Magazine Cinema

Blackhat

Creato il 06 aprile 2015 da Ladri_di_vhs
BLACKHAT
Regia: Michael Mann
Origine: USA
Anno: 2015
Durata: 133'
Attori protagonisti: Chris Hemsworth, Tang Wei

Il buon Michael Mann è tornato ed è riuscito a mettermi nella spiacevole condizione di non sapere bene come trattare il suo ultimo film. In patria è stato massacrato e per ora il punto di pareggio per i 70 milioni di dollari di budget sembra essere irraggiungibile, è anche vero però che la critica non fu tanto gentile neanche con Public Enemies, che dopo un inizio indeciso fece il botto. Ho come il sentore però che il miracolo questa volta non si verificherà.

BLACKHAT
Blackhat è un action-cyber-thriller molto verosimile sotto certi punti di vista e totalmente inconsistente sotto altri aspetti che ruota intorno a un complotto internazionale da parte di un hacker, contro il quale interverrà l’NSA insieme al governo cinese con qualche comparsata da parte dell’MI6. È in questo contesto che scende in campo Nicholas Hathaway, Thor per intenderci, un hacker finito al gabbio per un impiego non esattamente etico delle sue capacità informatiche. La proposta è semplice: tu ci aiuti a beccare il tizio che sta facendo questo casino e noi ti facciamo uscire.

BLACKHAT
Diciamo quindi che la storia si presta a essere piuttosto banalotta e a ricordare anche troppo malamente certi film d’azione degli anni ’80 o ’90 col protagonista ipercazzuto, fortissimo, intelligentissimo e che rimorchia pure con una discreta nonchalance, cosa che cozza abbastanza pesantemente con la figura dell’hacker. D’accordo, non sono i brufoli o gli occhiali a farti creare una backdoor ma lasciate che io sia scettico nel vedere un hacker alto, biondo, con gli occhi azzurri, col pettorale da 120 kg di panca piana.

BLACKHAT
Dal punto di vista tecnico c’è veramente poco da criticare, com’è anche normale aspettarsi. Mann sa dirigere, il film è montato bene e la fotografia è sicuramente il punto forte. La sceneggiatura però risulta un po’ debole e soprattutto la storia sa di “già visto”. Un aspetto sicuramente positivo è però l’attenzione ai tecnicismi. Scordatevi hacker che comandano il tostapane col cellulare o che necessitano di “più potenza” per trovare una breccia in un sistema particolarmente protetto. Questo film fortunatamente prende le distanze in maniera netta da film come Hackers (da vedere solo per la Jolie) dove sembra che un’intrusione di sistema sia un livello di Pacman. Da un punto di vista pratico tutto ciò che viene mostrato è realmente possibile. È lodevole inoltre che pur senza avere grande dimestichezza con l’argomento credo si riesca a seguire tutto abbastanza facilmente.

BLACKHAT
In conclusione, Blackhat non è assolutamente da buttare ma lascia quel brutto retrogusto di occasione sprecata. Mann è riuscito a fare un film molto attuale nelle tematiche, senza prendersi neanche tante licenze cinematografiche su aspetti estremamente tecnici e non esattamente semplici da trattare. Purtroppo però il risultato è un film d’azione come tanti altri in cui il protagonista sa programmare, maneggiare armi da fuoco, fare a botte e mille altre cose che lo porteranno sempre e comunque a salvare il mondo dal cattivo di turno.
BLACKHAT
Ingmar Bèrghem

Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • Blackhat

    Blackhat

    (id.)di Michael Mann (Usa, 2015)con Chris Hemsworth, Tang Wei, Leehom Wang, Viola Davis, William Maphoterdurata: 135 minuti★★★★★Si dice che se una farfalla... Leggere il seguito

    Da  Kelvin
    CINEMA, CULTURA
  • RadioTaxiDrivers 15/03/2015: Blackhat e Foxcatcher

    RadioTaxiDrivers 15/03/2015: Blackhat Foxcatcher

    Questa settimana a RadioTaxiDrivers si parla come sempre dei film più interessanti che è possibile trovare al momento nelle sale cinematografiche italiane. Leggere il seguito

    Da  Taxi Drivers
    CINEMA, CULTURA
  • Blackhat

    Blackhat

    di Michael Mann con Chris Hemsworth, Viola Davis, Tang Wei Usa, 2015 durata, 135' Nell'ultimo film dedicato alla serie all'agente 007 (Skyfall) il personaggio d... Leggere il seguito

    Da  Veripaccheri
    CINEMA, CULTURA
  • Blackhat – Io digitale in via di estinzione

    Blackhat digitale estinzione

    Mentre le immagini scorrevano nel buio della sala, in più di una occasione mi chiedevo per quale pubblico Michael Mann abbia creato il suo ultimo film. Leggere il seguito

    Da  Raystorm
    CINEMA, CULTURA
  • A proposito di: blackhat

    proposito blackhat

    La scelta di Michael Mann di affidare la parte del protagonista a Brian Hensworth, oltre a non essere sbagliata dal punto di vista produttivo - tenuto conto... Leggere il seguito

    Da  Veripaccheri
    CINEMA, CULTURA

Magazines