Magazine Cultura

Basta omaggi!

Creato il 28 giugno 2011 da Musicamore @AAtzori

ressaE’ con grande piacere che vengo a conoscenza che il sindaco di Cagliari, Massimo Zedda ha voluto pagare personalmente il suo abbonamento alla Stagione lirica cagliaritana. (vedi articolo)

Per anni , le così dette personalità, hanno goduto del privilegio di aver i migliori posti per assistere alle opere, gratis e senza alcuno sforzo e spesso anche senza interesse.

Mi è capitato di incontrare persone che dicevano di avere ricevuto in omaggio un biglietto perchè al primo possessore non interessava. E noi, giovani studenti di conservatorio, mettevamo da parte la consistente somma per l’acquisto di un abbonamento,con grande sacrificio,  organizzandoci per passare la notte davanti al botteghino per essere sicuri di acquistare un abbonamento in un posto centrale! Invece, all’apertura, scoprivamo che quei posti tanti ambiti erano riservati. Ci si doveva accontentare di bei posti, si, ma non quelli che avremmo voluto dopo la nottata al freddo. Infatti questa esperienza avveniva in inverno, perchè all’epoca la Stagione lirica cominciava a gennaio. Armati di sdrai e viveri, ci si piazzava con stufe a gas davanti all’ingresso dell’allora Auditorium del Conservatorio (unico teatro cagliaritano di un certo spessore) e si attendeva, fra chiacchiere e giochi di società, l’apertura .  Ma ecco, al mattino, con grande delusione, presentarsi una pianta della sala dimezzata, dove tutta la parte centrale risultava già occupata. Gli allora impiegati alla vendita non riuscivano a giustificarsi davanti alle nostre proteste e come unica scusa dicevano che i posti erano  riservati al sindaco e alla sicurezza. Già, alla sicurezza di cosa? I pompieri stavano in palcoscenico per sicurezza e non seduti a godersi lo spettacolo!
Adesso si spera che, con questa ondata di freschezza politica e con questa bella iniziativa del neo-sindaco, si cambi rotta anche in questo senso. Quella settantina di posti sempre occupati saranno a disposizione di chi, con sacrificio, si metterà in fila e pagherà il dovuto.

 


Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

Dossier Paperblog