Magazine Opinioni

Caro Presidente Napolitano…..

Creato il 23 settembre 2011 da Mnc
Caro Presidente Napolitano…..Ormai nel nostro paese si è perso il senso della misura. Ma quale Etica, quale morale, oggi nel nostro Paese vige l’anarchia più assoluta.  Siamo un Paese dove tutto è concesso, dove le regole non esistono più. Ognuno si può permettere il lusso di dire e fare  ciò’ che vuole, senza timore alcuno. Mi riferisco all’intervista rilasciata in esclusiva dalla MERETRICE (colei che offre prestazioni sessuali, dietro pagamento di un corrispettivo in denaro) , Terry De Nicolò  a Rai 2. Cito solo alcuni passi dell’intervista, quelle a parer mio più significative. Dice la “MERETRICE”: 1)   Quelli che si mettono contro l’imprenditore di successo e l’imperatore (Berlusconi) sono invidiosi; 2)   Meglio vivere un giorno da leone che 100 da pecore, 2000 euro al mese e tutti uguali; 3)   Per uscire dalla mediocrità, occorre rischiare il proprio c…, essere disposti a “vendere la propria madre”, un metodo da sempre conosciuto, anche nella prima Repubblica; 4)   ogni donna andrebbe alle feste del premier, anche “ correndo”, sostiene ancora la Escort, “tutti quelli che calpestano o condannano Tarantini sono invidiosi di lui, così come tutti invidiano Berlusconi". Alla fine dice: "Se sei racchia e fai schifo te ne devi stare a casa perché la bellezza è un valore che viene pagato.” Egregio Presidente del Repubblica, mi rivolgo a Lei, e credo di rappresentare la maggioranza degli Italiani, affinché   intervenga  per ri-stabilire tutte quelle regole che,  in Italia,  non vengono rispettate, quelle regole che  fanno CIVILE un Paese. Ho voluto riportare alcuni passi dell’intervista rilasciata dalla “Meretrice” di cui sopra,  per mettere in evidenza  la totale mancanza di Etica e Morale: essere disposte a vendere la propria  madre per raggiungere qualsiasi obiettivo (Illecito). Oggi c’è una visione della vita canalizzata verso un unico referente: Silvio Berlusconi. Certamente buona parte delle colpe vanno date ai giornali ed  alle televisioni assoldate dai Partiti  che si sostituiscono alla cultura dei libri e della storia. Non possiamo scordarci della Storia:  dove c’è una classe dominante, la moralità dell’intero Paese è dominata dagli interessi di quella determinata classe.
Egregio Presidente, c’è un forte  bisogno di pluralità; un forte bisogno di libertà di opinione.
E’ arrivato il momento di fare delle scelte.
Lei, quale supremo garante dei diritti e della libertà di tutti e di ciascuno,  deve intervenire, affinché  questo Paese ri-acquisti grande dignità.  Una scelta  rivolta soprattutto a tutti i cittadini che  vivono momenti di estremo bisogno.
Lo Stato, ed è sotto gli occhi di tutti e soprattutto dei paesi esteri, si è allontanato  dalla schiera delle persone bisognose ma soprattutto dal “POPOLO”. Non c’è più libertà, non c’è più democrazia,  non c’è più  benessere, ma soprattutto, Egregio Presidente, LA LEGGE NON E’ UGUALE PER TUTTI, ma oggi in modo sempre più oltraggioso e impudente.
Allora Egregio Presidente  sorge spontanea una domanda: ma com’è possibile che il Paese di Dante, il Paese del Rinascimento di un’intera civiltà; il Paese dei Cesari sia diventato il Paese delle meretrici, dei corrotti, dei mafiosi, dei politici-comici e dei comici-politici?
Ma soprattutto com’è possibile che dopo aver vissuto una realtà  come quella “fascisa”, riusciamo, inermi e in silenzio, a viverne un’altra che non si fa con i fucili ma con la disinformazione?
Nutro un grande rispetto per la Sua persona e per la correttezza e l'alto senso dello Stato con cui Ella ha ricoperto  importanti incarichi istituzionali. In questo  momento,  più  che mai,  gli Italiani hanno bisogno di essere difesi  nei loro più sacri diritti costituzionali ed esortati a prenderne coscienza.
E’ una questione di garanzia dei fondamentali diritti umani e costituzionali di tutti quei cittadini che  non si riconoscono più o non si sono mai riconosciuti in  questa attuale classe politica.
Signor Presidente, ci appelliamo a Lei perché  sia garante dei diritti sanciti nella Carta Costituzionale  di fronte a chiunque intenda imporre agli altri la propria a- moralità,  immoralità,  per legge.

A vizio di lussuria fu sì rotta,
che libito fé licito in sua legge,
per torre il biasmo in che era condotta.
   Dante, Inferno, canto v
Il Presidente dell’M.N.C.
   Angelo Sciascia

Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • Caro Lettera32

    Caro Lettera32

    "...bisogna avere in sé ancora il caos per partorire una stella danzante"Nietzsche Caro Lettera32,mi rivolgo a te, anonimo filisteo, e non certo a Bruno,... Leggere il seguito

    Da  Bruno Corino
    OPINIONI, TALENTI
  • La giustizia di Napolitano

    Ora possiamo provare e abbiamo il dovere di essere tutti più giusti. Anche i giudici. È, in fondo, il senso delle parole che il presidente della Repubblica,... Leggere il seguito

    Da  Faustodesiderio
    ATTUALITÀ, OPINIONI, POLITICA, SOCIETÀ
  • Caro Monti ti scrivo…

    Caro Monti scrivo…

    Caro Presidente, ho ascoltato ieri sera il Suo invito agli italiani di sottoscrivere i titoli del nostro debito pubblico. Premesso che le commissioni su questa... Leggere il seguito

    Da  Loredana V.
    OPINIONI, TALENTI
  • Domande al Presidente Napolitano

    Domande Presidente Napolitano

    Mi scusi Presidente, visto che ora i tassi son tornati bassi, visto che Berlusconi ha promesso che lui no, non si ripresenterà come candidato presidente del... Leggere il seguito

    Da  Lucas
    OPINIONI
  • Pagherete caro, pagherete tutto

    Pagherete caro, pagherete tutto

    E’ ora che chi sbaglia paghi. E’ ora che paghino i No Tav violenti, per i danni procurati alle ferrovie, per i biglietti non pagati, per i giorni di ritardo... Leggere il seguito

    Da  Loredana V.
    OPINIONI, TALENTI
  • Caro amico ti stimo

    Caro amico stimo

    Gli osservatori internazionali denunciano forti irregolarità nelle elezioni presidenziali russe appena trascorse.Silvio Berlusconi (do you remember?) vola in... Leggere il seguito

    Da  Pdarcore
    POLITICA ITALIA
  • Tanto caro mi fu…

    Riceviamo dal signor Roberto Cognetta e volentieri pubblichiamo. Guardo la cronaca cubana del 30 marzo 1957 e leggo la notizia seguente: “E’ Batista il... Leggere il seguito

    Da  Patuasia
    INFORMAZIONE REGIONALE, SOCIETÀ

Dossier Paperblog