Magazine Società

Antonella e Salvatore, il dramma del paese reale. Lontano da Arcore

Creato il 19 gennaio 2011 da Marcotoresini

Antonella e Salvatore, il dramma del paese reale. Lontano da Arcore

Antonella Riunno (da www.Corriere.it)

Antonella non è mai stata ad Arcore, nessuno l'ha mai invitata a quelle feste per settantenni e giovani, procaci, veline, a quelle feste di Stato. Ma Antonella, nei giorni del bunga bunga, è l'Italia che piange perchè lo Stato ballava discinto senza capire il suo dramma. Il suo dramma si chiama Salvatore, Catalano Salvatore, all'anagrafe, 55 anni, di professione operaio. Ora operaio morto. Il suo destino è stato comunicato al mondo, distratto dai festini del capo, ieri in una nota dell'Ospedale Niguarda di Milano, dove Salvatore era ricoverato dal 4 novembre scorso con ustioni sul 90 per cento del corpo. Le ustioni, si sa, sono una brutta bestia, ti lasciano nudo davanti agli eventi e gli eventi ti consumano piano piano, ti portano via, di erodono le speranze. Era già accaduto ad altri due amici di Salvatore, tutti lavoravano all'Eureco di Paderno Dugnano, un'azienda che tratta rifiuti nella quale agli inizi di novembre si verificò un'esplosione con cinque operai ustionati gravemente (in tre non sono sopravvissuti alle ferite). I giudici chiariranno le responsabilità di questa tragedia, ma per Salvatore e Antonella il dramma è ancora più profondo, più buio. Antonella, Riunno Antonella, 37 anni c'è scritto sulla sua carta di identità, era compagna di lavoro di Salvatore, è la custode dell'azienda dove è avvenuta l'esplosione. In quella casa vicino alla fabbrica Antonella e Salvatore (un divorzio alle spalle per lui) avevano deciso di ricostruirsi una vita di amore, un amore dal quale era nata Irma, una bambina di pochi anni. Un amore "clandestino" per lo Stato, visto che Antonella e Salvatore non erano sposati. Un amore che lo Stato, con l'ottusità di chi non vuol vedere e sentire, ha trasformato in clandestino a vita. Antonella e Salvatore, infatti, avrebbero dovuto sposarsi il 20 novembre, ma i progetti si sono dissolti come la pelle sul volto del povero operaio e dei suoi colleghi, svaniti in quella tremenda esplosione.
Antonella aveva sperato fino all'ultimo in quel sì sussurrato tra un soffio e l'altro di un respiratore, fra i bip del monitor che veglia sui parametri vitali. Bastava uno sguardo, un gesto d'assenso e il loro amore sarebbe uscito dalla clandestinità, la loro famiglia avrebbe avuto il "permesso di soggiorno" in questo Stato che fatica a riconoscere ciò che già c'è, a rispondere a situazioni che reclamano di essere ascoltate. «Ci sposeremo, ci sposeremo, era il nostro grande sogno, lo abbiamo sempre desiderato e lo faremo, ad ogni costo» aveva ripetuto Antonella nei corridoi dell'ospedale, accanto al sindaco di Paderno, pronto a tirar giù dal letto il funzionario comunale ad ogni ora della notte, non appena Salvatore avesse ripreso conoscenza.
Salvatore, però, è passato dalla fabbrica alla morte senza rendersene conto: non ha mai ripreso conoscenza, non è mai stato in grado di esprimere alcun consenso, nemmeno quel sì che avrebbe coronato il sogno d'amore con la sua Antonella.
Un coronamento non solo spirituale ma anche materiale, che avrebbe dissolto le incertezze che, da coppia di fatto, da famiglia senza diritti, ora si addensano su Antonella e la figlia Irma. Senza Salvatore e senza quelle garanzie che lo Stato contempla per la morte di un marito e di un padre, Antonella e Irma rischiano che il dramma sia ancora più profondo, che l'abisso ancora più duro da scalare, che la vita futura ancora più agra. Chi ringrazieranno ora Antonella e Irma? Uno Stato che ha sempre fatto finta che le coppie di fatto non fossero un problema? Uno Stato che con la scusa di preservare il matrimonio "classico" ha sempre lasciato inascoltata la voce di chi chiedeva diritti minimi perchè il futuro non dovesse più raccontare storie come quelle di Antonella e Salvatore travolti dagli eventi a due passi dal traguardo?
La storia di Antonella e Salvatore è la storia di un Paese reale e di uno Stato lontano. Di un Paese che piange a Paderno Dugnano e di uno Stato che canta ad Arcore. E la chiamano civiltà...

Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • La discarica di Arcore

    discarica Arcore

    Ho cercato invano qualche cosa da dire su questa storia del “bunga bunga”, ma non trovo niente che non sia desolatamente ovvio. Leggere il seguito

    Da  Silvanascricci
    ATTUALITÀ, SOCIETÀ
  • l'Outlet di Arcore

    l'Outlet Arcore

    Perfino i doppiogiochisti della patacca padana sono contrari all’apertura di un Outlet ad Arcore. Si oppongono addirittura loro che avevano digerito le... Leggere il seguito

    Da  Pierotieni
    SOCIETÀ
  • L'Outlet di Arcore/2

    L'Outlet Arcore/2

    Leggi ancora | Pubblicato da PDArcore | Commenti  ..;. Leggere il seguito

    Da  Pierotieni
    INFORMAZIONE REGIONALE, SOCIETÀ
  • la propaganda del Pifferaio di Arcore

    propaganda Pifferaio Arcore

    A sentirlo parlare, sul sito ideato e gestito appositamente per quei poveri berluscodipendenti in overdose di banalità e di servilismo... Leggere il seguito

    Da  Nomadus
    POLITICA, POLITICA ITALIA, SOCIETÀ
  • L'outlet di Arcore/3

    L'outlet Arcore/3

    di Rosalba Colombo Chiedo una lettura attenta perchè il tema è scottante e lorsignori si stanno passando il cerino, che è sempre più consumato, per non bruciars... Leggere il seguito

    Da  Pierotieni
    INFORMAZIONE REGIONALE, SOCIETÀ
  • State lontano da roma

    State lontano roma

    Il sindaco Alemanno, appartenente a quel partito che non mette le mani nelle tasche degli italiani, ha deciso di metterle in quelle dei turisti, specialmente... Leggere il seguito

    Da  Flyguyit
    SOCIETÀ
  • Le 6 giornate di Arcore

    giornate Arcore

    di Piero Tieni E nessuno si azzardi più a dire che lui al 25 Aprile e al 1 Maggio non ci tiene! Adesso è dimostrato che anch'egli (a suo modo) festeggiava. Leggere il seguito

    Da  Pierotieni
    SOCIETÀ