Magazine Talenti

Catturare la Luna

Da Lara
Le prime immagini fotografiche, o dagherrotipi, venivano sviluppate con vapori di mercurio, elemento alchemico per eccellenza, e stabilizzate con acqua salata calda.
Si ricavava in quel modo una superficie argentea in corrispondenza delle zone scure del soggetto e più opaca in quelle chiare; osservando la lastra in penombra, compariva un'immagine positiva con i lati invertiti, simile anche in questo particolare al riflesso degli specchi.

Queste prime emulsioni fotografiche avevano però una sensibilità molto bassa, perciò i pionieri degli "specchi congelanti" dapprincipio rivolsero i loro congegni verso il cielo, dove risplendono gli oggetti più brillanti, il Sole e la Luna.
Nel 1840 Daguerre, avventuroso pittore, scenografo ed inventore di trucchi ottici teatrali, ottenne il primo dagherrotipo della Luna.
Fare prigioniera la Luna con i vapori di mercurio, immobilizzarla in una superficie argentea, è stato il primo passo.
Esistevano già, a quei tempi, i mille teatri catottrici, le "lanterne magiche" che provocavano soprassalti di meraviglia fra il popolino come fra le dame più raffinate, il caravanserraglio di specchi in grado di sparare la luce su schermi giganteschi evocando coboldi, morgane e perfino le anime dei defunti, gli straordinari spettacoli di luci e colore, le "fantasmagorie", che giravano già nel Secolo dei Lumi per le piazze e le regge (incrociandosi a volte con altre meraviglie specchianti come l'anatra di ottone e il suonatore di flauto di Vaucanson, o il "Turco" scacchista del barone von Kempelen, esseri artificiali, duplicati della vita e dunque anch'essi parenti stretti degli specchi...).
In principio furono le lanterne magiche che già nel 1621 il gesuita Athanasius Kircher sembra avesse concepito...
Quando la fotografia si incontrò con i proiettori nacque il pre-cinema. Mille intelletti si diedero da fare con congegni meccanici sempre più vicini al loro sogno: dare movimento alle immagini. O meglio: congelare il movimento senza "bloccarlo".
Nasceva la magia più strabiliante: il cinema!
Da "Piccolo Inventario degli Specchi" di Alfonso Lentini - Stampa Alternativa.

Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • Di terra, di luna

    terra, luna

    Quando mi fermo a pensare, quasi ci riesco a valutare con il dovuto distacco le nostre poche rivoluzioni intorno al Sole. Però ancora non so agire come i... Leggere il seguito

    Da  Robyp
    DIARIO PERSONALE, OPINIONI, TALENTI
  • IN GABBIA.Come un uccello in gabbiami lascio catturare da...

    GABBIA.Come uccello gabbiami lascio catturare da...

    IN GABBIA.Come un uccello in gabbiami lascio catturare da nuovi momenti.Una rete fatta da intrecci di tempo:istanti, ore, giorni...anniche ti chiedono soltanto... Leggere il seguito

    Da  Costantino Posa
    POESIE, TALENTI
  • E' luna di notte

    Ho un post in cantiere e non ho il tempo di finirlo.E non posso esimermi dal dedicargli il respiro che si merita.Non dovrei nemmeno essere qui, considerando... Leggere il seguito

    Da  Miwako
    TALENTI
  • Dumma la luna stasira

    Dumma luna stasira

    di Lele MastroleoGiulia Terracciano, "Calda notte" (olio su tela)…dumma la luna stasira……dumma la luna stasira, vecchiu sacrestanu te lu cielu, minti lu... Leggere il seguito

    Da  Cultura Salentina
    TALENTI
  • La luna

    luna

    Quando la sera tinge d’inchiostro le pareti del cielo e le stelle, coriandoli di luce, pungolano il suo nero manto …alta la luna regna, sovrana indiscussa... Leggere il seguito

    Da  Parolesemplici
    DIARIO PERSONALE, TALENTI
  • Luna gelida.

    Luna gelida.

    La luna gelida illuminava il buio di tante avversità.Un vortice di sensazioni... che non si placano,mentre sognavo di mettere a posto ogni cosa.Come il caos... Leggere il seguito

    Da  Costantino Posa
    POESIE, TALENTI
  • Quattro passi sulla luna.

    Quattro passi sulla luna.

    Avevo bisogno di stare un pò da solo. Ho fatto quattro passi sulla luna. Da lì, ho rivisto la mia terra. Da lì, mi è sembrata ancor più bella. Di quel caos,... Leggere il seguito

    Da  Costantino Posa
    POESIE, TALENTI

Dossier Paperblog

Magazine