Magazine Cinema

Bully on parade

Creato il 26 agosto 2010 da Cannibal Kid
Bully on paradeBully(USA, 2001)Regia: Larry ClarkCast: Brad Renfro, Nick Stahl, Rachel Miner, Bijou Phillips, Kelli Garner, Leo Fitzpatrick, Daniel FranzeseLinks: imdb, mymoviesMai uscito in Italia, lo potete vedere in inglese con sottotitoli italiani QUI
C’è sempre da rimanere storditi, col cinema di Larry Clark. E un po’ confusi dai suoi personaggi, privi di grandi qualità (privi di alcuna qualità?), apatici, incuranti, drogati. Dopo i Kids di New York e prima degli skaters di Ken Park, ecco i ragazzi surfisti nella Florida di Bully, dove il bullo del titolo è quello interpretato da Nick Stahl: prepotente, strafottente, con attacchi di ira violenti, improvvisi e inspiegabili. Un bully che rovina la vita a tutte le persone che gli stanno intorno, in primis il suo “migliore amico” Brad Renfro (attore recentemente scomparso): così migliore amico che insieme alla sua ragazza Rachel Miner (notevole la sua interpretazione) e a un branco di tossici scapestrati decide di farlo fuori. Fight the power, fight the bully. E tra gli scapestrati vi sono anche uno sballatissimo Michael Pitt e una ninfomane Bijou Phillips, il meglio del cinema indie di inizio decennio che scende in una spirale giù dove abitano gli istinti più profondi della generazione no-generazione degli ultimi anni, in perfetto stile Clark.
Bully on paradeNiente morale e niente moralismi nel suo sguardo cool, le riflessioni le lascia allo spettatore, libero di indignarsi del comportamento di questi ragazzi senza valori e senza futuro, oppure calarsi dentro le loro inesistenti profondità cercando di immedesimarsi, di capire una realtà che non è poi così dura; in fondo questi sono dei ragazzetti bianchi che imitano il linguaggio dei rapper di colore della vera strada, sono ragazzi di buona famiglia che non hanno un cazzo da fare tutto il giorno (“Di cosa ti occupi, adesso?” chiede un ragazzo a un altro, “Di Mortal Kombat,” è la sua eloquente risposta) se non cazzeggiare in giro in auto, surfare e scopare, ma il loro è pur sempre uno stile di vita tipicamente post-moderno che può condurre all’apatia e allo svuotamento di qualunque pensiero sano di mente. Fino alla violenza, fino all’omicidio efferato.
Intenso, a suo modo coinvolgente, scandaloso (o fintamente scandaloso?), privo di sentimentalismi (e di sentimenti), con una trama più articolata del suo solito (dopo tutto si tratta di un adattamento da un romanzo di Jim Schutze, a sua volta ispirato a una storia vera). Larry Clark è questo, prendere o lasciare. Amare o odiare.Io secondo voi da che parte sto?(voto 8)

Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :