Magazine Scienze

Attivita' vulcanica in crescita da oltre un secolo

Creato il 08 luglio 2012 da Alessandrodecet
ATTIVITA' VULCANICA IN CRESCITA DA OLTRE UN SECOLO
La dinamica delle eruzioni vulcaniche è soggettA a ciclicità certa.
L'analisi dell'evoluzione del tasso di eruzioni vulcaniche mostra che dal 1900 al giugno 2010, una tendenza per il numero di eruzioni vulcaniche a crescere è stata osservata.
Questo è esplicitamente visto nel grafico del tasso di eruzioni vulcaniche, mostrato in fig. 10.
Tre minimi profondi spiccano nell'attività vulcanica: 1916-1918, 1941-1942 e 1997-1998.
Tali minimi sono limitatori per i cicli di attività vulcanica.
L'attuale ciclo di attività vulcanica è iniziato nel 1999.
ATTIVITA' VULCANICA IN CRESCITA DA OLTRE UN SECOLO
Fig. 10. Grafico delle eruzioni vulcaniche del mondo dal 1900 a giugno 2010
(Da E. Khalilov, 2010, secondo i dati globali del programma Volcanism)
http://www.volcano.si.edu/world/find_eruptions.cfm
Numero annuo di eruzioni vulcaniche è segnato in giallo;
Trend basata sulle medie di funzionamento di 7 anni è segnato in blu.

Al tempo stesso, come mostrato in fig. 11, la retta linea di tendenza che caratterizza la tendenza generale dell'evoluzione dei numeri di eruzioni vulcaniche indica anche un aumento del numero di eruzioni vulcaniche di anno in anno.
L'analisi della distribuzione di vulcani mondiali dimostra che sono situate principalmente nelle zone tettonicamente attive della Terra, come mostrato nella mappa in Fig. 12.
La maggior parte dei vulcani del mondo, così come i terremoti, sono situati lungo i confini delle placche tettoniche.
Di conseguenza, i vulcani si dividono in due tipi fondamentali: vulcani della zona di subduzione e vulcani della zona di rift.
ATTIVITA' VULCANICA IN CRESCITA DA OLTRE UN SECOLO
Fig. 11. Straight-linea di tendenza di eruzioni vulcaniche del mondo
dal 1900 a giugno 2010
(Da E. Khalilov, 2010, dai dati globali del programma Volcanism)
http://www.volcano.si.edu/world/find_eruptions.cfm )

ATTIVITA' VULCANICA IN CRESCITA DA OLTRE UN SECOLO
Fig. 12. Mappa della distribuzione globale di vulcani
http://www.globalchange.umich.edu/globalchange1/current/lectures/nat_hazards/ nat_hazards.html

La Zona di vulcanismo di subduzione è un misto di vulcanismo esplosivo-effusiva, di base ad acido ma soprattutto di composizione neutrale.
Tutti i vulcani del bordo occidentale del continente americano e del bordo orientale del continente asiatico, così come quelli di archi insulari adiacenti, la regione del Mar Mediterraneo, Indonesia, Isole Aleutine, in Giappone, Kamchatka, sono tutti esempi di questo tipo di vulcanismo.
Il secondo tipo comprende vulcani di dorsali medio-oceaniche e zone di rift continentali.
Per la maggior parte, è vulcanismo sottomarino effusivo di dorsali medio-oceaniche e le isole vulcaniche stanti sopra di loro, come l'Islanda e le Azzorre.
I vulcani continentali si trovano,per esempio,nel Mar Rosso, Africa orientale, ecc, sono anche vulcani in zona di rift.
Oltre a quelle sopra citate, c'è un altro tipo di magma vulcanico che è un vulcano di interplacca oceanica. Questi si trovano nelle parti interne delle placche, per esempio, i vulcani di Comore e Hawaii.
Vi è un altro, anche se meno comune, tipo di vulcano che è un vulcano di fango con breccia come il prodotto di un'eruzione.
Questo tipo di vulcano è discusso nella prossima sezione.
Vulcani attivi, inattivi, o estinti.
I vulcani spenti sono quelli che hanno mantenuto la loro forma, ma ci sono appena alcune informazioni in merito alla loro capacità di eruttare.
Tuttavia, terremoti locali continuano a verificarsi sotto di loro, indicando in tal modo che essi possano risvegliarsi in qualsiasi momento.
Molte aree di vulcanismo moderno coincidono con zone ad alta attività sismica, che è abbastanza naturale.
Un terremoto vulcanico può essere identificato tramite il concorso di messa a fuoco del terremoto con la posizione del vulcano, e una magnitudo relativamente bassa.
Il terremoto che ha accompagnato nel 1988 l'eruzione di Bandai-San in Giappone è un esempio di un terremoto vulcanico.
Dopo il terremoto, una potente esplosione di gas vulcanico in frantumi un'intera montagna andesite 670 metri di altezza.
Un altro terremoto vulcanico accompagnato a Saku nel 1914 l'eruzione del vulcano Yama, anche in Giappone.
Terremoti vulcanici nello stesso anno presso il vulcano italiano di Ipomoea hanno rovinato un piccolo comune di Casamicciola.
Ci sono numerosi terremoti vulcanici in Kamchatka connessi all'attività vulcanica di Klyuchevskaya Sopka, Shiveluch e altri vulcani.
Le manifestazioni di terremoti vulcanici sono quasi indistinguibili dai fenomeni osservati durante i terremoti tettonici, ma la loro portata e l'energia sono molto più piccole.
ome regola generale, eruzioni vulcaniche magmatiche sono precedute da una serie di piccoli terremoti con potenza crescente con l'avvicinarsi eruzione. I preparativi per una eruzione vulcanica e la sua durata può durare per alcuni anni a secoli. Il movimento di magma ad alta temperatura provoca durante le eruzioni corse numerose e fessure nella crosta, manifestandosi sotto forma di medie e talvolta forti terremoti.
Vulcani di Fango
In termini di dimensioni e di energia di eruzioni,i vulcani di fango sono considerevolmente inferiori ai vulcani di magma.
Questo tipo di vulcanismo ha attirato l'attenzione degli scienziati per lungo tempo. Vulcani di fango si trovano in regioni tettonicamente attive del nostro pianeta.
È interessante notare che l'Azerbaigian è la patria di oltre 300 vulcani di fango, circa la metà di tutti i vulcani di fango del mondo.
Molti di questi vulcani sono geneticamente associati a gas di idrocarburi di giacimenti di petrolio sotto Azerbaijan.
Come descritto da testimoni oculari, la loro eruzione inizia improvvisamente, con un rombo sotterraneo o rombo fragoroso.
Dopo un po', c'è un rilascio di fango vulcanico una breccia consistente in massa argillosa con frammenti di rocce di diversa età stratigrafiche.
Nella maggior parte dei casi, gas idrocarburi che accompagnano l'eruzione si infiamma spontaneamente a formare una colonna di fuoco a poche centinaia di metri di altezza (200-300 a 1000 m).
ATTIVITA' VULCANICA IN CRESCITA DA OLTRE UN SECOLO
Gli studi condotti da Sh. F. Mehdiyev e EN Khalilov (1990) hanno rilevato che oltre il 90% dei vulcani di fango della terra sono situati in zone di subduzione.
Questo si vede nella mappa in Fig. 13.
ATTIVITA' VULCANICA IN CRESCITA DA OLTRE UN SECOLO
Fig. 13. Cartina delle zone di fango vulcano del mondo e delle zone di subduzione
(Di Sh. F. Mehdiyev e EN Khalilov, 1987)
1 - vulcani di fango zone di ubicazione;
2 - zone di subduzione, 3 - i guasti di trasformazione

ATTIVITA' VULCANICA IN CRESCITA DA OLTRE UN SECOLO
Vulcano di fango in Indonesia
http://img.timeinc.net/time/2007/top_10_photos/ntrl_disaster_mud_volcano.jpg~~V
Lo studio della dinamica eruzione di vulcani di fango del mondo ha dimostrato che nel corso degli ultimi duecento anni l'attività di eruzione di vulcani di fango è aumentata (Sh. F. Mehdiyev, EN Khalilov, 1984;. Sh F. Mehdiyev, Khain VE, TA Ismayil -Zadeh, EN Khalilov, 1987; Khain VE, EN Khalilov, 2008, 2009)

ATTIVITA' VULCANICA IN CRESCITA DA OLTRE UN SECOLO
Fig. 14. L'attività del mondo dei vulcani di fango diagramma
(Da VE Khain, EN Khalilov, 2002)
Annuale grafico eruzione vulcano di fango tasso levigata con 11 anni di media è segnata in nero;
Straight-linea di tendenza è segnata in rosso.
Insieme con la curva di eruzione vulcanica annuale di tariffe che devono riflettere l'esistenza di ciclicità, a quote linea di tendenza è mostrato nel diagramma di caratterizzare un aumento stabile l'attività di vulcani di fango from1800 al 2000 (Fig.14
).
Conclusioni:
-Breve descrizione e l'analisi statistica di una serie di indicatori chiave dell'attività geodinamica della Terra e il suo impatto sull'umanità porta ad una conclusione che vi è stato un significativo aumento dell'attività sismica e vulcanica in tutto il mondo, soprattutto nell'ultimo decennio.
Analisi delle tendenze del numero di forti terremoti, eruzioni vulcaniche, e di decessi durante i forti terremoti ci permette di concludere che tutti questi indicatori sono aumentati dal 2000.
Allo stesso tempo, le statistiche per i primi cinque mesi del 2010 mostrano che quest'anno segna l'inizio di un altro ciclo insolitamente alto di attività sismica e vulcanica i cui effetti negativi per l'umanità possono essere catastrofici.
L'umanità ha già guadagnato la sua prima esperienza nel trattare con conseguenze globali di una moderata scala con l'eruzione vulcanica in Islanda.
Nel frattempo, sproporzionatamente grandi perdite economiche e danni morali, psicologici e sociali subiti da molti paesi sono indicativi di uno scarso coordinamento delle azioni e la mancanza di leggi internazionali e dei meccanismi di assicurare una governance efficace in caso di emergenze mondiali di importanza internazionale.
Fonte:http://geochange-report.org/index.php%3Foption%3Dcom

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog