Magazine Cultura

Basilicata/ Libera. Rete di solidarietà per don Marcello Cozzi

Creato il 12 gennaio 2012 da Antonio Conte

Basilicata/ Libera. Rete di solidarietà per don Marcello CozziLe notizie pubblicate dalla stampa locale confermano che, come più volte ribadito da Libera Basilicata, la cosca dei Basilischi si è mossa, in questa regione, come una vera organizzazione mafiosa, senza risparmiarsi nell’uso delle armi e in tutte quelle attività proprie dell’agire mafioso: dall’estorsione all’intimidazione, dalla corruzione alla collusione, ai vischiosi rapporti con la politica. La storia del povero Tiziano Fusilli, ucciso per dare “l’esempio” e dimostrare il livello di ferocia dell’organizzazione che cercava di accreditarsi nel panorama meridionale delle mafie che contano, è emblematica. Non può essere presa sotto gamba l’idea, altrettanto mafiosa, di “attenzionare” coloro che in prima persona e quotidianamente si battono contro il sistema mafioso e criminale, attraverso la costruzione di quella rete di persone e associazioni che costituisce l’ossatura di Libera, un concreto e resistente argine alla mafia. Come Libera Basilicata siamo molto preoccupati delle notizie di questi giorni sulla rivelazione che esponenti della malavita locale volevano l’eliminazione fisica di don Marcello Cozzi e non possiamo non ricollegare questo disegno criminale all’episodio intimidatorio di due anni fa, quando gli vennero recapitati due proiettili in busta chiusa. Nel ricordare che è in corso un procedimento contro i Basilischi nel quale don Cozzi è parte offesa, ci chiediamo come mai, a fronte di queste dichiarazioni, non si sia ritenuto opportuno avvisare il diretto interessato e, soprattutto, non si sia provveduto ad attivare forme di protezione in sua tutela. Auspichiamo che, in tempi brevi, le autorità competenti adottino le azioni che riterranno più opportune per salvaguardare l’incolumità di chiunque si trovi nel mirino delle organizzazioni criminali.
Libera è unita intorno a don Marcello e non si lascerà intimidire da nessuno.

Libera. Associazioni, nomi e numeri contro le mafie – Coordinamento di Basilicata

Fonte: COMUNICATO STAMPA LIBERA BASILICATA 11.01.2012

Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • Più coerente di Marcello Pera

    coerente Marcello Pera

    Anni fa, per gioco, spacciai per carte inedite di Karol Wojtyla (Giovanni Paolo II) alcuni brani tratti dal manifesto ideologico di Theodor Kaczinsky... Leggere il seguito

    Da  Malvino
    SOCIETÀ
  • Marcello Capra-"Fili del Tempo"

    Marcello Capra-"Fili Tempo"

    “Fili del Tempo” è il nuovo album, il nono, di Marcello Capra. Meno di un anno fa, dalle pagine di questo blog avevo pubblicato le mie impressioni su “Preludio... Leggere il seguito

    Da  Athos Enrile
    CULTURA, MUSICA
  • Marcello Malandugno espone a Bergen

    Marcello Malandugno espone Bergen

    Marcello Malandugno espone alla galleria “The Obsession of Art” di Bergen (NL)L’incessante attività di Marcello Malandugno non finisce di stupire per l’alto... Leggere il seguito

    Da  Cultura Salentina
    CULTURA
  • Sicilia libera dai padrini

    Sicilia libera padrini

    Un libro rivela le aziende in odor di mafia tra cui anche il re del fotovoltaico siciliano, Salvatore MoncadaSenza Padrini, il libro di Filippo Astone appena... Leggere il seguito

    Da  Lucia Navone
    ECOLOGIA E AMBIENTE, SCIENZE, SOCIETÀ
  • Kate è libera!

    Kate ha ottenuto l'asilo politico. La battaglia per liberare Kate ha avuto successo. La giovane nigeriana, se fosse stata estradata, avrebbe subìto la... Leggere il seguito

    Da  Mirella
    PARI OPPORTUNITÀ, PER LEI, SOCIETÀ
  • uno, due, tre... libera

    Di tanto in tanto, quando proprio non so cosa fare, rileggo tutti i miei post scritti e pubblicati, dal primo all'ultimo, così tanto per, senza un vero e propri... Leggere il seguito

    Da  Pesa
    SOCIETÀ
  • Free Amanda (Amanda libera)

    Free Amanda (Amanda libera)

    In genere non seguo pedissequamente i fatti di cronaca, almeno quelli più eclatanti e coperti in modo quasi ossessionante dai media nazionali, ma il processo pe... Leggere il seguito

    Da  Dagored
    SOCIETÀ