Magazine Cultura

Benigni e la storia

Creato il 18 febbraio 2011 da Musicamore @AAtzori

roberto_benigniSe mi avessero detto che a distanza di molti anni avrei assistito ad una lezione di storia con grande attenzione e soprattutto con passione non ci avrei creduto.

E’ stato grandioso Robero Benigni, ieri sera, ospite della terza serata del Festival di Sanremo!

Lo è stato soprattutto perchè è riuscito a sviscerare tutta la storia della nostra Nazione in meno di un’ora. Nel suo discorso c’era veramente di tutto: dalla storia romana a Garibaldi, Giuseppe Mazzini, Giuseppe Verdi, alla storia dell’arte e a quella della musica. Ogni suo riferimento era sempre visto da diverse angolazioni. La cosa incredibile è stata che dal testo dell’Inno di Goffredo Mameli, Fratelli d’Italia ,  ha sviluppato un discorso ricco di riferimenti storici anche poco conosciuti ai molti, come la morte del giovane Mameli a soli 20 anni, (dopo 6 mesi dalla sua celebre composizione), o la morte di Anita Garibaldi avvenuta dopo una drammatica fuga col suo compagno, attraverso pericoli e privazioni d’ogni genere e in avanzato stato di gravidanza.

E quanti di noi hanno mai analizzato il testo (comprese le strofe meno conosciute), comprendendone il vero significato?

Personalmente penso di aver sempre conosciuto l‘Inno e in tante occasioni anche eseguito per la mia professione, ma mai avevo capito così chiaramente tutto il suo significato.
Benigni è riuscito a contenersi su quello che la maggior parte degli italiani si aspettava da lui: il caso Rubbi. Dopo qualche frecciatina iniziale, è stato molto più sottile perchè ha bacchettato, in maniera celata, tutti coloro che stanno tentando di affossare la nostra cultura, la più amata nel mondo, privandola della sua linfa vitale.

 

Video importato

YouTube Video

 


Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Magazine