduto per i cinque detenuti, che possono conservare solo nel ricordo i volti ed i luoghi cari (solo a tre di essi è concessa, una volta l'anno, la visita dei famigliari). Il regista mostra anche le attività di comunicazione e solidarietà cui le mogli partecipano, con l'appoggio dei media e della popolazione, nonchè dei cubani espatriati residenti nell'area urbana di Miami.
Oltre ai famigliari, il regista intervista alcune personalità che forniscono punti di vista diversi sul caso giudiziario (tutti concordanti sull'ingiustizia del medesimo): Josè Pertierra (rappresentante del governo venezuelano), Ricardo Alacron (presidente dell'assemblea nazionale del Potere Popolare di Cuba), Gloria La Riva (direttrice della commissione delle Nazioni Unite "Free the Cuban Five"), Frei Betto (scrittore, teologo e politologo cubano), Wayne Smith (secondo comandante in capo della U.S. Interests Section a L'Avana tra il '79 e l'82). Queste interviste sono tutte a camera fissa con sfondo nero, opposte al caleidoscopio di colori cui la fotografia ad alto contrasto ricorre bombardando lo spettatore durante le riprese della città.
Il documentario, dagli intenti nobili, ha però un grave difetto: la carenza informativa. Tradotto: lo spettatore che guarda il film non conoscendo il caso ed aspettandsi giustamente che il film colmi la sua lacuna, ne rimarrà in parte deluso; la pellicola dà per scontata la conoscenza pregressa della materia giuridica, cui accenna solo per sommi capi e comunque in un modo approssimativo che rende impossibile farsi un'idea propria se non si conosce già il caso. In questo modo il documentario rende impossibile l'empatia totale con le donne protagoniste: semplicemente non si hanno abbastanza informazioni per poter giudicare  autonomamente, cosicchè lo spettatore debba in sostanza "fidarsi" di quanto sente, e quanto sente è solo una campana: nessun rappresentante giuridico degli Stati Uniti viene interpellato, nessun parere opposto viene messo in campo. Non è questione di "fair play": il regista avrebbe potuto intervistare l'altra parte in tono polemico, magari sottolineandone le eventuali contraddizioni; invece non prende nemmeno in considerazione l'idea, preferendo "sprecare" parte del poco tempo a disposizione (il film dura meno di un'ora) a riprendere gente che canta e balla per la strada, attività quotidiane che avvengono nella capitale, insomma ritrarre la "cuban way of life" che sinceramente non è di alcun interesse data la materia trattata.
Anche in questo caso il sito ufficiale del film (http://www.thecubanwives.com) diventa una tappa obbligatoria per lo spettatore che voglia conoscere maggiori dettagli sulla vicenda; il punto è: quanta percentuale spettatoriale avrà tempo e voglia di farlo? Non sarebbe stato meglio occuparsene nel film?
The Cuban Wives è un tentativo sincero e lodevole di fare informazione su un caso pressochè snobbato dai media generalisti, peccato però che il suo contenuto informativo sia piuttosto carente.
Voto: 2,5/5

Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • Warrior, di Antonio Lanzetta

    Warrior, Antonio Lanzetta

    Autore: Antonio Lanzetta Titolo: Warrior. La vendetta del guerriero Anno: 2014 Pagine: 240 Casa editrice: La Corte Editore Genere: Fantasy Formato: Cartaceo... Leggere il seguito

    Da  Rivista Fralerighe
    CULTURA
  • Antonio Sagredo La colomba eretica

    Antonio Sagredo colomba eretica

    Ieri, hanno segato le ali alla colomba! ma non il volo! hanno spezzato le zampine! ma non il cammino!l’hanno accecata con due spilli! ma non la visione! hanno... Leggere il seguito

    Da  Ennioabate
    CULTURA, POESIE
  • PISTA NERA di Antonio Manzini

    PISTA NERA Antonio Manzini

    TRAMA: Semisepolto in mezzo a una pista sciistica sopra Champoluc, in Val d'Aosta, viene rinvenuto un cadavere. Sul corpo è passato un cingolato in uso per... Leggere il seguito

    Da  Diegothriller
    CULTURA, GIALLI, LIBRI
  • Milli Dandolo, "Il dono dell'innocente"

    Milli Dandolo, "Il dono dell'innocente"

    Se non fosse che il libro è ingiallito, picchiettato, slabbrato, se non fosse che l’edizione (Garzanti 1942) è una ristampa dell’originale per i tipi di Treves... Leggere il seguito

    Da  Signoradeifiltriblog
    ARTE, CULTURA
  • Antonio Morganti

    Antonio Morganti

    – Volèmisi beneAntonio Morganti “Antonio Morganti è un personaggio tipico del suo «piccolo mondo antico» viareggino. Sembra, davvero, un pacifico borghese... Leggere il seguito

    Da  Paolorossi
    CULTURA, RACCONTI
  • Antonio Morganti, Il Cacciucco

    Antonio Morganti, Cacciucco

    Viareggio – Ristorante Bombetta in via Fratti angolo via Cavallotti – Oggi non c’è più al suo posto… una banca![…]─ Mi fanno giusto ride’! Il cacciucco è ʼl... Leggere il seguito

    Da  Paolorossi
    CULTURA, RACCONTI
  • Gli indifferenti di Alberto Moravia

    indifferenti Alberto Moravia

    Pesante (3,4 stelle) Dopo aver letto “La disubbidienza” ed averlo apprezzato molto mi sono apprestata a leggere l’opera prima di Moravia con una disposizione... Leggere il seguito

    Da  Monica Spicciani
    CULTURA, LIBRI

Dossier Paperblog

Magazine