Magazine Cultura

Bel paese

Creato il 20 febbraio 2011 da Renzomazzetti

paradiso.

Fratelli miei, un abbraccio e un ricordo. Un abbraccio per la gloria che voi diffondete sul nome santo d’Italia, per la fede serbata alla bandiera dell’indipendenza e della libertà, quando il tradimento regio e gli avversi fati lasciavano voi soli a difenderla, per l’insegnamento che voi date a noi tutti della più rara virtù, la costanza: un ricordo perché come avete saputo guardare il core dal terrore che vien dal nemico, sappiate guardare la mente dalle illusioni che v’affacciano i falsi amici. Splenda in Venezia l’idea pura, incontaminata di transazioni codarde, colle false dottrine che uccidono le aspirazioni dell’anima. L’Italia del medio evo traeva alternando gli auspici dall’Impero e dal Papa. La nuova Italia, l’Italia del popolo, li trarrà, benedicendo, da Venezia e da Roma: da Venezia che serbò il sacro fuoco della Nazione, da Roma che ne diffonderà la luce e il calore fecondo per tutta quanta l’Italia. Roma s’ispirò alla fede di Venezia; Venezia s’ispiri oggi in Roma alla speranza dei grandi fati che stanno per sorgere: dall’intima unione delle due città sorgerà la potenza d’amore che annoderà, in modo d’una unica vita, tutte le parti del bel paese. E avremo forza, gloria eterna e santità di missione. Non badate, o fratelli, a voci insidiose che movano da uomini traditori del concetto italiano in una parte della nostra terra, data anch’oggi agli artificii dei raggiratori ed ai sofismi dei cortigiani. Rimanete fedeli alla religione dell’unità nazionale. Roma aspetta questo da voi: Roma non può vivere, se non della vita d’Italia. E l’Italia vivrà, né forza alcuna potrà far che non viva, il giorno che vedrà gli uomini di Venezia movere al Campidoglio e confondere i loro voti e le speranze ed i pensieri cogli uomini dell’eterna città. Nessuna fra le genti italiane potrà resistere al prestigio esercitato dai vostri due nomi. Ed io m’adopro come posso adoperare qui dov’io sono, al trionfo all’idea repubblicana rappresentata da voi primi; all’idea unitaria rappresentata da Roma. E perché, presso a viaggiar verso Roma, sento pur sempre più vivo di giorno in giorno il desiderio di visitare la vostra città, ho voluto almeno con queste poche parole fidate ad un amico, ricordarmi a molti che tra voi mi conoscono, e raccomandarmi a tutti come un fratello che benedice da lungi ai vostri lavori, che studia con amore ciascuno dei vostri passi, e confida in voi, e sa che voi siete oggimai levati troppo in alto per discendere dalla grande via che guida alla patria, ai torti viottoli dei faccendieri politici che tentano sostituirle la meschina idea d’una dinastia senza passato, e senza avvenire. Vostro Giuseppe Mazzini (Al circolo italiano di Venezia, pubblicata sull’ ALBA, Firenze 1849).

ODE COMPOSTA IN PRIGIONE

L’amore del canto

Chi rende al captivo?

Tu, sole, tu divo

Di luce tesor.

 

Oh! come oltre il cinto

Di mia sepoltura,

L’intiera natura

Innebrii d’amor.

 

Di tanti di luce

Torrenti giocondi

Ch’effondi sui mondi

Che ha vita per te,

 

Se picciola stilla

Mio carcere bea,

Lì pur si ricrea;

Più tomba non è.

 

Ma deh! Perché a queste

Funeste contrade

Di te così rade

Fiate fai don?

 

Oh! fulgi più spesso

Or ch’itali petti

Qui giaccion costretti

In nere prigion!

 

Mal uso a tue pompe

Lo Slavo non sente

Sì forte, sì ardente

Di luce desir.

 

Ma a noi dalle fasce

Avvezzi ad amarti,

Bisogno è cercarti,

Vederti, o morir.

 

Mai sotto al lontano

Paterno mio cielo

Gran tempo niun velo

Ti cinga d’orror.

 

Al padre, alla madre

Di questo captivo

Tuo raggio festivo

Incanti il dolor.

 

Ma che serve ovunque gema

Questa salma abbandonata,

Se una mente Iddio m’ha data

Che nessun può vincolar?

-Silvio Pellico-


Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • Il paese delle nevi

    paese delle nevi

    Il paesaggio era scuro, severo. Il crepitio della neve che gelava sulla terra pareva rimbombare nelle sue profondità. Non c'era luna. Leggere il seguito

    Da  Vulvia
    CULTURA
  • Ma che bel Castellitto… marcondirondironderelitto

    Castellitto… marcondirondironderelitto

    La bellezza del somaro(Italia 2010)Regia: Sergio CastellittoCast: Sergio Castellitto, Laura Morante, Nina Torresi, Enzo Jannacci, Marco Giallini, Gianfelice... Leggere il seguito

    Da  Cannibal Kid
    CULTURA
  • Che bel Panorama!

    Panorama!

    Pollo d'allevamento Caspita che botta! E chi se l’aspettava? Misteri, pallottole, pistole fumanti, banditi colti con le mani nel sacco, foto vere e false,... Leggere il seguito

    Da  Casarrubea
    CULTURA, SOCIETÀ, STORIA E FILOSOFIA
  • Il Paese Nuovo

    Paese Nuovo

    "È possibile che la poesia sia quotidiano? È possibile nella cronaca trovare fili di speranza oltre l'amara consuetudine che ammorba e... Leggere il seguito

    Da  Faprile
    CULTURA
  • Il paese dei colori

    paese colori

    di Paolo Marabotto Lapis – p.32 – e.12“Il desiderio di scoprire fu più grande delle paura”. Ai primordi della multicultura c’è un albo fatto di carta strappata. Leggere il seguito

    Da  Centostorie
    CULTURA, LETTERATURA PER RAGAZZI, LIBRI
  • Senza il Paese, contro il Paese

    Senza Paese, contro Paese

    E’ ovvio che una maggioranza artificiale, sostenuta da comprati dovesse andare incontro alla mutazione finale dei sistemi autoritari, pur non avendone le... Leggere il seguito

    Da  Albertocapece
    CULTURA, SOCIETÀ
  • Paese che vai…

    Paese vai…

    E’ il caso di dirlo, paese che vai usanza che trovi.Girovagando per i paesi della Sardegna dove col Teatro Lirico di Cagliari proponiamo il nostro concerto dei... Leggere il seguito

    Da  Musicamore
    CULTURA, PALCOSCENICO, TEATRO ED OPERA

Magazine