Magazine Cinema

Be My Baby

Creato il 17 maggio 2014 da Giorgioplacereani
One Hitoshi
Fra i due o tre film che rappresentano il vertice artistico del Far East Film 2014, e quindi capintesta della selezione giapponese, sta Be My Babydi One Hitoshi - l'esatto equivalente come importanza e rilievo, potremmo dire, di A Story of Yonosuke(Okita Shuichi) dell'anno scorso. E' una sarabanda di incontri/scontri/indifferenze amorose all'interno di un gruppo di giovani in perenne collegamento al cellulare.Il primo problema che si pone quando si comincia a riflettere su questo film è: come mai un'opera tutta fatta di dialoghi in una serie di interni strettissimi non trasmette affatto un’impressione di soffocamento? Il fatto è che lo splendido montaggio di Ozaki Yasuyuki l'allarga, creando in sintonia colla sceneggiatura un’impressione quasi tangibile di ampiezza spaziale virtuale attraverso il passaggio da un interno all’altro. Questo si articola attraverso analogie: a) di dialogo, b) di posizione fisica o di movimento dei personaggi, c) di pura somiglianza emotiva. Così i passaggi da un appartamento all’altro, giocati sul piano sonoro, su quello visuale e su quello semplicemente narrativo, producono un effetto di allargamento (qui gioca un suo ruolo anche la forma fortemente enunciativa delle didascalie di tempo) che supera la ristrettezza degli ambienti.Per noi spettatori, intendo, non per i personaggi: per loro questa ristrettezza disordinata (anche se naturalmente i giapponesi hanno una concezione prossemica meno esigente degli occidentali) è il tratto fondamentale. A tal proposito, mi sembra che la conclusione, che postula (ma postula soltanto!) una necessità di crescita, sia in qualche modo in relazione con i loro appartamenti mignon:la ristrettezza dell’appartamento come indice di giovinezza - ovvero di rifiuto a crescere, se pensiamo che uno dei personaggi principali dichiara di avere 27 anni.Attraverso una connessione filmica (il montaggio) e una connessione narrativa (il fatto che sono continuamente attaccati ai cellulari), i personaggi vivono in una dimensione collettiva che è quasi di eterna compresenza. Ciò aggiunge una vena di drammaticità alle loro (miserabili) storie: sono tutti insieme ma ignorano quasi tutto l’uno dell’altro; sono tutti insieme ma vivono una solitudine che deriva dall’incapacità a rapportarsi. Il tema del film è naturalmente la loro fragilità emotiva – con esempi del suo corrispondente auto-anestetico, cioè la freddezza. Anche su questo piano, è interessante - detto per inciso - che i maschi siano assai meno maturi delle ragazze.Direi che a One Hitoshi è riuscito quello in cui era fallita Sofia Coppola con The Bling Ring: cioè dare concretezza narrativa e perfino umana (escludendo il personaggio esagerato, benché ineliminabile, del foolOsamu) a un gruppo di protagonisti privi di qualsiasi qualità. Questo film ha un movimento circolare. Dopo gli shock della parte finale, non c’è alcuna crescita come superamento: questi shock producono rabbia infantile (Koji che scaglia il telefono) o ambiguità (il ritorno di suo fratello alla cornificazione della fidanzata) o un puro e semplice ritorno ai vizi di prima (il caricaturale, appunto, Osamu). E la sorpresa finale, che qui non occorre svelare, aggiunge un finissimo tocco di cinismo al film.

Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • Gus G - Nuovo video "My Will Be Done"

    Nuovo video Will Done"

    Gus G attuale chitarrista di Ozzy Osbourne e Firewind ha pubblicato un nuovo video per la canzone "My Will Be Done". Il brano è tratto dal suo primo album... Leggere il seguito

    Da  Mydistortions
    CULTURA, MUSICA
  • Hell Baby

    Hell Baby

    Ogni tanto un po’ di svago serve a tutti. Non che in questo periodo stia vedendo solo film impegnati, ma visto che si è appena concluso il festival di Cannes e... Leggere il seguito

    Da  Arpio
    CULTURA
  • Be Blu Be Balestra - AltaromAltamoda

    Balestra AltaromAltamoda

    Nella suggestiva cornice dell'Atelier Renato Balestra in via Cola di Rienzo a Roma, ieri, Domenica 13 Luglio si è svolta l'inaugurazione di Be Blue Be... Leggere il seguito

    Da  Sabinap
    CULTURA, LIFESTYLE
  • Koi no uzu (恋の渦, Be My Baby)

    (恋の渦, Baby)

    . Regia: Ohne Hitoshi. Soggetto: dal romanzo e dallo spettacolo teatrale di Miura Daisuke. Sceneggiatura: Miura Daisuke. Fotografia (colore, HD): Takagi Futa,... Leggere il seguito

    Da  Makoto
    CINEMA
  • I'd rather be short

    rather short

    I d Rather be short, 100 Reasons Why It's Great to Be Small Il libro che spiega perché essere basse è meglio! Direi che è un perfetto regalo di Natale per quell... Leggere il seguito

    Da  Rockandfiocc
    LIFESTYLE
  • Torta Baby-orsetto

    Torta Baby-orsetto

    Per il primo compleanno di uno splendido bimbo di nome Shon, ho realizzato questa tenera torta, un morbido e tenero orsetto.Cosa ne dite???? Vi piace????... Leggere il seguito

    Da  Zuccheromania
    CUCINA, RICETTE
  • Dicesi Baby Shower.

    Dicesi Baby Shower.

    Baby Shower: usanza americana diffusa in tutto il globo da serie tv di culto e (presumibilmente) qualche film con Jennifer Aniston. Leggere il seguito

    Da  Ilariadot
    LIFESTYLE, MATERNITÀ, PER LEI

Magazines