Magazine Ecologia e Ambiente

Allarme degli scienziati: le foreste del New England scompaiono rapidamente

Creato il 21 giugno 2010 da Salvaleforeste

Allarme degli scienziati: le foreste del New England scompaiono rapidamenteLe foreste meridionali del New England vengono abbattute per far posto ad aree residenziali, centri commerciali e autostrade, una perdita di paesaggio naturale stata particolarmente rapida negli ultimi 30 anni, secondo quanto rivela il rapporto, "Boschi e wilderness," il lavoro di una ventina di scienziati delle università di Yale, Harvard, Brandeis e Cornell.
Pubblicato la scorsa settimana, "Boschi e wilderness" vuole essere una "visione per il paesaggio del New England", e richiede che almeno il 70 per cento delle foreste del New England rimanga intatto, mostrando come questa misura non scoraggerebbe lo sviluppo.
"E il fenomeno è peggiorato rispetto agli anni cinquanta. Vogliamo case più grandi, centri commerciali immensi, strade larghe - spiega il professor Lloyd Irland, ricercatore di Yale, presso la Scuola di Studi Ambientali e Forestali - centri commerciali, parcheggi, grandi magazzini e altre strutture tipiche di una società basata sull'auto hanno preteso un forte tributo sul paesaggio. La nostra visione non è una proposta contraria allo sviluppo - al contrario, propone uno sviluppo razionale".
A partire dagli anni cinquanta, sono stati costruiti alloggi di lusso, senza tenere conto delle infrastrutture già esistenti, con grandi costi per scaricati sul pubblico. "Strade, rete fognaria, acquedotti d'acqua e altre infrastrutture sono state estese su grandi distanze in gran parte a beneficio dei più ricchi", osserva. "Questo sviluppo si è divorato grandi aree di bosco. Abbiamo fatto molto per una minoranza ricca, e abbiamo lasciato i poveri nelle baraccopoli", ha aggiunto.
Gli autori dello studio hanno osservato che, a differenza della deforestazione verificatasi della metà dell'ottocento, quando migliaia di ettari sono stati abbattuti per fare spazio alle aziende agricole, ora si tratta di un disposcamento irreversibile, per fare spazio a strutture "dure". "Numerosi pascoli creati nel 1800 sono tornati foresta prima ancora di essere abbandonati", osserva il professor Brian Brandeis Donohue.
Nel 1600, quando arrivarono i coloni europei, si stima che circa il 90 per cento dello stato fosse boscato. Nel 1860, solo circa il 30 per cento del Connecticut aveva ancora copertura forestale, dato che i terreni erano stati dati alle aziende agricole e legname era necessario per la costruzione e per fornire carbone alle acciaierie.
Ma nel 1950, come l'agricoltura e la produzione di legname si trasferirono a Ovest, nel Midwest, e le foreste son tornate a coprire il 70 per cento dello Stato fino alla metà del ventesimo secolo. Da allora, l'edilizia ha preteso il suo, e ora appena circa il 50 per cento dello Stato è coperto di foreste.
"Ci è stata data una seconda possibilità - commenta Bill Toomey, direttore della riserva di Highstead. "Ma ora, sarà molto più difficile per le foreste a recuperare la perdita che stiamo causando."


Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :