Magazine Libri

Brano di Reiner Maria Rilke

Da Maurizio Lorenzi

Di seguito un brano di Reiner Maria Rilke (tratto da i quaderni di Malte Laurids Brigge)

Brano di Reiner Maria Rilke“Oh, ma con i versi si fa ben poco, quando li si scrive troppo presto. Bisognerebbe aspettare e raccogliere senso e dolcezza per tutta una vita e meglio una lunga vita, e poi, proprio alla fine, forse si riuscirebbe a scrivere dieci righe che fossero buone. Poiché i versi non sono, come crede la gente, sentimenti (che si hanno già presto), sono esperienze. Per un solo verso si devono vedere molte città, uomini e cose, si devono conoscere gli animali, si deve sentire come gli uccelli volano, e sapere i gesti con cui i fiori si schiudono al mattino. Si deve poter ripensare a sentieri in regioni sconosciute, a incontri inaspettati e a separazioni che si videro venire da lungi, a giorni d’infanzia che sono ancora inesplicati, ai genitori che eravamo costretti a mortificare quando ci porgevano una gioia e non la capivamo (era una gioia per altri) a malattie dell’infanzia che cominciavano in modo così strano con tante trasformazioni così profonde e gravi, a giorni in camere silenziose, raccolte, e a mattine sul mare, al mare, a mari, a notti di viaggio che passavano alte rumoreggianti e volavano con tutte le stelle, e non basta ancora poter pensare a tutto ciò. Si devono avere ricordi di molte notti d’amore, nessuna uguale all’altra, di grida di partorienti, e di lievi, bianche puerpere addormentate che si richiudono. Ma anche presso i moribondi si deve essere stati, si deve essere rimasti presso i morti nella camera con la finestra aperta e i rumori che giungono a folate. E anche avere ricordi non basta. Si deve poterli dimenticare, quando sono molti, e si deve avere la grande pazienza di aspettare che ritornino. Poiché i ricordi di per se stessi ancora non sono. Solo quando divengono in noi sangue, sguardo e gesto, senza nome e non più scindibili da noi, solo allora può darsi che in una rarissima ora sorga nel loro centro e ne esca la prima parola di un verso.”

Brano di Reiner Maria Rilke
Rainer Maria Rilke, nome completo René Karl Wilhelm Johann Josef Maria Rilke (Praga, 4 dicembre 1875 – Montreux, 29 dicembre 1926), è stato  un poeta e scrittore austriaco  di origine boema. È considerato uno dei più importanti poeti di lingua tedesca del XX secolo. Autore di opere sia in prosa che in poesia, è famoso soprattutto per le Elegie duinesi (scritte durante il soggiorno a Duino), i Sonetti a Orfeo e i I quaderni di Malte Laurids Brigge. tratto Da Wikipedia.

Un grazie a Roberto Centazzo scrittore per la citazione

Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • Ave o Maria

    Maria

    Ave  o  Madre dél Dio Vivènte, scrigno dél più prezióso déi tesòri, generatrice dell’onnipotènte, di Colui che esiste dagli albori di Colui che pér sèmpre... Leggere il seguito

    Da  Albix
    CULTURA, LIBRI
  • Simboli di regressione nell’"Ewald Tragy" di Rainer Maria Rilke

    Simboli regressione nell’"Ewald Tragy" Rainer Maria Rilke

    «Lei è un poeta?». «Non lo so. Qui non si arriva a vederci chiaro. Non si può prendere distanza da se stessi, mancano calma, spazio, prospettiva… Solo poeta?... Leggere il seguito

    Da  Sulromanzo
    CULTURA, LIBRI
  • Vi presentiamo: Maria Masella

    presentiamo: Maria Masella

    In occasione della prossima uscita di Un Nome dal Passato (Mondadori), vi presentiamo Maria Masella!Vi piacerebbe vincere il romanzo autografato dalla... Leggere il seguito

    Da  Junerossblog
    CULTURA, LIBRI, ROMANZI
  • RAINER MARIA RILKE,dal Diario Fiorentino

    RAINER MARIA RILKE,dal Diario Fiorentino

    “Si tratta solo di istanti, ma in simili istanti io vedo nel profondo della terra. E vedo le cause prime di tutte le cose,come radici di grandi alberi stormenti. Leggere il seguito

    Da  Silvy56
    DIARIO PERSONALE, TALENTI
  • Maria do rosario pedreira

    Maria rosario pedreira

    Maria do Rosário Pedreira-------- A cosa mi è servito correre per tutto il mondo, trascinare, di città in città, un amore che pesava più di mille valigie;... Leggere il seguito

    Da  Silvy56
    DIARIO PERSONALE, TALENTI
  • Maria luisa spaziani

    Maria luisa spaziani

    Lo vedi come l’isola si torce nei suoi venti stasera, con che furia tende a disancorarsi dalle boe profonde del terziario, come anela al volo sparso delle sue... Leggere il seguito

    Da  Silvy56
    DIARIO PERSONALE, TALENTI
  • Il Poeta, Rainer Maria Rilke

    Ora che batti, da me t’allontani. Apri in me piaghe con la tua ala. Ma che farò io di questa mia bocca? O del mio giorno? della mia notte? Io non ho... Leggere il seguito

    Da  Firmatorm
    CULTURA, LIBRI