Magazine Cultura

Bloody review

Creato il 16 settembre 2013 da Cannibal Kid
Condividi
BLOODY REVIEWBloody Beetroots “HIDE” Prima questione: si dice Bloody Beetroots al singolare o si dice i Bloody Beetroots al plurale? La questione è complessa, visto che dietro a questa sigla si cela il dj e producer italiano Sir Bob Cornelius Rifo, from Bassano del Grappa. Nelle foto dei live e dei dj set le facce, anzi i volti mascherati da Venom di solito sono però due, visto che c’è anche il compare Tommy Tea e insomma è un po’ come per i Nine Inch Nails. I Nine Inch Nails, su cui avremo modo di tornare a proposito del nuovo album, sono Trent Reznor, però sono anche un gruppo, se non altro dal vivo e quindi si dice al plurale. Ma per la sigla Bloody Beetroots come si fa? Si usa al singolare o al plurale? Boh, la prima questione resta in sospeso.
Seconda questione: l’album d’esordio del/dei Bloody Beetroots “Romborama” del 2009 è uno dei dischi più importanti di musica elettronica degli ultimi anni? Probabilmente sì. La sua attitudine punk mista a un sound electro misco all’house misto a una sana dose di follia rave era qualcosa di davvero sconvolgente e inebriante. Di certo è uno degli album “italiani” più interessanti e originali da molto tempo a questa parte.
Terza e più importante questione: com’è il secondo album, il nuovo “HIDE”? Bah. La forza dirompente del debutto se n’è andata a puttane, per lasciare spazio a un suono tamarro non proprio convincente. La prima parte del disco in particolare è pessima e fa temere il peggio. C’è una tamarrata di techno-rock con Tommy Lee che non se pò sentì. I brani più pop sono il tentativo di commercializzare il Bloody Beetroots sound, con risultati ben poco convincenti che oscillano tra una versione di serie B di Calvin Harris (“Chronicles of a Fallen Love”) e un suono house dozzinale da club fighetto di Milano (“Runaway”). A ciò aggiungiamo l’inascoltabile disco-opera “The Furious”, più ridicola che epica, e in “Out of Sight” l’ospitata prestigiosa di un Paul McCartney che si trova a suo agio a cantare sulla base del Sir Rifo come Papa Bergoglio ospite su un disco di Marilyn Manson. Che potrebbe anche essere un’idea…

BLOODY REVIEWChe altro, che altro? Ci sono brani che vorrebbero essere l’imitazione, ma finiscono per suonare come la parodia dei Daft Punk (“Please Baby” con quell’altra mummia, pardon “ospite prestigioso” di Peter Frampton). Tutto male, allora? Ho già massacrato questo album brutalmente a sufficienza, quand’ecco che nella seconda parte a sorpresa si riprende, almeno un pochino, almeno a tratti. Quando evita di uscirsene con forzate collaborazioni poco azzeccate, il Rifo torna su sentieri sonori che più gli competono, con un'electro house maggiormente cattivella rispetto ai primi innocui brani, si senta la notevole cavalcata elettronica “Albion with Junior” o la bastarda “The Source”, e gli riesce pure il momento lentone con “Glow in the Dark” cantata da Sam Sparro. Nel finale le cose precipitano di nuovo e spunta fuori persino una evitabile versione gabber e in English di “Volevo un gatto nero”, trasformata in una truzzata che persino il Gigi D’Agostino dei tempi migliori (o dovrei dire peggiori?) si sarebbe imbarazzato a dare alla luce. È allora che è chiaro, limpido, cristallino. Che si dica Bloody Beetroots al singolare o al plurale questo non l’ho ancora capito, ma che il suo/il loro nuovo album sia una delusione, su questo non ho alcun dubbio. (voto 5-/10)

Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • Review: The Secret Sharer

    Review: Secret Sharer

    The Secret Sharer by Joseph Conrad My rating: 5 of 5 stars Anche in questa avvincente storia di mare troviamo come protagonista un giovane Comandante alle... Leggere il seguito

    Da  Paperottolo37
    CULTURA, LIBRI
  • Review: I, Richard

    Review: Richard

    I, Richard by Elizabeth George My rating: 5 of 5 stars Raccolta di racconti oscillanti tra il giallo classico e il giallo storico, con tocchi di mistero e... Leggere il seguito

    Da  Paperottolo37
    CULTURA, LIBRI
  • The Bloody Beetroots feat. Theophilus London - All The Girls(Around The World)...

    Bloody Beetroots feat. Theophilus London Girls(Around World) Video Testo Traduzione

    Esce in questi giorni "Hide",il secondo disco per il producer italiano The Bloody Beetroots.Il rapper newyorkese Theophlius London offre il suo fondamentale... Leggere il seguito

    Da  Lesto82
    CULTURA, MUSICA
  • Review: L’assassino

    Review: L’assassino

    L’assassino by Georges Simenon My rating: 5 of 5 stars Hans Kuperus, il dottor Hans Kuperus per l’esattezza, è un uomo ordinario, con una vita ordinaria che viv... Leggere il seguito

    Da  Paperottolo37
    CULTURA, LIBRI
  • Review: A Brewing Storm

    Review: Brewing Storm

    A Brewing Storm by Richard Castle My rating: 5 of 5 stars Prima di iniziare devo avvisare che in questo mio commento sono presenti alcuni spoilers! Derrick Stor... Leggere il seguito

    Da  Paperottolo37
    CULTURA, LIBRI
  • Review: Cos’è?

    Review: Cos’è?

    Cos’è? by Ko Un My rating: 5 of 5 stars Ho acquistato questo libro di poesie, sulla fiducia, invogliato dalla recensione fattane dalla mia carissima amica... Leggere il seguito

    Da  Paperottolo37
    CULTURA, LIBRI