Magazine Calcio

Auxerre-Milan: Le pagelline di Milan Night Blog

Creato il 24 novembre 2010 da Gianclint

VOTO 10 a Thiago Silva: 8 per aver svolto al meglio il ruolo di centrale difensivo, ed all’occorenza di mediano rifinitore. A questo 8 va aggiunto il 2 di Zambrotta, che non avendo fatto un cazzo di buono tutta la partita, se non danni, cede volentieri il suo 2 in pagella a chi ha lavorato al posto suo, Thiago Silva appunto.

Auxerre-Milan: Le pagelline di Milan Night Blog
VOTO 9 a Clarence Seedorf: prima di tutto perché è Clarence Seedorf e quindi come ben sapete ormai, il nove è di ufficio, in secondo luogo perché è stato magistrale, una partita perfetta, nessun errore di impostazione, passaggi illuminanti, pressing a tutto campo, uomo ovunque, gol e assist a grappoli, come? Non l’avete visto? Ragazzi ma che state dicendo? Ho visto la replica alle 4 di mattina e posso dirvi che ero sveglio e l’ho visto benissimo, era su ESPN Classic!

VOTO 8 alla coppia Coulibaly e Dudka: Siccome noi avevamo Seedorf e Zambrotta che giocavano per l’ Auxerre, giustamente per par condicio, loro ne hanno regalati due a noi. Il primo offre un assist al bacio per Gattuso che fa mèta e raggiunge le 100 yard, il secondo cazzia il compagno: “Non capisci una minchia! Non è a Gattuso che devi dare l’assist! Ci penso io!” Edi inventa una prodezza coi fiocchi per Ibrahimovic. Uno a zero.

VOTO 7 a Ronaldinho: Dopo 5 panchine ed il rischio di rinnovo di

Auxerre-Milan: Le pagelline di Milan Night Blog
contratto al ribasso (se mai ci sarà), ecco che si ricorda di essere un calciatore che guadagna anche un po’, e allora in 5 minuti realizza al meglio il lavoro di Robinho sulla destra. Certo un gol che sa fare anche Miccoli per carità… Ma lui è Ronaldinho oooooh!!! Alla prossima panchina.

VOTO 6 al trio mediano: Uno si inserisce ma si spompa dopo tre metri di corsa. L’altro segue solo la palla e manco si accorge di chi gli sta attorno. Quell’altro fa una serie di falli da giallo che potevamo essere in 10 già nel primo tempo. Insomma… Calma un attimo, cerchiamo di guardarci in faccia e decidere chi fa cosa, quando e perché, altrimenti non se ne esce vivi!

VOTO 5 a Frederic Sammaritano: Il Gormito francese. Poverino, gli hanno messo addosso Nesta e Thiago Silva da una parte, Ambrosini, Gattuso e Flamini dall’altra. Praticamente è come mandare un anatroccolo a nuotare tra i coccodrilli: “Vaiiii! Sii Liberoooo!” sbraaaanaat!

VOTO 4 a Massimo Mauro e Massimo Marianella: Passi quando confondono Seedorf con Robinho (il 70 e il 10 per un miope in tribuna sono numeri simili, l’altezza è quella, il colore della pelle pure, i “capelli” anche, certo uno è un palo da lap dance e l’altro gli balla attorno, però confodersi a facile), passi quando vedono Seedorf in campo anche quando è entrato Boateng da 10 minuti, ma cazzo quando si sono messi a parlare del MONDIALE DELL’ OTTANTAQUATTRO, hanno proprio toccato il fondo!

VOTO 3 a Massimiliano Allegri: Durante un eccesso di agonismo, si è messo a sbraitare contro tutti, attirando a se l’attenzione del quarto uomo che ha provato a zittirlo con un gesto. Ma Allegri non si è fatto intimorire: “Taci tu! O ti faccio licenziare!” Massimuccio, Massimuccio… Allora è un vizio? Non si fa così!

VOTO 2 a Zlatan Ibrahimovic: Tutti hanno visto Ronaldinho applaudire al gol dello svedese, ma nessuno ha visto Ibrahimovic rispondergli con il gesto che più conosce. Quello che dedicò alla curva nord per intenderci.

Auxerre-Milan: Le pagelline di Milan Night Blog
VOTO 1 al cameraman di Sky: Al gol segnato da Ibrahimovic è andato subito a pescare Ronaldinho che si stava scaldando a bordocampo (con salamelle e vin brulé per tutti), ma noi di Milan Night Blog abbiamo una foto che ritrae il cameraman e il suo assistente difronte al brasiliano. Come siamo caduti in basso.

VOTO 0 a Gianluca Zambrotta: Tutti salgono e lui sta indietro, tutti stanno indietro e lui sale. Parte il contropiede avversario e lui trotterella mentre gli altri corrono. Sembra di vedere uno che si presenta al via di un gp di Formula Uno con lo scooter.

Share


Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog