Magazine Cucina

Anche la frutta ha uno storico Museo

Da Simoeffe

  Museo della Frutta “Francesco Garnier Valletti” 

Anche la frutta ha uno storico Museo

FRUTTA MODELLI


"C'era una volta un geniale artista-scienziato di nome Francesco Garnier Valletti.... proprio lui è l'autore della grande varietà di frutti esposti in museo: mele, pere, susine, uva, albicocche, fichi, pesche e a ben guardare troviamo anche qualche esemplare di rapa, barbabietola, carota, patata... chissà a cosa servivano? Attraverso questa ricca e curiosa collezione dell'Ottocento scoprirete come all'epoca si cercò di migliorare l'agricoltura del nostro Paese" 
Un' eredità di un originale artista e scienziato: centinaia di varietà di frutti riprodotte con verosimiglianza sorprendente

Anche la frutta ha uno storico Museo


Posso intitolare questo articoletto come "Insoliti Musei"?

Esso infatti  contiene una collezione di più di mille riproduzioni di frutti in cera (periodo  fine ottocento), realizzate da Francesco Garnier Valletti, artigiano confettiere di  Giaveno (Torino).Egli è diventato  famoso  come "ceroplasta". Le sue  creazioni sono molto verosimili e fanno parte della  sua raffinata arte che lo portò presso le corti viennese e degli zar di Russia. La collezione venne acquisita nel 1927 dalla Stazione Chimica della Università di Agraria di Torino

Anche la frutta ha uno storico Museo

MUSEO


 CURIOSITA'
La collezione pomologica Garnier Valletti venne donata all’Accademia dal Municipio di Torino nel 1899 e rimase disordinata e dimenticata. Nel 1916 il Socio Giovanni Operti, chimico farmacista, pomologo dilettante, riordinò i frutti, identificando ogni modello con un  cartellino relativo alla varietà ed al numero  progressivo corrispondente a quello registrato nel catalogo. La collezione è posta in  bacheche e  fu inaugurata nel dicembre del 1916 alla presenza di molte  autorità. 
Anche la frutta ha uno storico Museo

Nel 1997, durante lavori di ristrutturazione dei locali della cantina dell’Accademia, furono ritrovati  i disegni originali sulla base dei quali Garnier Valletti eseguiva i suoi modelli: circa 2000 fogli, rilegati e non, con disegni e scritti dell’autore stesso. I fogli sono stati fotografati e microfilmati con il  contributo della Facoltà di Agraria dell’Università di Milano. Ora i disegni sono in fase di restauro, grazie ad un finanziamento della regione Piemonte e della  camera di commercio di torino.


COME OPERO' GARNIER GALLETTI?
 
mela: foto gallery

 
Le straordinarie doti artistiche di Garnier Valletti lo spinsero a ricercare un impasto, una ricetta segreta di cui facevano parte resine vegetali e polvere d’alabastro, che facilitasse le sue necessità di preciso decoratore. Inoltre aveva una grande conoscenza della botanica e un grande spirito d’osservazione, così da fargli cogliere tutti i particolari, dai più evidenti a quelli quasi impercettibili ed in tal modo  riprodusse fedelmente la realtà nei suoi modelli. L’uso particolare  di vernici lucide od opache con aggiunta  di materiali fini, gli permise  di confezionare al meglio le bucce di pere, mele, susine, ciliegie, patate e tanti altri frutti della terra.

PERCHE' UN MUSEO 

Anche la frutta ha uno storico Museo

Aggiungi didascalia


Il Museo della Frutta non valorizza solo la collezione pomologica e i beni storico-scientifici della Stazione di Chimica Agraria,  ma ne conserva e valorizza le testimonianze materiali di un passato che, per quanto relativamente vicino nel tempo, appare ormai lontanissimo. Si propone anche di ripercorrere una fase della storia della ricerca scientifica applicata all’agricoltura e a rendere evidente la svolta che, tra Otto e Novecento, ha trasformato assai  le forme di produzione ortofrutticola da artigianali a industriali, introducendo nuovi metodi   di coltivazione, di conservazione, distribuzione e consumo.


Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • Un'estate al museo

    Un'estate museo

    La lucertola è una specie di visitatore che abbonda soprattutto d'estate (almeno l'estate sul calendario, se quella meteorologica non si presenta come... Leggere il seguito

    Da  Mrs Garrick
    CULTURA
  • Il Museo etnografico Stara di Bosa

    Museo etnografico Stara Bosa

    L'idea di una sezione dedicata ai musei della Sardegna covava da un pò. Inizia oggi il viaggio di Contusu alla ricerca delle piccole perle nascoste nei paesi... Leggere il seguito

    Da  Alessioscalas
    CULTURA
  • Alessandro Fiori-questo Dolce Museo

    Alessandro Fiori-questo Dolce Museo

    12 Settembre 2012 A cura di: Francesco Cerisola 2012-09-12 09:53:00 Francesco Cerisola Tag: cantautorale cantautorale pop pop folk folk Alessandro Fiori,... Leggere il seguito

    Da  Iyezine
    CULTURA, MUSICA
  • Una proposta? un museo sul teatro…

    proposta? museo teatro…

    … Prendendo esempio da Verona. Ma a chi si propone? si perde tempo prezioso. Dal maggio scorso, quando denunciammo l’immobilismo del Sindaco nella vertenza del... Leggere il seguito

    Da  Nonzittitelarte
    CULTURA, PALCOSCENICO, TEATRO ED OPERA
  • Museo Léger a Biot.

    Museo Léger Biot.

    La Provenza e la Costa Azzurra, hanno per diversi motivi esercitato un richiamo irresistibile per molti artisti del secolo scorso ed è facile capirlo, basta... Leggere il seguito

    Da  Enricobo2
    CULTURA, MUSEI, VIAGGI
  • Museo Rosenbach – Zarathustra (1973)

    Museo Rosenbach Zarathustra (1973)

    (1 voti, media: 5.00 su 5)10out of10 based on 1 Loading ... Considerato uno dei migliori dischi italiani del genere, “Zarathustra” fu composto e suonato da... Leggere il seguito

    Da  Salcapolupo
    CINEMA, CULTURA, MUSICA
  • Il museo del giocattolo tradizionale

    museo giocattolo tradizionale

    Un intervento singolare nell’ambito del recupero della nostra Tradizione, che prende spunto da un lavoro di ricerca realizzato nelle attività del tempo... Leggere il seguito

    Da  Alessioscalas
    CULTURA