Magazine Rugby

Buone notizie da Dublino?

Creato il 28 agosto 2011 da Rightrugby

Buone notizie da Dublino?Attorno all'ora di gioco, all'Aviva Stadium di Dublino, mentre l'Irlanda perdeva 20-9 contro l'Inghilterra (sarà il risultato finale), tra i più di 48.000 spettatori qualche ottimista avrà pensato, beh potrebbe andare peggio, potrebbe piovere.
Difatti s'è scatenato un improvviso e violento fortunale molto Irish. Difficile pensare a una giornata peggiore per l'Irlanda: quarta sconfitta su quattro warm up match pre-mondiali, seconda sconfitta in fila in casa, la prima con gli inglesi da diversi anni, mostrando un gioco sempre più involuto e inconcludente e quel che è peggio, perdendo il cruciale openside flanker David Wallace per i Mondiali. Con un esercizio di cinismo che solo i chiaramente più deboli possono permettersi, verrebbe da chiosare: buone notizie da Dublino.

C'è qualche rimaneggiamento dell'ultimo minuto per l'Inghilterra, che rinuncia a Wood e Easter, richiama il "non Mondiale" Hendre Fourie al nr.7 e sposta Haskell al nr.8, con Croft confermato sul lato cieco. Sono proprio gli Albionici a far vedere da subito che vogliono tenere il pallino, attaccando su tutto il fronte gestiti da Wigglesworth con buon controllo e decente velocità. Entrano nei 22metri avversi e ci provano sino al tentativo di drop di Jonny Wilkinson, stranamente sbagliato, al minuto 2'15". Nelle prime azioni si mettono in mostra i ball carrier pesanti Haskell e Sheridan. Alla successiva azione è meta inglese: quei due guadagnano terreno, il mediano apre a Wilko verso sinistra, palla subito a Mike Tindall, il compagno di reparto Manu Tuilagi incrocia stretto, riceve l'ovale e passa tra Bowe che s'allarga e Earls che si fa bucare da pollo, senza che nessuno venga manco toccato; al 5' è la seconda meta in due caps per l'anglo-samoano. Troppo facile. Jonno trasforma per il 7-0.
Nel resto del primo quarto i falli dominano la scena: l'Irlanda prova a sfruttare la rimessa laterale ma la gestione che ne fanno è povera e gli inglesi possono calciar via lontano. Geordan Murphy contrattacca, calcia e viene lievemente ostacolato da Lawes, ottenendo un calcio di punizione centrale che O'Gara piazza, 3-7 al 9'. E' la mischia ordinata inglese a guadagnare la punizione che consente a Wilko di mantenere le distanze, è 3-10 al 15'.
Il 20' è il minuto degli infortuni: David Wallace placcato da Tuilagi si torce il ginocchio, da come si agita è chiaro che si tratti di cosa grave purtroppo per lui, entra Leamy; esce anche Fourie sostituito da Palmer con Lawes che si sposta in terza linea, poi anche Cueto per motivi precauzionali, sostituito all'ala da Armitage. Nel frattempo O'Gara può piazzare il 6-10.
Altra azione notevole alla mezz'ora: ennesima rimessa laterale mal gestita dai padroni di casa su 22m inglesi, la palla rotola fino a Tuilagi che si mette in moto e si lancia in un coast-to-coast. E' l'eroico Murphy, il migliore dei suoi, a inseguire, raggiungere e fermare il compagno di club a Leicester. Negli sviluppi, gli inglesi si divorano una meta fatta per un sottomano frettoloso di Lawes che molto fa arrabbiare Foden, pronto allo scatto finale. Al 26' c'era stato il piazzato del 6-13 di Wilko.
Al 32' anche Heaslip deve uscire, sostituito da Donncha Ryan e il primo tempo si chiude con un piazzato di O'Gara per un apparentemente equilibrato 9-13.

La seconda frazione pare iniziare in modo promettente per l'Irlanda: al primo minuto un Chris Ashon in ombra (del resto si gioca chiusi, su spazi piccoli e ritmo bassino) si fa cacciar fuori per fallo professionale in ruck. Ne consegue una punizione centrale, che O'Gara stampa sul palo.
Nei minuti che seguono l'Irlanda rivela tutta la sua pochezza: l'iniziativa resta agli inglesi in inferiorità numerica e al 46' Wigglesworth apre verso Tindall sulla sinistra, questi s'avvede che tre difensori su quattro sono lenti avanti, per cui si produce in un delizioso calcetto rasoterra, cogliendoli tutti in contropiede; Armitage è il più veloce, s'infila e schiaccia in meta. Due a zero, 20-9 e altro non succede, acquazzone a parte.

