Magazine Gadget

Call of Duty: Advanced Warfare – Anteprima

Da Videogiochi @ZGiochi
Anteprima del 06/05/2014

Cover Call of Duty: Advanced Warfare

PC - PS3 - PS4 - Xbox 360 - Xbox One

Pegi 18
Livello di Attesa
5.25
Registrati per votare!

Genere: Sparatutto

Sviluppatore:

Produttore: Activision

Distributore: Activision Blizzard

Lingua: Italiano

Giocatori: ND

Data di uscita: 04/11/2014

VISITA LA SCHEDA DI Call of Duty: Advanced Warfare

Dopo l’annuncio da parte di Activision e Sledgehammer, intenti a rivelare il nuovo capitolo di Call of Duty lo scorso 4 maggio, ecco che magicamente trapela in anteprima il trailer di questa produzione per cercare di attirare velocemente l’attenzione che ogni anno il capitolo annuale di questo franchise richiama.

Call-of-Duty-Advanced-Warfare

Figlio di un titano minore

Avviato il filmato, le scene che seguono mostrano dei soldati, muniti di esoscheletro, muoversi all’interno di un’ambientazione completamente devastata da uno scontro. Ma il pezzo forte di questo trailer arriva subito dopo, infatti ecco comparire il famosissimo attore Kevin Spacey, che in pieno stile House of Cards (serie TV in cui interpreta il protagonista principale), ci accoglie con un discorso sul fallimento della democrazia; il filmato si chiude con il logo del gioco, ovvero Call of Duty: Advanced Warfare, nuovo capitolo di questo brand che da anni ormai si sta dimostrando molto croce e troppo poco delizia, in un panorama videoludico che si sta fossilizzando sul riciclo di meccaniche e concept di gioco. Call of Duty: Advanced Warfare sarà disponibile dal 4 novembre 2014 su PC, PlayStation 3, PlayStation 4, Xbox 360, Xbox One e secondo quanto rivelato dagli stessi sviluppatori di Sledgehammer è in sviluppo da circa tre anni e tenterà di far pace con tutti quegli utenti che sono rimasti con l’amaro in bocca dopo aver giocato l’ultimo capitolo Ghosts, che non è riuscito ad aggiungere qualcosa in termini videoludici al franchise.

Ricollegandoci al trailer di annuncio del gioco, le prime informazioni ci presentano un gioco ambientato in un prossimo futuro in cui, come già detto dal caro Spacey, la democrazia ha fallito e le nazioni sono stanche di mandare i propri soldati in guerra. Ed è qui che entrano in gioco le PMC, organizzazioni militari private che ormai sono leader nel “mercato bellico” e corrispondenti diretti per quelle nazioni che vogliono muovere guerra o magari ridisegnare i propri confini nazionali. Queste PMC sono altamente equipaggiate anche grazie a forti investimenti nel campo della ricerca e dello sviluppo e sono state in grado di creare gli esoscheletri, delle vere e proprie armature che andranno a cambiare lo scenario bellico e di riflesso anche il gameplay storico del brand. È chiaro e lampante lo spunto preso dal recentissimo Titanfall, FPS di Respawn Entertainment, e l’utilizzo che verrà fatto di questi esoscheletri all’interno del gameplay del gioco. Grazie a queste armature i soldati e soprattutto i giocatori avranno la possibilità di saltare molto più in alto, arrampicarsi sui muri e ottenere alcuni vantaggi strategici come il mimetismo e non solo. Infatti, quando un soldato utilizzerà un esoscheletro otterrà anche dei bonus biomeccanici quali aumento di forza, resistenza e visione del campo di battaglia. Il desiderio quindi di prendere spunto dal titolo sviluppato da Respawn Entertainment è palese anche dopo le parole espresse dal CEO di Activision, Eric Hirshberg, che ha apertamente dichiarato la volontà del team di sviluppo di impostare il gameplay del titolo proprio sull’utilizzo degli esoscheletri e delle loro abilità.

Del fronte del multiplayer attualmente non si può parlare, dovremo probabilmente aspettare l’E3, nulla è stato dichiarato ma si pensa che Sledgehammer di sicuro non andrà a puntare su un sistema di scontri dinamici come quelli del sopraccitato Titanfall, ma utilizzerà un sistema “riciclato” da Call of Duty: Mordern Warfare 3, comparto di cui si è occupata proprio la stessa software house. Passando all’aspetto tecnico, il trailer mostra scene realizzate con il nuovo motore di gioco, che con questo capitolo dovrebbe apportare delle migliorie visive visti i risultati ottenuti con l’ultimo capitolo della serie. Ancora una volta sarà un titolo cross-gen, il che getta qualche dubbio su quello che sarà l’effettivo sfruttamento delle risorse di Xbox One e PS4. In tal senso le intenzioni degli sviluppatori sono quelle di creare il giusto gap fra console di vecchia e nuova generazione, magari cercando di gettare le basi per un nuovo motore grafico che potrebbe essere il punto di partenza per quello che potrà mostrare visivamente il brand nei prossimi anni. Discorso invece completamente diverso per quanto riguarda la versione old-gen del titolo, basata sullo stesso motore grafico, su cui saranno applicate le dovute “toppe” per cercare di presentare un titolo apparentemente diverso dal punto di vista estetico. Infatti basti sapere che la stessa Sledgehammer non si occuperà di questa versione del nuovo Call of Duty, ma sarà uno studio minore a farsi carico di questo onere.

Da questi primi elementi trapelati sul web è chiaro come il sole che la scelta di Activision è quella di fare di questo nuovo Call of Duty una vera e propria macchina macina soldi, vista anche la presenza di una personalità di spicco di Hollywood come Kevin Spacey. Una decisione presa al di là della qualità artistica, soprattutto considerando la nuova linfa di cui sta vivendo l’attore grazie alla serie TV House of Cards. Da considerare anche il discorso fatto dall’attore durante il trailer di presentazione, notiamo un vero e proprio tentativo di aggraziarsi il pubblico americano in tutto e per tutto, soprattutto quello di sponda repubblicana. A tutto questo chiaramente va ad affiancarsi la scelta del nome “Advanced Warfare” come segnale del publisher che cerca magari di affiancare questo titolo a quella serie di capitoli del brand che sono stati più apprezzati da parte di critica e pubblico, ovvero la “trilogia” dei Modern Warfare.

Call of Duty: Advanced Warfare – Anteprima
IN CONCLUSIONE
Call of Duty: Advanced Warfare è un titolo che deve cercare assolutamente di mantenere viva la speranza dei videogiocatori che vogliono riprovare un'esperienza ludica degna dell'alto numero di vendite che fa registrare ogni anno, magari con qualcosa di veramente originale dato che da queste prime immagini è palese come la somiglianza verso Titanfall sia davvero molta. Rimandiamo ogni discorso al prossimo E3, occasione in cui sicuramente verranno rivelati ulteriori dettagli, utili a dare un'idea più chiara di quello che sarà il prodotto finale confezionato da Sledgehammer e Activision.

Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :