Magazine Attualità

Basilicata: Tempa Rossa, Sangue Nero

Creato il 19 settembre 2011 da Nicola Mente

Basilicata: Tempa Rossa, Sangue NeroL’Africa d’Italia. Da Francesco Saverio Nitti a Rocco Papaleo, passando per Carlo Levi e la sua cronaca del mancato arrivo di Gesù Cristo, la Basilicata ha da sempre incarnato il lato più brado e selvaggio del Sud. Una terra sconosciuta, perfetta fusione di esoterismo, autenticità e tradizione. La terra dei briganti, coraggioso martirio contro l’invasore sabaudo, in una storia che affonda le radici in coincidenza con questo 2011, curiosamente festoso e celebrativo nei confronti dell’improvvisa necessità di un’ identità nazionale. Quella stessa identità che, in paradossale contrapposizione, sta progressivamente sciogliendosi sotto il cocente sole di organismi sovranazionali e potentati finanziari, lasciando scorci all’orizzonte piuttosto tenebrosi. Così, abituati a danzare nel circo globale (che poi globale non è), ci accorgiamo che il concetto verticale della politica sta prendendo il sopravvento sull’illusoria prospettiva orizzontale (destra, centro, sinistra) che ci ha accompagnato per tutto il Novecento. Il nuovo millennio ha aperto il sipario sull’era della schiacciante egemonia dei mercati finanziari e della corsa agli approvvigionamenti economici. Non che questi fattori non fossero ugualmente determinanti in passato: la differenza è che al giorno d’oggi l’arida necessità coniugata al presente non ha più bisogno di più o meno nobili ideali coniugati al futuro. E così accade che l’etica da bulldozer prevarichi i diritti del cittadino senza eccessivi rimorsi. Come in Lucania, appunto. Regione ricca e allo stesso tempo regione povera. La terra di passaggio, la terra di scarico, il luogo dove si può fare e disfare a proprio piacimento, godendo di quella magia da ‘terra di mezzo’ che rende ogni cosa lecita. La Lucania, la regione più trivellata d’Italia. La Lucania, il magazzino dei rifiuti tossici.

Basilicata: Tempa Rossa, Sangue Nero
In Basilicata, specialmente nella bacino della Val d’Agri (ma progressivamente in tutta la regione), si estraggono mediamente (da circa 15 anni) 80.000 barili di petrolio al giorno, per un valore mensile di circa 240 milioni di dollari. Le società petrolifere più attive sul territorio sono la Total e l’Eni, che in base a recentissimi accordi stipulati nella scorsa primavera con lo Stato Italiano e con la Regione, hanno deciso di accelerare e raddoppiare le estrazioni. Questo sull’onda degli avvenimenti in Nord Africa, che hanno spinto i pionieri dell’energia a cautelarsi da un futuro sempre più incerto.

Tempa Rossa, ad esempio, è un giacimento petrolifero in espansione, situato nel cuore della regione, con impianti che permetteranno di trasformare gli idrocarburi estratti dai pozzi, affiancati da centri di stoccaggio del GPL.

Il poco confortante risultato sarà quello di aumentare lo sfruttamento di un’area che gode delle royalties più basse al mondo. La royalty è ciò che consente al titolare di una risorsa di ricevere adeguato compenso dallo sfruttamento della stessa. In poche parole, in Basilicata viene estratto petrolio senza che ciò porti un effettivo miglioramento nell’economia della regione. Tutt’altro: il paradosso lucano è quello che contrappone un’enorme ricchezza potenziale ad un’enorme povertà di fatto. Inoltre, i danni ambientali sono devastanti. Alle trivellazioni infatti (recentemente aperte anche nello Jonio), si aggiungono i depositi di rifiuti tossici, ovviamente abusivi, che contribuiscono a distruggere un ecosistema tra i più ricchi e incontaminati d’Italia. Un processo teso a inquinare risorse fondamentali come l’acqua. Un danno abnorme, se si considera che la Basilicata è  ai primi posti per quanto riguarda le risorse idriche, sia a livello di potabilità che a livello di utilizzo agricolo: l’acqua lucana è anche quella che scorre in Puglia. La Basilicata è inoltre terra di fonti preziose (si pensi al Gruppo Traficante, proprietario dell’acqua ‘Lilia’, acquistato nel 2006 dal marchio CocaCola).

Basilicata: Tempa Rossa, Sangue Nero
L’inquinamento portato da queste scellerate politiche non risparmia neanche l’uomo (assurdo pensare il contrario): in Basilicata c’è la più alta incidenza tumorale su scala nazionale. Eppure, come ha detto il sottosegretario allo Sviluppo economico Saglia, «L’Italia, per la sua posizione geografica può e deve giocare un ruolo importante di hub nei collegamenti energetici con la sponda Sud del Mediterraneo e con la Turchia e l’area del Caspio, anche al fine di dare un contributo alla stabilizzazione dell’area mediterranea» (ilSole24Ore, 30 aprile 2011). Dunque, il progetto sembra proprio non potersi arrestare, come se non volesse tener conto di tragedie che sembrano nascondersi davvero dietro l’angolo. Per questo, da anni sono attive in Basilicata diverse associazioni a tutela del popolo lucano, che si prodigano (spesso inutilmente, purtroppo) a sensibilizzare l’opinione pubblica su un tema molto serio, che dovrebbe essere di dominio pubblico, proprio per la sua portata (come letto poc’anzi) nazionale e internazionale. Un esempio è il comitato “No Scorie Trisaia”, che prende il nome dal centro nucleare di Rotondella (Matera), stabilimento della Sogin (società che gestisce impianti nucleari) nell’area della Trisaia (ben più famosa è la questione delle scorie a Scanzano Jonico). Il comitato è attivo dal 2003, e si batte contro l’avvelenamento ambientale che questi depositi radioattivi stanno portando al territorio. A questo si aggiunge appunto il discorso delle trivellazioni, furiose e senza alcuna cautela: secondo alcune indagini condotte dal comitato, si è appurato che le operazioni di perforazione (oltre ad utilizzare agenti chimici molto pericolosi che vanno a stabilizzarsi nel suolo) sono condotte da compagnie Srl. Questo fa presagire tristissimi scenari nell’eventualità di disastri (ricordate il Golfo del Messico?). Sull’onda di questa nuova e recente disposizione ad aumentare di 200.000 barili al giorno la portata estrattiva, è nato un movimento autonomo di cittadini chiamato “Miracololucano”. Questa associazione si è presa carico di promuovere una crociata attraverso l’attuazione di un referendum autogestito, in programma i prossimi 1, 2 e 3 ottobre, per tentare di fermare questo progetto e per provare quantomeno a rinegoziare le royalties, portando il rialzo di queste ultime almeno al 50%. Si sta dunque tentando, per la prima volta in Italia, di sostenere la prima votazione auto-organizzata dai cittadini, coinvolgendo più di 200 comuni in Basilicata. Tutto ciò, in nome della difesa della propria terra (e dunque della propria umanità), come spiega la missione dell’iniziativa:

«I popoli dei paesi svilupati hanno capito che il senso civico è imperativo per il benessere economico di una città. Cioè si cresce insieme o non si cresce per niente. Non funziona avviare un attività lasciando il resto della città in uno stato di disagio economico. Fin quando ciascuno tirerà l’acqua al proprio mulino, la Lucania sarà sfruttata dai soliti baroni politici per i loro interessi personali. Dobbiamo decidere di aiutarci l’un l’altro ed esigere le cose che ci servono per il bene della nostra Regione. I politici ci rispetteranno solo quando ci faremo rispettare…quando saremo INFORMATI, ORGANIZZATI e UNITI. Ci vorrà un miracolo per discostarci dai vecchi schemi che ci hanno schiavizzato politicamente, socialmente ed economicamente».

Un’impresa che si annuncia ardua, considerando che la nostra Costituzione non approva referendum di tipo propositivo, ma solo referendum abrogativi, da sempre specchietti per le allodole. Una Costituzione che impedisce a questa terra di proclamarsi (avendone tutte le prerogative) a Statuto Speciale. Le regioni a Statuto Speciale sono quelle che tutti noi impariamo a memoria alle scuole elementari, ormai da decenni. Costerebbe fatica cambiare tutto, proprio adesso che le regioni non avranno più motivo di esistere, in nome della nuova mondializzazione. Quella che si rifiuta di opporre il pollice per afferrare di precisione, ma che preferisce brandire tutto, come in Africa: senza dare nulla in cambio, ma sempre con il sorriso stampato in faccia.

(Pubblicato su “Il Fondo – Magazine di Miro Renzaglia” del 19 settembre 2011)



Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • Sangue celtico

    Un’altra volta che il giornale dei Paolini rigioca sporco, allora penseremo sul serio a tassare i patrimoni, in primis quelli ecclesiastici così il giorno dopo... Leggere il seguito

    Da  Stiven1986
    POLITICA, SOCIETÀ
  • Sangue amaro

    Riflettevo qualche giorno fa su come sia cambiato il mio approccio a questo blog. Riflettevo su come abbia cambiato anche l'approccio ai blog in generale. Leggere il seguito

    Da  Wanderer
    SOCIETÀ
  • Sangue

    Sangue

    Nel 2002, 39 paesi avevano ottenuto tutte le loro scorte di sangue da anonimi, volontari, donatori non pagati, e nel 2008 il numero dei paesi è salito a 62. Leggere il seguito

    Da  Francosenia
    OPINIONI, SOCIETÀ
  • Basilicata, turismo 2.0

    Basilicata, turismo

    Published on gennaio 16, 2012 with No Comments Erano sette, erano creativi e visionari e si misero in viaggio verso la Basilicata. Leggere il seguito

    Da  Orastacco
    CINEMA, CULTURA, MUSICA, SOCIETÀ
  • O mare nero mare nero mare nero

    In macchina verso l'ufficio. La radio passa un motivo orecchiabile in svedese chiamato "Välkommen in" (Benvenuto dentro) che parla di una festa in casa con amic... Leggere il seguito

    Da  Stefanod
    FAMIGLIA, SOCIETÀ
  • Anteprima "Sangue Nero" di Stuart Mc Bride

    Anteprima "Sangue Nero" Stuart Bride

    UN NUOVO THRILLER DA BRIVIDO NELLA SCOZIA SANGUINARIA E BRUTALE DEL SERGENTE McRAE Cari lettori e lettrici, come alcuni di voi sapranno, sono una persona dalle... Leggere il seguito

    Da  Alessandraz
    CULTURA, LIBRI
  • Nero

    Nero

    Io vivo,nella terra scurae nel vento tiepido.Vivo in ogni sua forma,sono in ogni sua partee non sono nulla.In ogni alba rinascoed ogni tramonto mi veste di nuov... Leggere il seguito

    Da  Bebbo
    TALENTI