Che dire in ottica mondiale? Beh, l'Inghilterra già aveva identificato il pack - anche se continua a preoccupare lo stato di salute di capitan Moody, c'è chi può rimpiazzarlo; ora sembra avere trovato l'assetto dietro, col dualismo centrale tra esperto (Tindall, meritato Man of the Match) inside - giovane (Tuilagi) outside, dopo aver da tempo sistemato il triangolo allargato con Foden-Ashton-Cueto, tutti peraltro in ombra in queste ultime uscite, Cueto a parte che si dà sempre molto daffare e si va a cercare le azioni. All'apertura Wilkinson non ha fatto nulla di eclatante ma produce razionalità, mentre Flood spesso è frenetico più che dinamico, mettendo in crisi assetto ed equlibri, a partire dal mediano suo compagno di reparto. Resta che con Wilko titolare (qui e col Galles a Twickenham) l'Inghilterra vince; forse forse Martin Johnson ci sta facendo un pensierino, tant'è che Flood è entrato tardi e come primo centro.

Quanto all'Irlanda, detto fuori dai denti e con "occhio Azzurro", è tutto troppo bello per essere vero: c'è da sperare per noi che non sia tutto un diabolico barbarucco per nascondersi. Il quarto test pre-mondiale è stato se possibile il peggiore di tutti: no gioco, mismatch clamorosi (Earls con d'Arcy al centro), Eoin Reddan in mediana che perde lucidità man mano che passa il tempo - ma non era O'Leary il problema? Robe da dire, ma Stringer no-o? Le fonti del gioco si sono inaridite: i lock non san più tirar giù palloni dalle rimesse e la mischia ordinata necessita di un Cian Healey super per imporsi; in terza linea oggi non c'era Sean O'Brien quindi va sospeso il giudizio, ma han perso l'importante pedina David Wallace.
Anche davanti s'è visto solo qualche tentativo rabbioso ma individuale di Earls e Trimble, mentre Bowe è l'ombra del campione che era - a proposito di fuori forma esclusi dalla rosa come Luke Fitzgerald. All'apertura, RoG non sbaglia ma la squadra non gira; quando entra Sexton si percepisce la sferzata psicologica, ma non par bastare. Crisi di identità o solo di risultati? Oppure, Sexton o RoG cambia poco, nella realtà sono una squadra mediocre, che diventa buona solo quando c'è O'Brien davanti, O'Driscoll de'drio e Cian Healey in giornata di grazia? La risposta nel giro di un mesetto.


Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • Buone maniere per bambini

    Buone maniere bambini

    Questo sito è pieno di idee carine, artistiche e romantiche. Mi piacciono molto queste carte delle buone maniere. Non pensate ci sia un gran bisogno di... Leggere il seguito

    Da  Momsinthecity
    MATERNITÀ, PER LEI
  • Imprenditore Innovativo a Dublino

    “Quando rispolverai il mio progetto [email protected] decisi che non c’erano le condizioni per investire nella mia idea in Italia. Contro tutto (quasi), contro... Leggere il seguito

    Da  Fugadeitalenti
    ITALIANI NEL MONDO, SOCIETÀ
  • Buone vacanze!

    Buone vacanze!

    Buone vacanze a chi quest'estate andrà al mare.A chi non fa il bagno se l'acqua è freddina.A chi invece al bagno non rinuncia mai, anche in questo nostro mare... Leggere il seguito

    Da  Gianbarly
    TALENTI
  • Buone celebrazioni

    Buone celebrazioni

    Semplicemente auguri a tutti voi di Buona Pasqua. Happy Easter!Chiedo venia a tutti gli altri brand!Ho allegato questa immagine perchè un ovetto Kinder non si... Leggere il seguito

    Da  Parolesemplici
    TALENTI
  • Son sempre buone notizie

    “Prima la buona o la cattiva?” “Prima la cattiva.” Perché ci piacciono le notizie, in un modo o nell’altro. Come quando ci apprestiamo a leggere un giornale,... Leggere il seguito

    Da  Flavialtomonte
    RACCONTI, TALENTI
  • Human+ a Dublino

    Vacanze in Irlanda? Se sarete a Dublino entro il 26 giugno, questa esibizione sembra interessante: Human+. The Future of our Species. Leggere il seguito

    Da  Estropico
    ECOLOGIA E AMBIENTE, SCIENZE
  • Mageia Beta2: buone sensazioni

    Mageia Beta2: buone sensazioni

    Mageia è una distro che pian piano sta arrivando al suo primo rilascio previsto entro una ventina di giorni e devo dire che il lavoro fatto è stato davvero... Leggere il seguito

    Da  Nicola
    INFORMATICA, TECNOLOGIA

Dossier Paperblog

Magazines