Magazine Cultura

Arctic monkeys, franz ferdinand e nin salveranno nonno rock?

Creato il 26 settembre 2013 da Cannibal Kid
Condividi
“Dottore, dottore. Mi dica, come se la passa il mio Nonno Rock?” “Come vuoi che se la passi, figliolo? Il Rock è ormai come la Sinistra italiana: un malato terminale in attesa dell’estrema unzione.” “Oh caccio, Dottore. Possibile che non ci sia più niente da fare?” “Proprio niente niente, no. Proviamo con 3 delle ultime band che forse hanno ancora qualcosa da dire. Ascoltiamoci un po’ i loro nuovissimi album, leggiamoci le recensioni di Pensieri Cannibali e vediamo se questi gruppi riusciranno a salvarlo.”
Nine Inch Nails “Hesitation Marks” Bello, il nuovo album dei Nine Inch Nails di Trent Reznor. Sì, bello schifo. (voto 4/10)

ARCTIC MONKEYS, FRANZ FERDINAND E NIN SALVERANNO NONNO ROCK?

"Ragazzi, tutti pronti per andare a punire il Cannibale?"



“Mi spiace figliolo, il primo tentativo è fallito. Passiamo al secondo.”
Franz Ferdinand “Right Thought, Right Words, Right Action” Il nuovo disco dei Franz Ferdinand sarebbe esaltante. Se solo fosse ancora il 2004. O se solo fosse ancora piena estate. Arrivato così alle porte dell’autunno, è un ascolto piacevole ma nulla più. Right Thought, Right Words, Right Action, but wrong timing. (voto 6/10)

ARCTIC MONKEYS, FRANZ FERDINAND E NIN SALVERANNO NONNO ROCK?

"No, fermi! Prendiamocela con Cannibal, non tra di noi."



“Niente da fare, figliolo. I Franz Ferdinand c’hanno provato, ma non ce l’hanno fatta.” “Oh mio Dio e adesso?” “Facciamo ancora un ultimissimo tentativo.”
Arctic Monkeys “AM” Le scimmiette artiche sanno il fatto loro, va riconosciuto. Alex Turner è uno dei migliori autori della sua generazione e lo conferma in una serie di splendidi pezzi, su tutti le ballad da favola “No. 1 Party Anthem” e “Mad Sounds” (quest’ultima con un’apertura stile “Tender” dei Blur), l’ipnotica “Do I wanna Know?”, l’esaltante “R U Mine” e la piacevolmente pop e saltellante “Why’d You Only Call Me When You’re High?”. Qua e là compare qualche piacevole sebbene leggerissima influenza hip-hop nei ritmi, però per il resto le scimmiette proseguono nell’evoluzione naturale del loro solito sound. Hanno tirato fuori un bel disco, un altro bel disco, eppure c’è qualcosina che non convince del tutto… Sono proprio i pezzi più tradizionalmente rock’n’roll ad apparire un po’ debolucci, come il sound generico da Virgin Radio di “I Want It All”, o qualche momento ancora troppo derivativo nei confronti dei Queens of the Stone Age del loro santino musicale Josh Homme. Nel complesso un buon album, uno dei migliori in ambito rock dell’anno, ma non un album così importante o fondamentale, visto che non sposta di un centimetro i confini della musica rock, anche perché la band non sembra avere la minima intenzione di farlo. L’impressione è allora che Alex Turner, con le sue scimmiette o con il progetto parallelo Last Shadow Puppets o pure in versione da solista come per la soundtrack di Submarine, possa fare ancora di meglio di così. (voto 7+/10)

ARCTIC MONKEYS, FRANZ FERDINAND E NIN SALVERANNO NONNO ROCK?

"Noi non ci muoviamo, siamo troppo infighettati per sporcarci le mani con il sangue cannibale."



“Ma allora, Dottore? Almeno gli Arctic Monkeys sono riusciti a salvare Nonno Rock?”

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog