Magazine Cultura

Beauty Cues – Skin Care routine primaverile

Creato il 15 maggio 2015 da Rory

Signore e Signori, torna finalmente Beauty Cues, la rubrica gentilmente offerta (ma sti cazzi direte voi) da me e dall’ottimo Pier!

Ma entriamo subito nel vivo!

Oggi vi parleremo della nostra Skin Care routine primaverile, ovvero di come curiamo la nostra pellaccia dura durante questa stagione quasi bella ma ricca di maledette allergie, che Dio le abbia sempre in gloria. Per tale motivo, ogni anno in questo periodo la mia routine cambia, perché cerco di utilizzare sempre prodotti molto leggeri e naturali che mi allergizzino al minimo, visto che sono un soggetto molto ma molto allergico (se vi interessa: rinite, asma allergica, dermatite atopica, allergia ad alcuni alimenti, alla polvere, alle graminacee e anche a me stessa talune volte).

20150514_154551_resized

Da destra  a sinistra:

– Sapone al tea tree (quello più scuro come colore)

– Struccante Estee Lauder Gentle Eye Make Up Remover

– Tonico Rinfrescante Glenova

– Siero in perle al Q10 Nivea

– Crema idratante HydroCare Plus D’Oliva

(ed in più il solito pannetto in microfibra).

20150514_154604_resized

Inizio col rimuovere il make up con questo struccante Estee Lauder che poi tanto gentile non è, mi fa lacrimare gli occhi peggio di quando mi struggo per AMMORE. Lo sto usando perché me lo hanno regalato ma poi addio. Non ha un cattivo odore e ha una consistenza poco oleosa che gradisco ma purtroppo mi brucia tanto. Qui trovate l’inci, ricettacolo di ogni male, mentre il prezzo si aggira sui 20 euro.

Passo quindi il panno in microfibra ben bagnato e strizzato e dunque lavo il viso con questo sapone al tea tree dalla funzione antibatterica che effettivamente su di me fa un buon effetto. Non mi secca la pelle, la pulisce bene, ha un odore gradevole. Questo che ho io è artigianale, preso in un piccolo saponificio di Napoli ma comunque penso si trovi tranquillamente in giro. Applico quindi il tonico Glenova, di cui vi parlavo anche qui, col quale mi trovo molto bene, infatti lo ricompro spesso (anche perché è molto economico).

Poi metto una goccia di Siero Perle Attive al Q10 di Nivea (che mi è stato gentilmente inviato dall’azienda, grazie!) di cui potete trovare qui Inci e scheda. Personalmente lo metto solo su fronte e collo, che sono le mie zone più rugose, perché sulle guance ho il terrore dei brufoli, dato che l’inci è tutt’altro che perfetto, ad ogni modo è un buon prodotto perché distende effettivamente i segni di espressione, cosa che mi ha confermato anche mia sorella, che lo usa in combo con la crema antirughe sempre al Q10 e ne ha tratto molti benefici. Il prezzo è di circa 15 euro, non troppo caro, anche perché comunque ne serve davvero una goccia, quindi dura abbastanza.

20150514_154622_resized

Infine stendo un velo di crema idratante HydroCare Plus Doliva. Non la conoscevo ma mi feci tentare da un’offerta in farmacia, infatti la pagai appena 9 euro. Qui potete trovare l’inci non completo, ad ogni modo dovrebbe essere senza siliconi né parabeni, come piace a me (che disperatamente cerco di avvicinarmi al bio); la consistenza è leggera e morbida, non ne serve molto, idrata che è un piacere e non unge affatto. Insomma: promossa e consigliata!

E voi? Abbiamo qualche prodotto in comune? Avete qualche curiosità su uno dei prodotti elencati?



Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Magazines