Magazine Cultura

Aosta

Creato il 24 settembre 2012 da Annaemy @Annaemily2

aosta pagContinuità di linee architettoniche fra il campanile romanico di   S. Orso   e le alte cime della Valle.

Nella conca, vasta come una pianura, dove il torrente Bhutier si unisce alla Dora, i Romani nel 24 a. C, sconfitti i Salassi, costruirono la loro città, chiamandola Augusta Praetoria. Inizialmente si trattò di un presidio fortificato, ma in pochi anni sorsero le ciclopiche mura a difesa di quella che era diventata, per importanza strategica e commerciale, la 'Roma delle Alpi'.monte emiliusPanorama, monte Emilius m. 3552Contemporaneamente, entro la pianta rettangolare di metri 724 x 572, si definirono gli otto isolati negli spazi delimitati dagli assi delle due strade principali: l'Alpis Graia e l'Alpis Poenina. Numerosi edifici pubblici, di carattere monumentale, sorsero nei quasi cinque secoli di dominazione romana, a gloria del genio latino e della laboriosità dei Salassi, abili costruttori. porta praetoriaPorta Praetoria e la Torre “Vielle Insinuation”Nell'epoca feudale, la città, non si estese di molto oltre le mura romane che vennero demolite, in parte, dalle incursioni barbariche e, in parte, dai signorotti per edificare le loro dimore. Sviluppatisi il commercio, l'artigianato e l'agricoltura, la città, si dilatò nei secoli successivi sino ad occupare, ai nostri giorni, anche parte della collina posta all'imbocco della valle del Gran San Bernardo.
Oggi, Aosta, capoluogo della Regione e sede del Governo Regionale, è una vivace città alpina che rivela il suo carattere dinamico di tipo industriale dove, i fenomeni negativi dell'urbanesimo (smog, rumori, incomunicabilità a livello umano), sono attenuati dall'ambiente montano e dai suoi legami con la civiltà montanara delle vallate. Le vestigia dei monumenti dell'antica Augusta Praetoria, giunti sino a noi, sono ancora numerose ed i resti poderosi dell'epoca romana imperiale, si stagliano superbi nella cornice dei monti.
porta praetoria2Porta PraetoriaL'Arco d'Augusto, eretto per celebrare la vittoria sui Salassi, è posto alle porte della città, fuori dalle mura. L'entrata nella città è segnata dalle gigantesche 'Porte Pretoriane' costruite con enormi blocchi di pietra che formano una doppia barriera con tre ingressi, di cui il centrale, più grande, è attraversato dalla strada. Sul fianco delle 'Porte' si erge una massiccia torre adibita, nel medioevo, a dimora dei signori di Quart.arco d'augustoArco d’Augustoteatro romanoParticolare del Teatro RomanoNei pressi delle 'Porte Pretoriane' è ubicato il 'Teatro' con l'alta facciata modulata da contrafforti con portali di ingresso ad arco e tre ordini di finestre; dietro, si trovano i resti delle gradinate e la piccola arena.
Lunghi tratti di cinta romana fronteggiano la stazione ferroviaria; delle primitive 18 torri poste lungo la cinta prima del 1000, è scampata solo la torre del Pailleron con doppio ordine di finestre ad arco.
la cattedrale s.giovanni battistaLa Cattedrale (S. Giovanni Battista)Sulle rovine delle altre furono edificate dimore feudali; tali sono la 'tour del Lebbroso', la 'torre di Bramfan' e la 'tour de Balliage' (o Baillagie).
Altre testimonianze della città romana si trovano all'interno dell'antica cinta quadrata e costituiscono una attrattiva turistica-archeologica di grande interesse.
la cattedrale s.giovanni battistaGressan, campanile romanico e Chiesa d S. Maria Maddalena la cattedrale s.giovanni battistaTorre di Bramfan  (sec. XII)


Aosta
Dove Mangiare e Bere ad Aosta:

Ad ForumAgriturismo Les ChariotsAgriturismo Plan D AvieBar AugustusBar Ristorante Pizzeria Il TripoliBataclanBella NapoliBrasserie du CommerceBreak HouseCafé du MoulinCaffè Arco d AugustoCaffé ItaliaCaffé NazionaleCaffé Restaurant MijàCrêperie CarillonIl GhiottoneL AperitivoLa Cave De TillierLa ChaumiéreLa FermeLa RotondaOriental Restaurant BambuOsteria Da NandoOsteria La Vache FollePam-Pam Trattoria degli ArtistiPizza SìPizzeria Ristorante Della TorreRistorante Cinese PandaRistorante Le Pelerin GourmandRistorante Osteria dell OcaRistorante Panza ChijnaRistorante Pizzeria StadioRistorante Pizzeria Gambero RossoBrasserie de la RiondaRistorante Pizzeria CaesarRistorante Pizzeria La BraceRistorante Pizzeria ModernoRistorante Pizzeria Pub VictoryRistorante Pizzeria UlisseRistorante Vecchia AostaRistorante Vecchio RistoroRistorante XavierRossopomodoroSweet Rock CaféTrattoria PraetoriaTrattoria Pizzeria La Pace

Aosta

Dove Dormire ad Aosta:

BB Al NabuissonBB AmbrosiaBB De l'AbbéBB de la VilleBB Il GirasoleBB La VignaHotel Al CaminettoHotel EuropeHotel HirondelleHotel JoliHotel La Belle EpoqueHotel Le CharabanHotel Le PageotHotel Meublé ExcelsiorHotel MignonHotel MilleluciHotel MochettazHotel Monte EmiliusHotel Norden PalaceHotel Ristorante CecchinHotel RomaHotel TurinLa RocheMaison du Noyer
Aosta

Come arrivare ad Aosta:In automobile, la città può essere raggiunta comodamente in autostrada. Per chi proviene dal resto d’Italia, percorrere la A5 (Torino-Aosta-Courmayeur) sino al casello “Aosta Est”. Per chi proviene dal Tunnel del Monte Bianco, imboccare sempre la A5, con uscita al casello “Aosta Ovest”. Chi intendesse raggiungere Aosta dalla Svizzera, può percorrere - sia che provenga dal traforo, che dal Colle, del Gran San Bernardo – la strada statale n. 27. I viaggiatori che entrassero in Valle dal Colle del Piccolo San Bernardo, infine, raggiungeranno il capoluogo regionale attraverso la strada statale n. 26.


Aosta è poi raggiungibile in treno. Dall’apposita maschera sul sito delle Ferrovie dello Stato è possibile ricavare l’offerta oraria.
Da diverse località, nazionali ed internazionali, è infine possibile recarsi ad Aosta in autobus. Sul sito della società “Savda”, che gestisce il servizio, il dettaglio di orari e tariffe.
PER MAGGIORI INFORMAZIONI VISITA IL SITO DEL COMUNE DI AOSTA 
Visualizzazione ingrandita della mappa

Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

Magazines