Magazine Tecnologia

Apple Store: successo enorme dei negozi

Creato il 18 agosto 2012 da Andy04 @stilegamesnews

Negozi Apple sempre più visitatiIn totale la mela di Cupertino incassa oltre 18 miliardi di dollari all’anno con i suoi negozi specializzati in tutto il mondo: un miliardo di visitatori, 363 punti vendita, ognuno dei quali genera quasi 50 milioni di dollari all’anno. Sarà proprio per questo che Apple è l’azienda più ricca al mondo e più ricca anche della crisi economica, che non sembra minimamente limitare o condizionare i consumi delle persone, quando vedono in lontananza il luccicare del magico logo della mela morsicata. Tra l’altro pare che sia davvero difficile se non impossibile riuscire a farsi assumere in uno di questi negozi e non è ancora chiaro quali siano i requisiti richiesti per vedersi spalancare le porte di un negozio di telefonini e tavolette.

Ma come spiegare l’immenso successo dei negozi specializzati della casa di Cupertino? Uno dei fautori del successo degli Apple Store, è sicuramente Ron Johnson, in quanto fu proprio lui a proporre a Steve Jobs una serie di soluzioni che hanno contribuito a rendere unici questi negozi. Da capo della sezione Apple retail, Ron Johnson  ha lasciato l’azienda alcuni mesi fa, per cercare di ripetere i suoi successi passando alla JC Penney.

Sembra però che anche in casa Apple comincino a farsi sentire i primi segnali della crisi, visto che secondo il sito MacRumors,  in alcuni Apple Store del Regno Unito  sarebbero iniziati i primi licenziamenti di massa. Pare infatti che i dipendenti che hanno meno di 6 mesi di esperienza vengano allontanati, così come quelli che hanno appena terminato la formazioni e anche le nuove assunzioni sono state temporaneamente bloccate, così come le promozioni di alcuni dipendenti, che non potranno avere così l’aumento di stipendio tanto sudato.

Nonostante quindi la mela morsicata stia vivendo uno dei momenti di maggior successo, i suoi dipendenti non stanno affatto godendo di tutta questa ricchezza economica.


Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

Dossier Paperblog