Magazine Internet

Banda larga dal cielo con KA SAT per i non luoghi

Da Pinobruno

I "non luoghi", cioè quelle ampie zone di territorio escluse dalla banda larga, potrebbero presto tornare a vivere grazie a KA SAT, il satellite anti digital divide. Dopo nove ore e dodici minuti di volo, il razzo Proton lanciato da Baikonur in Kazakistan ha portato in orbita il gioiellino di Eutelstat.

KA-SAT, il primo satellite al mondo attivo nella banda KA, permetterà presto l'accesso a Internet anche nelle aree trascurate da fibra ottica, Adsl, WiMax, Wi-Fi e reti mobili. In Italia, ad esempio, è il 35 per cento delle aree rurali.

Il satellite lanciato dovrebbe essere operativo nella primavera 2011. La quantità di banda fornita da KA-SAT, associata al sistema di rete al suolo di prossima generazione, permetterà di portare la capacità operativa dei satelliti a livelli d'efficienza e di risorse mai raggiunti. Il concetto rivoluzionario si deve ad un carico utile di 82 spot collegati a 10 stazioni di terra, che permette di riutilizzare le stesse frequenze per 20 volte con una capacita' totale che supera i 70 miliardi di bit (Gigabit) al secondo (Gbps).

La capacità resa disponibile da questa nuova infrastruttura creata tra il satellite e le stazioni d'accesso associate, segna una svolta importante nella fornitura di servizi di accesso IP via satellite, permettendo di aumentare a oltre un milione il numero di utenze che potranno essere servite a velocità paragonabili alla ADSL 2.

Il presidente di Eutelsat, Giuliano Berretta, sostiene che "La potenza di questo satellite è pari a quella di 35 satelliti di tipo convenzionale e, con la stessa antenna, permetterà di ricevere sia internet sia la tv". Una possibilità per la quale gli operatori televisivi si stanno organizzando fin da ora, ha aggiunto Berretta, e che è destinata ad aprire nuovi scenari. KA-SAT permetterà di coprire tutta l'Europa con dieci stazioni (due delle quali di riserva), collegate fra loro da un'autostrada di fibre ottiche.

AGGIORNAMENTO 31 MAGGIO 2011

Internet per tutti in Europa e nelle aree del Nordafrica e Medio Oriente che si affacciano sul Mediterraneo: la rivoluzione di Internet via satellite e' al nastro di partenza con il funzionamento a regime di Ka-Sat, il primo satellite che permette di accedere alla banda larga anche alle zone piu' remote, per le quali oggi e' impossibile collegarsi a Internet. "Siamo al Big Bang di Internet ad alta velocita' via satellite", ha detto oggi a Roma il presidente di Eutelsat, Giuliano Berretta. Oltre che in Italia, l'evento e' stato presentato contemporaneamente in Irlanda, Gran Bretagna, Germania, Spagna, Francia e Grecia. (Fonte: Ansa)


Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :