Magazine Animazione

Arrietty – Il mondo segreto sotto il pavimento

Creato il 13 ottobre 2011 da Taxi Drivers @TaxiDriversRoma

Arrietty – Il mondo segreto sotto il pavimento

 

Anno: 2010

Distribuzione:  Lucky Red

Durata: 94′

Genere:  Animazione

Nazionalità: Giappone

Regia: Hiromasa Yonebayashi

 

Tokyo, oggi. Arrietty è una tredicenne come tanti. Bambina un po’ cresciuta, vive con i genitori e guarda il mondo con la curiosità di chi lo sta scoprendo da sola per la prima volta. Coscienziosamente disobbedisce ai grandi e affronta le insidie che si nascondono là fuori senza essere ancora contaminata dai giudizi e pregiudizi che offuscano lo sguardo disincantato di chi ha vissuto molto più di lei. Arrietty passa il suo tempo ad aiutare la madre nei lavori domestici e ad arredare la sua bellissima e disordinatissima cameretta, una sorta di serra dai colori più vivaci. Non va a scuola, non ha amici, usa uno spillo come spada e vive sotto il pavimento di una villa di campagna. Arrietty è alta 10 cm ed è uno gnomo, per gli umani, anche se lei e la sua specie amano definirsi “prendinprestito” perché vivono dei piccoli prestiti che riescono a sgraffignare dentro le nostre case. Il giorno del suo svezzamento, in una missione dentro la villa alla ricerca di una zolletta di zucchero, viene vista da Sho, un nuovo inquilino di 12 anni che deve sottoporsi di lì a breve a urgenti cure mediche in città. La sua vita e quella della sua famiglia ormai sono in pericolo, non ci si può fidare degli umani. Ma Arrietty non la pensa propriamente così…

“Io credo che le fiabe, quelle vecchie e quelle nuove, possano contribuire a educare la mente”, diceva Gianni Rodari. Lo studio Ghibli sembra aver preso spunto dalle parole del grande “favoliere”, incentrandoci, probabilmente inconsapevolmente, la filosofia di base di un’intera casa di produzione per quasi trent’anni. A proposito di date, proprio quarant’anni fa, il fondatore e regista Hayao Miyazaki, insieme al co-fondatore Isao Takahata, scrisse l’adattamento di Karigurashi no Arrietty (Arrietyy colei che prende in prestito) basandosi sul classico The Borrowers di Mary Norton. Passati quattro decenni, Miyazaki rispolvera questa magica storia affidandola alla regia dell’esordiente Hiromasa Yonebayashi, già conosciuto nel mondo anime per la sua collaborazione da “In-between” Animator nei più famosi lungometraggi dello Studio Ghibli.

“L’ambientazione cambierà dall’Inghilterra degli anni 50 al Giappone di oggi. (…) La famiglia in miniatura si procura il fabbisogno quotidiano prendendolo in prestito dagli umani. Non si tratta però di una famiglia di creature soprannaturali o dotate di poteri magici. (…) La storia sarà il ritratto della loro vita quotidiana”. Parole di Miyazaki, che pianifica la sceneggiatura affidandola a Yonebayashi che porta sullo schermo un incantevole e poetico ritratto di quotidianità su misura, sublimato dalla musica di Cécile Corbel, arricchito da minuziose ambientazioni dai colori pastello e da uno sguardo trasognato sulla realtà. Protagonisti? I ragazzi, come sempre eroi tra realtà parallele, custodi di segreti e consapevolezze che svaniscono con gli anni.

Come in Nausicaä della valle del vento, La città incantata, Il castello errante di Howl e la maggior parte dei lungometraggi firmati Ghibli, troviamo una ragazza a vestire i panni dell’eroina coraggiosa fuori dal tempo. Stavolta però, non ci sono castelli ottocenteschi, streghe malvagie, effetti pirotecnici o deviazioni fantastiche, ma solo piccoli uomini che si affannano a tirare avanti facendo del riciclo. Come Ponyo sulla scogliera nascondeva i fili di una metafora ecologica sottointesa sotto i fili della narrazione, così Arrietty e il suo prendere in prestito (sottolineato proprio per questi motivi nella titolazione originale) diventano un espediente per responsabilizzare e rassicurare in questi tempi di crisi sugli sprechi. Usando le parole del suo ideatore: “nella speranza che questo lavoro offra conforto e coraggio alle persone che vivono in questi tempi caotici e insicuri…”.

Chiara Napoleoni

 

Arrietty – Il mondo segreto sotto il pavimento
Scritto da il ott 13 2011. Registrato sotto IN SALA. Puoi seguire la discussione attraverso RSS 2.0. Puoi lasciare un commento o seguire la discussione


Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • Arrietty - Il mondo segreto sotto il pavimento

    Arrietty mondo segreto sotto pavimento

    Da queste parti amiamo molto l'animazione e sebbenela Pixar da qualche anno a questa parte abbia superato tutti in questo campo,l'unico degno contendente per... Leggere il seguito

    Da  Valentinaariete
    CINEMA, CULTURA
  • Arrietty – Il mondo segreto sotto il pavimento

    Arrietty mondo segreto sotto pavimento

    Un altro capolavoro di animazione per lo Studio Ghibli, che mette in scena uno sceneggiato del grandissimo Maestro Hayao Miyazaki, e diretti questa volta da... Leggere il seguito

    Da  Sabato83
    CINEMA, CULTURA
  • Arrietty

    Arrietty

    Nella periferia di Tokyo, a Kogenei, c'è una vecchia casa immersa nel verde. Qui vivono la governante, la signora Haru, e la sua datrice di lavoro la signora... Leggere il seguito

    Da  Flavio
    CINEMA, CULTURA, FUMETTI, LIBRI
  • Arrietty

    Arrietty

    bè, non ci si può lamentare: a poco più di un anno dall'uscita sugli schermi giapponesi, arriva anche da noi Karigurashi no Arrietty, l'ultima produzione dello... Leggere il seguito

    Da  Guchippai
    CINEMA, CULTURA
  • Il Debito

    Debito

    di John Maddencon Helen Mirren, Ciarán Hinds, Jessica Chastain, Marton Csokas, Sam Worthington, Tom WilkinsonUsa2011Rachel, David e Stephan sono tre giovani... Leggere il seguito

    Da  Bunnymunro
    CINEMA, CULTURA
  • Il gioiellino

    gioiellino

    Un film di Andrea Molaioli. Con Toni Servillo, Remo Girone, Sarah Felberbaum, Lino Guanciale, Fausto Maria Sciarappa.  Drammatico, durata 110 min. -- Italia,... Leggere il seguito

    Da  Mriitan
    CINEMA, CULTURA
  • Il buono il matto il cattivo

    Kim Jee-woonSe qualcuno ancora non credesse che il cinema d'azione del Far East non ha proprio niente da invidiare a Hollywood, anzi semmai è il contrario, gli... Leggere il seguito

    Da  Giorgioplacereani
    CINEMA, CULTURA