Magazine America

Argentina: Buenos Aires tra ritmo, note e parole

Da Chiaretto41

Scritto da Junio Tumbarello   

Giovedì 20 Gennaio 2011 13:27

Boca a Buenos Aires storico quartiere
Quando si parla di Argentina vengono in mente i colori sgargianti delle case del Caminito alla Boca, i sapori dell’Angus, il ritmo incalzante del tango di Evaristo Carriego, ma anche le strisce di Mafalda disegnata da Quino o i versi di Jorge Louis Borges. Se avete intenzione di regalare emozioni alla vostra anima coccolando i vostri sensi, l’Argentina è, indubbiamente, una meta da tenere in considerazione.
Buenos Aires è stata fondata due volte, nel 1536 e nel 1580. In nome di Nostra Signora di Bonaria. Sono stati in molti a cantarla: Borges tra tutti, e poi Cortàzar, Puig e Carriego. È quindi città letteraria per eccellenza. Ma anche una delle metropoli più grandi del mondo.


Buenos Aires e la Historia de tango
Buenos Aires è cosmopolita. Ha il volto e il sapore d'Europa - eleganti caffè (come il Tortoni) , le bellezze architettoniche e circa un centinaio di musei, ma il suo cuore batte un ritmo latino. Certo, la città cantata da Borges oggi non c’è più, ma il suo mito resiste (quanto quello del poeta) nei suoi vicoli, nelle milonghe, nelle case dei vecchi quartieri. Come nel Caminito, alla Boca. Questa stradina, oggi, è un vero museo a cielo aperto, piena di ristoranti, negozi e dei tipici “conventillos” di onduline e legno, dipinti a mano con colori accesi dall’artista Benito Quinquela Martìn. La Boca è un barrio (quartiere) sulle rive del Riachuelo, il fiume che divide il territorio della capitale da quello della provincia di Buenos Aires. Deve il suo nome al fatto di sorgere all'imboccatura (boca) della confluenza del Riachuelo nel Río de la Plata, forse a ricordare l'antico quartiere Boca d'Azë di Genova, considerato che il primo nucleo abitativo ebbe inizio grazie ai marinai Genovesi, che qui poi emigrarono in massa nel XIX secolo.

&feature=fvst

Al tempo dei coloni La Boca era un’area di enormi baracconi per gli schiavi ma, alla fine dell'Ottocento, cominciò a popolarsi d’immigranti genovesi che le hanno dato l'aspetto che, in qualche modo, ancora oggi è percepibile. I suoi abitanti si definiscono ancora “Xeneizes”, deformazione del termine “Genovese”, in vernacolo ligure Zeneize, che in una forma argentino-castellana, al plurale, vale per Genovesi, lingua parlata inizialmente dalla popolazione della Boca. La popolarità della Boca è dovuta anche al fatto che la sede della polisportiva Boca Juniors - che deve la sua fama soprattutto alla sua sezione calcistica che fu fondata nel 1905 – ha sede qui.
Per non parlare naturalmente poi delle mitologiche origini del tango, che ormai tutti unanimemente fanno nascere in questo quartiere nella Buenos Aires di fine ‘800. Famose le parole di Borges nella sua “Historia de Tango”: “Si direbbe che senza i crepuscoli e le notti di Buenos Aires non possa nascere un tango, e che in cielo ci attenda, per noi argentini, l’idea platonica del tango, la sua forma universale (quella forma appena accennata ne La Tablada o El Choclo), e che questa specie fortunata abbia, per quanto umile, il suo posto nell’universo.

Il famoso caffè Tortoni
Il tango nacque proprio in questo barrio, tra il 1.890 e il 1.920, nella congerie emozionale delle migliaia di immigrati approdati qui in quel periodo: spagnoli, italiani, tedeschi che non sapevano comunicare in una lingua ancora sconosciuta e trovavano nel ballo la forma più economica e immediata di divertimento collettivo. In altri ingredienti della storia tanguera troviamo però la spiegazione alla sua radice sensuale: il “ritmo nuevo”, così come veniva chiamato, vive e nasce all’ambiente dei bordelli e delle piste di ballo, dove puttane e cameriere erano le sole donne presenti. Le prostitute poi, dando “anima e corpo” ai propri compagni occasionali, ballavano in modo molto provocante e sensuale. Ma la componente sensuale del tango si rifletteva anche nelle parole delle canzoni, talvolta osceni e con titoli che lasciavano poco spazio all’immaginazione: “El choclo” vuol dire “pannocchia” ma in "lunfardo" (un registro linguisico spagnolo utilizzato nella città di Buenos Aires e Montevideo), è usato per indicare il pene, oppure “Dejalo morir adentro” cioè “Lascialo morire dentro”: connotati moralmente non “accettati” dalla comunità fuori dal barrio e che in seguito scomparirono quando il ballo uscii dalle periferie e dai bordelli per iniziare a farsi conoscere in altre città, specie a Parigi.
Buenos Aires la capitale argentina
Il ritmo tanguero della città e della vita "porteña"
(letteralmente "portuale", inerente a una città portuale) sono quindi percepibili nell’aria della capitale argentina. Se però visiterete la città argentina, non potrete fare a meno di ammirare un murale dipinto nel 2001 in avenida de Mayo, all’angolo con 9 de Julio, nella via del Potere: quella collega la Casa Rosada, cioè l’ufficio del presidente della Repubblica con il Palacio del Congresso. Il murale è un omaggio ad Astor Piazzolla e al suo magico “Bandoneón”, cioè la particolare e suadente fisarmonica, strumento fondamentale delle orchestre di tango argentine. “Ci sono viaggi che scegliamo noi, e che ce ne sono altri dai quali veniamo scelti (Bruce Feiler)”: quello in Argentina appartiene di sicuro al secondo tipo.
Se questa volta abbiamo toccato le corde del vostro udito, la prossima volta affascineremo il vostro palato, con un viaggio unico nelle cucine argentine.

Se volete sapere di più del mondo argentino visitate il sito: El Borgo

SCARICA LE APP SULL'ARGENTINA:

Argentina Travel Guide

Argentinean Wines 2010
 


Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :