Magazine Libri

Blog Tour Youfeel Rizzoli: seconda giornata

Creato il 17 dicembre 2014 da Babetteleggepervoi
Bentornati! Oggi, il Blog Tour ci porta molto lontano… e vi offre il primo regalo: un portachiavi ispirato al libro che sarà oggetto del gioco. Pronti? Via!
Domanda del giorno: da quale romanzo è tratta questa citazione? L’autrice stessa l’ha scelta per voi (una carogna di prima categoria, se volete sapere come la penso). Ovviamente, la citazione parla di un uomo (e che uomo)… quindi il pesce Balestra c'entra, sì, ma non è il protagonista. E meno male, direte voi!


Blog Tour Youfeel Rizzoli: seconda giornata

Di scatto il gigantesco cugino di Nemo si avvicina minaccioso. Faccio subito retromarcia, ma non basta: quel Moby Dick in miniatura si lancia al mio inseguimento. Mentre annaspo veloce verso la riva, viene in mio aiuto un altro nuotatore che sbatte sulla superficie una pinna, cercando di spaventare il mio inseguitore.
Nel frattempo ho raggiunto la battigia e il soccorritore è uscito dall’acqua.
«È impazzita?» urla.«Come, prego?» ribatto mentre lo squadro. È un uomo di una bellezza da paura, ogni muscolo delineato alla perfezione e un paio di gelidi occhi ambrati che mi fissano severi come quelli di un lupo. (***)
Blog Tour Youfeel Rizzoli: seconda giornata«Le ho chiesto se si è resa conto di quello che ha fatto!» grida.«No, io…»«Sa che ha molestato il nido di un pesce balestra?»«Molestato?» ribatto tra lo stupito e l’indignato. «Mi sono avvicinata per fotografarlo!»«E credeva che lui capisse? O magari pensava che si mettesse anche in posa? E si tolga la maschera, per favore!»
(***) Agli occhi ambrati ho preferito questo Lato B.

Niente da fare, ancora? Uhm… vediamo se questa seconda citazione può aiutarvi:«Può togliermi una curiosità?» chiedo.«Dipende.»«Lei di che segno è?»«Scorpione.»Lo sapevo. Il Segno del Maschio Alfa, quello che incontriamo sempre noi appartenenti a quello della Figuraccia.

Potete rispondere fino alle ore 23.59 di oggi, postando un commento qui sotto. Fra coloro che avranno risposto in modo corretto (titolo del romanzo e nome-cognome dell’autrice) a mezzanotte sarà sorteggiato un portachiavi raffigurante la copertina dell’e-book. Buona fortuna!P. S. Inutile guardare le etichette...In caso di parità, si procederà allo spareggio. In che modo? Dato un certo numero di croccantini, vincerà la lettrice (o il lettore) abbinato al croccantino che sarà stato mangiato per primo dalla famelica Bonnie. La mia assistente canina. Tutto chiaro? Dite di sì, vi prego! OoO
Cosa pensano le scrittrici dei loro protagonisti?Andiamo a curiosare un po'

Blog Tour Youfeel Rizzoli: seconda giornata

Lovangeles di Silvia Mango (mood ironico): Abbiamo letto il commento di Silvia al protagonista del romance "Lovangeles". Adesso, ci sollazziamo leggendo tutto quello che l'autrice pensa di questo personaggio negativo (non ci facciamo mancare niente). Brian rappresenta un po’ il classico tipo sbagliato in cui tutte, prima o poi, siamo incappate.  L’ho immaginato morbosamente geloso, possessivo, fragile, così come creativo e intransigente allo stesso tempo ma essendo la storia ambientata a Lovangeles (dove sappiamo che tutto è possibile … ) ho voluto regalargli un aspetto decisamente molto mooolto cinematografico! Ecco, in questo caso, purtroppo e ahinoi, non so quante possano dire di aver avuto una relazione prettamente sessuale con un giovane artista dai lunghi capelli biondi e coi lineamenti perfetti e cesellati come Brad Bitt in Thelma e Luise e dannatamente sexy come Colin Farell… perché è proprio così che lo immagino.
Blog Tour Youfeel Rizzoli: seconda giornata
Il cielo era pieno di stelle di Giulia Beyman (mood emozionante): Neanche a dirlo, adoro il mio Andrea. E non solo perché è un fustaccio, ma anche perché è un uomo intelligente, solido, anticonformista, che non ha rinunciato al suo lato emotivo.Nonostante faccia continui sforzi per dimostrare il contrario, sono una donna 'vecchio stampo'.Per carità, un 'buon vedere' rallegra sempre le giornate (a proposito, grazie Babette per i tuoi gnokki quotidiani).Ma quello che davvero mi piace è l'uomo bello e gentiluomo, l'uomo fascinoso e non rude, l'uomo con cui intavolare una conversazione che duri più di dieci minuti e che abbia in casa più di tre libri.Il mio uomo ideale è un misto tra un Paul Newman quarantenne, il Brad Pitt di Sette anni in Tibet, George Cloney nel suo debutto in E.R. e un Robert Redford d'annata. Che ci volete fare... mi accontento di poco.
Blog Tour Youfeel Rizzoli: seconda giornata
Celeste era il mare di Sabrina Grementieri (mood emozionante): L'idea di fondo è quella di far fare un bel percorso di crescita ad un uomo che dalla nascita le ha avute tutte vinte. Bellezza, ricchezza, amicizie, donne. Però ad un certo momento perde tutto, per di più non a causa sua. La rabbia e l'orgoglio maschile lo paralizzano per lungo tempo. Però non è un uomo superficiale, ha voglia di amare, assaporare la vita, fare qualcosa che ama anche a livello lavorativo. E nonostante l'ostinazione pian piano ci arriva. Questa volta ho pensato ad un protagonista un po' lontano dai miei canoni, molto macho e passionale. Mi è piaciuto molto!
Blog Tour Youfeel Rizzoli: seconda giornata

Blog Tour Youfeel Rizzoli: seconda giornata

Incontro veneziano e Mora selvatica di Elisabetta Motta (mood emozionante): Michele Falieri, 33 anni, discendente di una famiglia nobile, è il proprietario di Palazzo Sartori, l’antica residenza veneziana del 400 adibita a struttura alberghiera.Marco Ravelli, è un ricco imprenditore, titolare di un’azienda leader nel settore delle costruzioni in Italia e all’estero.Resterà deluso chi pensa di trovare nei miei romanzi descrizioni da calendario. Certo, Michele Falieri e Marco Ravelli sono belli, affascinanti, eleganti, dotati di uno sguardo magnetico capace di fare sciogliere ogni donna. E come se non bastasse tutto questo, sono anche gentili, sensibili, pazienti e sanno essere dei grandi seduttori. Si potrebbero definire, come qualcuno ha già fatto, due eroi da romance moderno. I “miei” uomini hanno parecchi punti in comune ma ci sono anche delle differenze sostanziali tra loro. Marco è più impulsivo, istintivo e ha un cuore d’oro. Michele, al contrario, è più riflessivo, più razionale, ma non meno passionale. Mi sento molto legata a questi miei due personaggi maschili proprio perché rappresentano il mio ideale di uomo e per questo motivo ho scelto di descriverli nei miei romanzi. Alcune mie lettrici si sono letteralmente innamorate di loro! E anche io…

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog