Magazine Calcio

AlexDel Piero: "Ridateci quei scudetti"

Creato il 02 aprile 2010 da Juveincampo

Il capitano bianconero Alex Del Piero, 35 anni

Dopo le voci di ieri che parlavano di un coinvolgimento delle dirigenze milaniste ed interiste nella vicenda calciopoli con la presunta pubblicazione, nei prossimi giorni, di intercettazioni telefoniche tra Galliani ( Milan ), Facchetti ( Inter ) ed il designatore degli arbitri all'epoca di calciopoli Bergamo, Alessandro Del Piero, dai microfoni di Juventus Channel, riapre una questione annosa, che nell’ambiente bianconero nessuno ha mai digerito nonostante siano passati quattro anni, e chiede che, se le voci venissero avvalorate dalle prove, gli scudetti tolti alla Juve vengano restituiti alla squadra bianconera  .


Recentemente, infatti, è emerso dal processo di Napoli, in base alle dichiarazioni dell’ex designatore arbitrale Paolo Bergamo, che esisterebbero altre intercettazioni, peraltro finora non reperite, secondo cui anche l’Inter, attraverso Facchetti e il Milan, attraverso Adriano Galliani, avrebbero intrattenuto rapporti telefonici con il designatore.
Alex Del Piero :«Quella di Calciopoli è una ferita e un argomento ampio - spiega Alex - Effettivamente nell’ultimo mese si stanno susseguendo articoli e dichiarazioni che fanno pensare a qualcosa di diverso dalla sentenza. Ma bisogna attenersi ai fatti per ora. Io però mi auguro che quegli scudetti che ci hanno tolto vengano riconosciuti a livello globale e non solo perchè li sentiamo nostri».
Era stato proprio lui il primo a comunicare alla società, appena retrocessa in serie B, che sarebbe rimasto senza condizioni. Un esempio molto apprezzato da tutti i tifosi, cui erano seguiti, a catena, quelli autorevoli di Buffon, Camoranesi, Nedved, Trezeguet. Così come oggi ribadisce: «La mia passione e il mio amore saranno sempre gli stessi l’anno prossimo, indipendentemente da come andrà a finire». Del Piero non si è mai soffermato sulla linea difensiva bianconera, che alcuni azionisti juventini avevano accusato di essere troppo morbida, ma aveva costantemente garantito che sul rettangolo verde la squadra si era sempre comportata in modo cristallino. Quegli scudetti tolti, insomma, li sentiva come un furto e lo aveva espresso pubblicamente.
La Juve di adesso:«Ormai il nostro obiettivo primario è il quarto posto - dice, con il solito realismo - Abbiamo la voglia di raggiungerlo. Non è facile, perchè il calendario non è agevole. Però abbiamo le qualità per centrarlo. Poi sarà il campo a decidere».

Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

Magazines