Magazine

Arrivederci amore, ciao

Creato il 08 gennaio 2014 da Ladri_di_vhs
ARRIVEDERCI AMORE, CIAO
Era il 2006 l'anno in cui "Arrivederci amore, Ciao" vide luce nelle sale cinematografiche italiane. Michele Soavi ben dodici anni dopo la sua ultima fatica cinematografica riesce a tornare sui grandi schermi, un allontanamento non propriamente voluto, dopo gli ultimi incassi medio-bassi del film "Dellamorte dellamore" le difficoltà nel trovare un produttore divennero maggiori e questi ripiegò la sua arte al servizio televisivo iniziando a dirigere diverse film e telefilm tv, delle volte con risultati apprezzabili (come il notevole "Uno Bianca"), altre volte solo come mestierante, dopo questa lunga parentesi il regista milanese ritorna al cinema e ritrova un'indipendenza artistica che la tv non gli poteva dare, quindi dopo anni di gestazione riesce a partorire un film discostandosi dall' horror che lo aveva reso celebre tra gli amanti del genere decide di approdare al noir trasponendo l'omonimo romanzo di Massimo Carlotto.
ARRIVEDERCI AMORE, CIAO

La trama è abbastanza fedele a quella cartacea: Giorgio Pellegrini (Alessio Boni), ex-terrorista rosso, a causa di una pena da scontare in Italia è rifugiato in sud america in un esercito di rivoluzionari, riesce a tornare in Italia e grazie a delle scorrettezze a evitare la galera, nonostante ciò sin da subito è oggetto di ricatti da parte del capo della Digos Ferruccio Anedda (un Michele Placido in grande spolvero) che lo lascia in libertà con l'aperta intenzione di poterlo sfruttare non appena l'occasione lo richiede. Non intenzionato a tenere un tenore di vita mediocre, il protagonista si dedica ad attività oltre il limite della legalità e nonostante ad un certo punto, raggiunta la stabilità economica provi a iniziare una vita onesta il passato tornerà a tormentarlo.

ARRIVEDERCI AMORE, CIAO 
Soavi dirige un noir spietato, cupo, teso e violento, ci scaraventa in un mondo dove nulla si salva e tutto sembra irrimediabilmente marcio: dalla società, alle istituzioni non si risparmia nessuno e per tutto il film non sembra esserci uno spiragio di luce, il protagonista stesso non è presentato con toni simptici o esaltanti per il quale possa nascere empatia, Boni è un bastardo, una carogna, un vigliacco, un approfittatore e sono queste le ragioni per cui riesce a farsi strada in un contesto sociale dove ognuno dietro una maschera nasconde la propria meschinità.

ARRIVEDERCI AMORE, CIAO

Il regista milanese non risparmia e non si risparmia, con la macchina da presa da sfoggia di un'ottima tecnica e non mancano i momenti notevoli anche grazie al supporto di una colonna sonora degna di tale nome.
Tirando le somme il risultato è un ottimo film che ovviamente in Italia ai tempi non riuscì a coprire neanche i costi di produzione e mentre da noi nessuno gli dava il giusto spazio in Francia la rivista Mad Movies gli dedicava ben sei pagine definendolo (pur con qualche esagerazione) il miglior noir degli ultimi 20 anni.
Dal canto mio io qualche imperfezione nella recitazione di Boni l'ho trovata, così come la fotografia appare troppo televisiva e certo con qualche soldo in più di budget si sarebbero potuti curare meglio alcuni particolari, fatta questa critica resta il grande rammarico che un film di tale caratura in Italia è passato praticamente inosservato e Soavi ancora una volta sia tornato a girare fiction televisive senza mai avere la giusta considerazione delle sue abilità.
Certo ora è tardi per rimediare mase avete un paio d'ore di tempo spendetele per questo film, lo merita e ve lo meritate.

ARRIVEDERCI AMORE, CIAO
Axel Spinelli

Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • Ciao Tonino

    Ciao Tonino

    Estate pesante questa. È morto Tonino Accolla.Famoso per aver doppiato Homer, Eddie Murphy, Kenneth Branagh e tanti altri famosi attori, ancora più famosi in... Leggere il seguito

    Da  Tanci86
    SOCIETÀ
  • Ciao Harmonica Man!

    Nella giornata di ieri si è spento all’età di 84 anni Franco De Gemini, musicista, editore e produttore discografico di grande rilievo ma per noi di famiglia pi... Leggere il seguito

    Da  Chit
    SOCIETÀ
  • Summer party e arrivederci!

    Summer party arrivederci!

    Esplode l'estate, sole, gelati, aria aperta... sale la voglia di stare insieme, magari una grigliata, sarebbe l'ideale. Così' sabato scorso, ho organizzato una... Leggere il seguito

    Da  Serena Silvestri
    PER LEI
  • Ciao Andrea!!!

    Ciao Andrea!!!

    Durante la gara della SuperSport, nel circuito di Mosca, ci lascia un altro eroe di questo magnifico ma altrettanto pericoloso sport : a soli 25 anni di età,... Leggere il seguito

    Da  Postscriptum
    MOTORI, SPORT
  • Ciao amica cara

    Ciao amica cara

    Questo blog è in pausa estiva, ma non posso fare a meno di salutare e ricordare una cara amica che oggi mi ha lasciato. Molly, una cagnona incrocio con un... Leggere il seguito

    Da  Galadriel
    DIARIO PERSONALE, POESIE, RACCONTI, TALENTI
  • Arrivederci, fratello mare

    Arrivederci, fratello mare

    Ed ecco ce ne andiamo come siamo venuti arrivederci fratello mare mi porto un po' della tua ghiaia un po' del tuo sale azzurro un po' della tua infinità e un... Leggere il seguito

    Da  Hermosa
    DIARIO PERSONALE, PER LEI