Magazine Cinema

Breve carrellata del cinema sovietico degli anni 60.

Creato il 05 marzo 2013 da Pawi

Negli anni 60 assistiamo a un grande boom del cinema sovietico. Vengono prodotti più di cento film all'anno, molti dei quali nelle repubbliche federali.I temi prevalenti sono quelli della guerra, con una analisi psicologica dei protagonisti più attenta e sofisticata. Ricordiamo sicuramente L'infanzia di Ivan (Ivanovo Detstvo, 1962 di A. Tarkovskij), Leone d'Oro a Venezia, che in Russia ebbe più di 16 milioni di spettatori. Viene anche riproposta la figura di Lenin in film come. Il quaderno azzurro (Sinjaja Tetrad', regia di L. Kulidzhanov) del 1963, Lenin in Polonia (Lenin v Pol'she regia di S. Utkevich) del 1965, e 6 luglio del 1968 (sul trattato di Brest-Litovsk 1918 e il Partito Socialista rivoluzionario contrario a esso, regia di Ju. Karasik). Ricordiamo anche la dilogia Serdce materi (Cuore di madre, 1965) e Vernost' materi, (Fedeltà di una madre, 1968) dedicati alla famiglia di Lenin e soprattutto alla madre: Marija Aleksandrova Ul'janova (Regista M. Donskoj). 

Breve carrellata del cinema sovietico degli anni 60.

Il manifesto di Nido di Nobili, (1969) regia di A. Konchalovskij

Grande successo hanno anche i film tratti da capolavori letterari, non solo russi ma stranieri, ricordiamo anche gli  shakespeariani Amleto, e Otello, e senza dubbio La signora col cagnolino (Dama s sobachkoj, 1960, regia di Chejfich, con una strepitosa Ija Savvina), tratto dall'omonimo racconto di Cechov. 

Breve carrellata del cinema sovietico degli anni 60.
Nel 1967 esce Anna Karenina, regia di  di A. Sarchi. E sicuramente ha enorme importanza la riduzione cinematografica di Guerra e pace, in quattro parti (1963-67) regia di S. Bondarchuk, uscito anche in Italia, premio Oscar nel '67 per il miglior film straniero e presentato fuori concorso a Cannes.Una curiosità, secondo il sito IBDm durante la battaglia di Borodino (1812) si vede una comparsa indossare un orologio da polso. 
Breve carrellata del cinema sovietico degli anni 60.
Ma non ci sono solo film "seri", proprio negli anni 60 abbiamo alcune commedie godibilissime. Ricordiamo, prima fra tutte Benvenuti, o ingresso vietato agli estranei (Dobro pozhalovat', ili Postoronnim vchod vopreshchen, 1964, regia di E. Klimov), una commedia dolce e amara del 1964 in cui si narrano le peripezie del pioniere (specie di boy scout) Inochkin che cacciato dal campo scout (in russo lager, specie di campo vacanze) per non far venire un infarto alla nonna rientra al campo come "clandestino" e viene nascosto e nutrito dai suoi compagni sotto la tribuna d'onore, in un turbinio di avvenimenti per lo più divertenti in cui il direttore del campo viene messo alla berlina. 

Breve carrellata del cinema sovietico degli anni 60.

Oppure il già ricordato Devchata, commedia romantica, tra i boschi degli Urali, in cui l'amore trionfa insieme, con l'onestà e la dedizione al lavoro.

Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

Magazine