Magazine Pari Opportunità

Burqa sì, Burqa no

Da Ippaso

foto:flickr

Burqa sì, Burqa no

Il 17 settembre la Lega ha annunciato che presenterà una legge anti-burqa in stile francese.

Naturalmente i giornali filo-governativi hanno ri-iniziato subito la campagna mediatica anti-burqa presentando subito vari casi. Ne cito uno per tutti: la mamma in burqa che spaventa i bimbi all’asilo della figlia, ascesa agli onori della cronaca con il nome di maestra nera (secondo i quotidiani così è chiamata da tutti i bimbi dell’asilo).

Non stiamo qui a dire cosa sia giusto e cosa no. Noi occidentali non capiamo bene fin dove arrivi la religione e dove cominci il fanatismo e il maschilismo. E per questo ci risulta impossibile stabilire da soli le regole e mettere dei paletti nei punti giusti. Ogni tanto però salta fuori qualcuno sicuro delle proprie idee e comincia a citare a ripetizione varie leggi applicabili contro l’islam: ad esempio quelle che vieterebbero di avere il viso nascosto (leggi anti-terrorismo). Discorso simile vale  per i sempre accesi dibattiti moschea sì, moschea no (ripenso sempre con lo stesso stupore a Calderoli che portava a guinzaglio i maiali).

Come fare allora? Io la mia idea ce l’ho, ma non vorrei aggiungere opinioni su opinioni (non ne usciremmo più), tanto più che il mio pensiero non è certo più autorevole di quello di chi si è già espresso.

La soluzione è come sempre tanto semplice quanto ignorata dalle Istituzioni, e si trova nella Costituzione, nella prima parte, sotto il titolo Principi Fondamentali.

Art. 8

Tutte le confessioni religiose sono egualmente libere davanti alla legge.

Le confessioni religiose diverse dalla cattolica hanno diritto di organizzarsi secondo i propri statuti, in quanto non contrastino con l’ordinamento giuridico italiano.

I loro rapporti con lo Stato sono regolati per legge sulla base di intese con le relative rappresentanze. [2]

E’ superfluo (ma lo faccio comunque) riportare anche l’articolo 19 e il 20 del Titolo Primo (Rapporti Civili):

Art. 19.

Tutti hanno diritto di professare liberamente la propria fede religiosa in qualsiasi forma, individuale o associata, di farne propaganda e di esercitarne in privato o in pubblico il culto, purché non si tratti di riti contrari al buon costume.

Art. 20.

Il carattere ecclesiastico e il fine di religione o di culto d’una associazione od istituzione non possono essere causa di speciali limitazioni legislative, né di speciali gravami fiscali per la sua costituzione, capacità giuridica e ogni forma di attività.

Allora, la Costituzione stessa stabilisce che le religioni sono tutte uguali davanti alla legge italiane. In più dice che i rapporti religione-Stato (ad esempio i rapporti tra l’islam e l’Italia) devono essere regolati tramite delle regole condivise (oggi si direbbe regole bipartisan). Insomma, l’equivalente dei Patti Lateranensi per i musulmani – ma anche per tutte le altre fedi e religioni.

Ora, qual è il problema? Il problema è che accordi del genere richiederebbero un impegno serio e duraturo, mesi di confronto costruttivo con gli altri, per arrivare a capire cosa sia religione e cosa fanatismo. Capire le loro ragioni, il loro modo di pensare, le loro necessità. Stop alla propaganda, agli slogan faciloni urlati dai salotti televisivi, ai maiali portati a pascolare nei loro luoghi di culto… [battuta] a meno che gli accordi non lo prevedano… [\battuta].

Purtroppo questo impegno non sembra alla portata dell’attuale politica italiana. Sedersi a un tavolo per compilare dei nuovi Patti per le Religioni è forse troppo per il Governo del Fare. Oggigiorno si preferisce ingolfare lo Stato italiano promulgando leggi sempre confuse, nebbiose, preda di decine di interpretazioni possibili (da sfruttare secondo le esigenze). E le poche linee guide nette e limpide vengono ignorante e abbandonate in quel groviglio indistricabile di opinioni mariadefilippiane strillate in continuazione nella nostra Società Moderna.


Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

A proposito dell'autore


Ippaso 134 condivisioni Vedi il suo profilo
Vedi il suo blog

L'autore non ha ancora riempito questo campo L'autore non ha ancora riempito questo campo L'autore non ha ancora riempito questo campo