Magazine Astronomia

Alla ricerca di molecole organiche su 67P con Ptolemy

Creato il 04 dicembre 2014 da Aliveuniverse @_AliveUniverse

Pubblicato Giovedì, 04 Dicembre 2014 06:57
Scritto da Elisabetta Bonora

Philae Ptolemy

Ok, forse l'atterraggio del coraggioso lander Philae sulla cometa 67P/Churyumov-Gerasimenko non è andato proprio come previsto quel 12 novembre ma alcuni avvenimenti fuori programma, potrebbero considerarsi addirittura una fortuna.

Ad esempio, come ha dichiarato il Project Scientist di Rosetta Matt Taylor, a Forbes, gli arpioni bloccati potrebbero aver salvato il lander da un sicuro rimbalzo nello spazio profondo, vista la consistenza del suolo di 67P più duro di quanto ci si aspettasse. Inoltre, se gli arpioni non fossero riusciti a penetrare in profondità ma l'ADS (Active Descent System), ossia il jet che avrebbe dovuto spingere il lander verso la superficie, avesse funzionato, in combinazione con un sottosuolo impenetrabile, sarebbe aumentato il rimbalzo, forse, irrecuperabilmente.

Invece, anche se Philae è finito in un agolo un po' troppo buio, i tre rimbalzi sono stati una grande occasione per tutti gli strumenti che hanno costantemente lavorato a partire dalla fase di discesa: in un certo senso, hanno consentito varie misurazioni in diversi punti, anziché in uno solo.

Uno di questi è Ptolemy (Tolomeo), uno strumento grande come una scatole per le scarpe che usa gascromatografia e spettrometria di massa (GC-MS) per misurare la composizione dei materiali della cometa, con particolare attenzione alle molecole organiche ed ai componenti minerali.
Prende il nome da uno dei faraoni d'Egitto (Tolomeo V) e dalla sua iscrizione sulla Stele di Rosetta, dalla quale, a sua volta, la missione prende il nome.

Ptolemy era già stato attivato a distanze di 15.000, 13.000, 30, 20, e 10 km da 67P, quando Philae era ancora sulle spalle di Rosetta.
Ma dal 12 al 14 novembre, ha avuto la possibilità di operare direttamente dalla superficie.

#CometLanding: OSIRIS narrow-angle camera - Credit: ESA/Rosetta/MPS for OSIRIS Team MPS/UPD/LAM/IAA/SSO/INTA/UPM/DASP/IDAHa sniffato per la prima volta la composizione subito dopo il primo touchdown, quasi nello stesso istante in cui la fotocamera OSIRIS ha immortalato nuovamente Philae sorvolare la cometa (riquadro di destra nell'immagine qui a fianco, 15:43 GMT); mentre il 13 e il 14 novembre ha fiutato nuovamente per sei volte dal luogo di atterraggio finale.
Infine, sempre il 14 novembre, il team ha velocemente riconfigurato le procedure di analisi per tentare alcune misure isotopiche.
Ptolemy ha utilizzato un forno speciale, chiamato "CASE", per determinare la composizione dei composti volatili (e forse, di tutte le particelle) che si erano accumulate al suo interno, riuscendo a completare la procedura appena 45 minuti prima che Philae entrasse in letargo.

Ptolemy: tabella di marcia

Table courtesy of the Ptolemy team.

A causa del consumo di energia relativamente elevato dello strumento, è stata una vera corsa contro il tempo.
La batteria ha dovuto tener duro, sia per eseguire le misure che per trasmettere i dati a Rosetta, in modo che arrivassero sulla Terra. Ma Ptolemy ce l'ha fatta e il team ora ha molte informazioni complesse su cui lavorare.

Per le analisi ci vorrà del tempo e l'ultimo esperimento condotto, e non programmato, richiederà di tornare in laboratorio con nuove simulazioni per una corretta interpretazione dei dati ottenuti.

Per il team sarà sicuramente interessante concentrarsi sulle misurazioni acquisite subito dopo il primo touchdown, comparandole con quelle di COSAC di circa 14 minuti più tardi.

"Il team è impaziente di fare queste analisi nei prossimi mesi e di condividere i risultati con voi", conclude l'articolo sul blog di missione, per cui, come sempre... stay tuned!


Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • Inno alla gioia ciclobucolica

    Da poco meno di un anno, nonostante la mia violenta spondilo artrite psoriasica (qui), che mi tortura da almeno un ventennio, ho ripreso ad andare in bici. Leggere il seguito

    Da  Trame In Divenire
    SOCIETÀ
  • Ochino alla pari

    Ochino alla pari

    OCHINO NOSTRANO.    Avevamo cinque belle galline e nessun gallo, mangiavamo le uova tutti i giorni e in tutti i modi. Lo zabaione con il miele di acacia era di... Leggere il seguito

    Da  Renzomazzetti
    CULTURA
  • Paccheri alla Mediterranea

    Paccheri alla Mediterranea

    Ingredienti per 5 persone500 g Paccheri Bioitalia2 peperoni rossi2 peperoni gialli20 Olive Taggiasche Sommariva Tradizione20 Capperi di Sicilia Genesis4 cucchia... Leggere il seguito

    Da  Manuelina
    CUCINA, RICETTE
  • Finto gelato alla banana

    Finto gelato alla banana

    Il caldo é tornato!Allora prepariamo un buon gelato goloso alla banana in pochi minuti?Basterá un solo ingrediente non ci credete?eccovi la preparazione. Leggere il seguito

    Da  Angelascelsi
    CUCINA, RICETTE
  • Roselline alla parmigiana

    Roselline alla parmigiana

    Oggi dovrei conoscere la futura maestra d'asilo del Patatone. Sabato abbiamo ritirato il "diploma di nido" e ora, dopo l'estate, varcheremo la soglia della... Leggere il seguito

    Da  Unpinguinoincucina
    CUCINA, RICETTE
  • Crostata alla cioccolata

    Crostata alla cioccolata

    Crostata al cioccolato*Ingredienti per 10 porzioni 75 gr di farina tipo 0 75 gr di farina integrale 40 gr di olio evo 50 gr zucchero di canna 1/2 uovo 1/4 di... Leggere il seguito

    Da  Cucinoperte
    CUCINA, RICETTE