Magazine Ecologia e Ambiente

Centrali solari CSP: quand'e' che grande e' troppo grande?

Creato il 22 giugno 2011 da Howtobegreen

Centrali solari CSP: quand'e' che grande e' troppo grande?

Centrali solari, solare a concentrazione termodinamica CSP, grandi potenze centralizzate ed enormi dimensioni. Immensi parchi solari sono un fra gli argomenti più caldi al giorno d’oggi. Negli Stati Uniti aziende come BrightSource, Abengoa, Solar Millennium e NextEra sono già ben oltre la pianificazione di progetti solari giganteschi: Abengoa con 280 Mega Watt (progetto solare termodinamico a concentrazione Solana), Solar Trust of America che è di proprietà in parte di Solar Millennium con 1.000 Mega Watt (progetto solare termodinamico a concentrazione Blythe suddiviso in quattro parti da 250 Mega Watt) e BrightSource con il progetto solare termodinamico a concentrazione da 392 Mega Watt di Ivanpah. Questi sono i maggiori.
Le centrali solari termodinamiche a concentrazioni sono vere e proprie centrali elettriche in grado di produrre enormi quantità di energia e addirittura accumularne abbastanza da permettere la generazione di potenza durante il periodo notturno.
La costruzione di tali centrali è pensata per siti desertici tipo quello sito nella California del sud: il deserto del Mojave, già sede di una alcune centrali CSP costruite alla fine degli anni 80 (vedi reportage di sunbeppe: http://www.howtobegreen.eu/greenreport.asp?title=139 ).
Nasce però una domanda: quand’è che GRANDE è TROPPO GRANDE?
In passato, la tecnologia CSP è stata criticata per la quantità di acqua che le centrali hanno bisogno per funzionare così come lo spostamento di alcune tipologie di piante rare e animali selvatici (come la tartaruga del deserto) in seguito alla costruzione delle centrali stesse. Ora fra la critica inizia ad affrontare un’altra questione: la grandezza delle centrali solari. Secondo i critici del CSP e quindi delle mega centrali nel deserto, l’unico modo che gli USA avrebbero per risolvere (in parte) i loro problemi energetici sarebbe quella di puntare sulla diffusione di piccoli impianti fotovoltaici DISTRIBUITI e quindi utilizzare la rete come una smart network per lo scambio dell’energia fra i piccoli produttori.
In effetti la distribuzione diffusa di impianti fotovoltaici permetterebbe la riduzione durante le ore di picco della richiesta di energia alla centrali. Inoltre tale approccio eviterebbe le immense strutture di trasporto dell’energia dalle lontane centrali solari nel deserto verso le megalopoli affamate.
D’altra parte in molti fanno presente ai "critici del grande solare" che si sta parlando di progetti in America, terra notoriamente famosa per grandi progetti e grandi spazi. Inoltre per costruttori di centrali elettriche come Abengoa è più semplice passare dalle centrali a ciclo combinato a sistemi solari CSP in quanto "il formato del progetto complessivo è lo stesso" anche se la tecnologia può essere molto diversa.
Non c'è a mio avviso da dimenticare il problema/opportunità legato agli enormi profitti che stanno motivando alcune scelte piuttosto che altre. Secondo la blogger Dana Blankenhorn: "Non è una questione in questo momento di grande centrale solare o piccola, eolico grande o piccolo. Si tratta di scegliere se continuare a devastare il pianeta raccogliendo fonti fossili e bruciare (carbone, petrolio e gas) o raccogliere nel modo migliore possibile l’energia che tutto intorno ci circonda".

Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :